Diritto e Fisco | Articoli

Disturbi di notte: è reato anche se la colpa è dei bambini

25 marzo 2014


Disturbi di notte: è reato anche se la colpa è dei bambini

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 marzo 2014



Compie reato chi di notte dà fastidio ai condomini perché non riesce a tenere a bada i bambini: il disturbo della quiete pubblica scatta anche per condotte colpose.

Rischia grosso chi fa rumore durante le ore notturne nei condomìni, anche se il rumore non è voluto. Infatti, stando a una sentenza di poche ore fa della Cassazione [1], il reato di disturbo della quiete pubblica scatta non solo per le condotte “dolose” ma anche per quelle “colpose”, ossia non volute dal proprietario di casa, come nel caso in cui a fare frastuono siano i figli sonnambuli o poco educati.

Di fatto, perché si abbia l’illecito penale è semplicemente necessario che il rumore sia avvertito da una pluralità indistinta di persone. Se, invece, ad essere disturbato è solo l’appartamento di uno o più vicini identificati (cioè se i rumori arrechino disturbo ai soli occupanti di una singola abitazione, e non ad altri soggetti abitanti nel medesimo condominio o nelle zone circostanti) si configura un illecito civile e il condomino disturbato dal chiasso non avrà altra strada che fare una causa civile per ottenere nient’altro che il risarcimento danni (senza, quindi, poter invece chiedere la sanzione penale nei confronti del colpevole).

Inutile dare quindi la colpa ai bambini sonnambuli o difficili da gestire, se i vicini restano svegli tutta la notte per i rumori che provengono dall’appartamento “incriminato”.

Proprio di recente, la Suprema Corte era già intervenuta a chiarire gli aspetti del reato di disturbo della quiete pubblica. La stessa aveva ricordato che, per far scattare l’illecito penale, basta l’incidenza sulla tranquillità pubblica, in quanto l’interesse tutelato dal legislatore è la pubblica quiete: pertanto i rumori devono avere una tale diffusività che il disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, a prescindere dal fatto se poi, concretamente, a lamentarsi è un solo condomino. Nel caso di specie, i giudici avevano fatto scattare la condanna penale per disturbo alla quiete delle persone nei confronti di un tale che aveva installato condizionatori rumorosi in casa propria.

note

[1] Cass. sent. n. 12939/14 del 25.03.14.

[2] Cass. n. 28874 dell’8.07.2013.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI