HOME Articoli

Lo sai che? Pagamenti oltre la soglia antiriciclaggio di 12.500 euro: come si calcola

Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2014

Il divieto della normativa antiriciclaggio si applica anche quando il trasferimento di denaro si sia realizzato tramite il compimento di varie operazioni, ciascuna di valore inferiore o pari al massimo consentito.

 

La normativa antiriciclaggio impone il divieto di trasferire denaro contante e titoli al portatore per importi superiori a euro 12.500 senza il tramite di intermediari abilitati [1]: tuttavia, nel caso di un’operazione avvenuta in diverse trance di pagamento, non si deve avere a riferimento il valore delle singole transazioni, ma quello dell’intera operazione economica. In pratica, si considererà elusione delle norme antiriciclaggio se, pur essendo i singoli pagamenti inferiori a 12.500 euro, l’intero valore dell’operazione superi tale tetto.

Lo ha chiarito la Cassazione in una sentenza di qualche giorno fa [2].

Il tetto dell’antiriciclaggio si considera superato anche con singole transazioni. Secondo la Corte, in tema di violazione della normativa antiriciclaggio, il divieto di trasferire denaro contante e titoli al portatore per importi superiori a euro 12.500 senza il tramite di intermediari abilitati, fa riferimento al valore dell’intera operazione economica alla quale il trasferimento è funzionale, e si applica anche quando detto trasferimento si sia realizzato tramite il compimento di varie operazioni, ciascuna di valore inferiore o pari al massimo consentito.

Pertanto sono illegittime le operazioni di trasferimento di una pluralità di somme di importo inferiore al limite previsto dalla normativa antiriciclaggio quando i singoli trasferimenti rappresentino delle operazioni frazionate riconducibili ad un unico importo superiore ad euro 12.500; ciò avviene, di norma, quando si evince con chiarezza che le transazioni finanziarie siano state poste in essere a distanza di pochi mesi l’una dall’altra e risultano inoltre funzionalmente collegate tra loro.

In sostanza, la finalità della normativa è proprio quella di prevenire l’utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e condannare conseguentemente le condotte economicamente illecite.

note

[1] Art. 1, 1 comma, d.l. n. 143/1991.

[2] Cass. sent. n. 6792/14 del 21.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI