Diritto e Fisco | Articoli

Addio blocco del conto corrente in caso di morte

26 Aprile 2021
Addio blocco del conto corrente in caso di morte

Il cointestatario del conto corrente a firma disgiunta, alla morte dell’altro, deve poter prelevare l’intera giacenza, senza opposizioni da parte della banca. 

Innovativa sentenza della Cassazione in materia di conti correnti. Secondo la Corte, è illegittimo il comportamento della banca che impedisce al cointestatario del conto corrente a firma disgiunta di prelevare anche l’intera giacenza alla morte dell’altro titolare. E ciò perché la situazione che si viene a verificare in caso di conto corrente cointestato a firma disgiunta è una “solidarietà attiva”: in altre parole, ciascun cointestatario può esigere dal debitore (la banca) l’intera prestazione. Tutto ciò si riassume con un’unica considerazione: addio blocco del conto corrente in caso di morte di uno dei due cointestatari.

Cerchiamo di fare il punto della situazione. 

Come noto, il testo unico delle imposte di successione vieta di pagare agli eredi i debiti dovuti al defunto, o di restituire ad essi le cose di proprietà di quest’ultimo, se prima non viene presentata la dichiarazione di successione. Ragion per cui la banca, prima di consentire il prelievo delle somme giacenti sul conto del defunto, esige una copia della dichiarazione di successione.

Tale prassi viene seguita anche nel caso di conto corrente cointestato. Il che determina, non poche volte, un grave pregiudizio nei confronti del cointestatario che riceve, sul conto in questione, la propria pensione o gli altri redditi necessari alla sopravvivenza. Il blocco del conto gli impedisce infatti di poter prelevare qualsiasi importo fino a quando non viene completata la dichiarazione di successione.

Con l’ordinanza citata in apertura [1] la Cassazione censura in modo aperto tale operato delle banche: l’istituto di credito – sostiene la Suprema Corte, richiamandosi a un similare precedente del 2002 [2]  – deve sempre consentire al cointestatario del conto cointestato a firma disgiunta il prelievo, anche se si tratta dell’intera giacenza presente. Il blocco del conto corrente è illegittimo in tali ipotesi.

La Cassazione ha stabilito che, nel caso in cui il deposito bancario sia intestato a più persone con facoltà per le medesime di compiere operazioni, attive e passive, anche disgiuntamente, si realizza una solidarietà dal lato attivo dell’obbligazione che sopravvive alla morte di uno dei contitolari; sicché, il contitolare ha diritto di chiedere, anche dopo la morte dell’altro, l’adempimento dell’intero saldo del libretto di deposito a risparmio o del conto corrente. L’adempimento così conseguito libera la banca verso gli eredi dell’altro contitolare che non potranno recriminare nulla contro l’istituto di credito, né chiamarlo a rispondere delle somme sottratte dal cointestatario.

La Cassazione ha anche ulteriormente evidenziato come costituisce uno specifico obbligo della banca, scaturente dalla disciplina del contratto bancario, quello di permettere al singolo cointestatario, anche dopo la morte dell’altro titolare del rapporto, di poter pienamente disporre delle somme depositate, ferma restando la necessità di dover verificare la correttezza di tale attività nell’ambito dei rapporti interni tra colui che abbia prelevato e gli eredi del cointestatario deceduto.

Ricordiamo che, in caso di cointestazione del conto corrente, a cadere in successione è solo il 50% della giacenza: importo che il cointestatario che abbia prelevato l’intera somma è tenuto a restituire agli altri eredi. Se questi ultimi non dovessero quindi ricevere quanto loro spettante, potrebbero agire solo nei confronti del cointestatario e non della banca. 


note

[1] Cass. ord. n. 7862/2021 del 19.03.2021.

[2] Cass. sent. n. 15231/2002 del 29.10.2002.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

9 Commenti

    1. Infatti la penso come lei. La banca non deve sindacare nulla, mi capitò per un mio familiare, con tutti gli adempimenti regolari e nonostante ciò mi fecero aspettare mesi senza mai informarmi sui motivi del ritardo. Roba da denuncia.

  1. Speriamo che la banca rispetti questa grande e bella sentenza , io cointestatario col a firma disgiunta con mio padre deceduto ad agosto 2020 a tutt’oggi questo conto è ancora bloccato causa impossibilità di mio fratello fuori della regione di venire per firmare lo sblocco per il Covid , la banca quasi chiusa per contagi. Come sbloccare questi soldi?

  2. mi pare che la banca sia responsabile in solido dalla disciplina fiscale sopra rilevata , per il mancato pagamento dell’imposta di successione. E’ per tale motivo che viene bloccato il conto in attesa della dichiarazione di successione. come far combaciare allora la disciplina fiscale con quella civie?

    1. Per sbloccare il conto corrente in eredità occorre effettuare la dichiarazione di successione (ad eseguirla può essere anche un solo erede). Un adempimento fiscale necessario per liquidare l’imposta di successione, che consiste nel comunicare all’Agenzia delle Entrate l’ammontare del patrimonio del defunto. Qualora dovessero sopraggiungere attività di cui prima non si era a conoscenza, è possibile procedere alla dichiarazione integrativa. Per evitare conseguenze legali, la banca blocca anche il conto corrente del defunto cointestato con un’altra persona.

  3. Vale anche x i conto posta o libretto postale o conto COOP ? dovrebbe essere così a rigor di logica

  4. unica soluzione se la banca fa la puntini puntini a tener bloccati i soldi illegalmente direi…: avvocato e denuncia

  5. Spett. Redazione, gentilmente pongo un quesito: se gli eredi di un defunto con cui cointestavano un c/c a firme disgiunte, non procedessero a comunicarlo alla banca, ma gli eredi medesimi non avessero alcun problema tra di loro nella divisione dei fondi, la banca cosa potrebbe fare in mancanza della comunicazione? Recentemente la Cassazione si è espressa in tal senso. Sarebbe possibile avere un Vs. pensiero? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube