Diritto e Fisco | Articoli

Furto auto causato da oggetti e borse ben in vista: l’assicurazione risarcisce?

27 marzo 2014


Furto auto causato da oggetti e borse ben in vista: l’assicurazione risarcisce?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 marzo 2014



Assicurazione contro il furto: abbandono di una borsa in vista all’interno di un’autovettura priva di sistema antifurto e lasciata in un parcheggio incustodito; è condotta gravemente colposa dell’assicurato che esonera l’assicuratore dal pagamento del premio.

Che succede se ti danneggiano o ti rubano l’auto perché hai lasciato all’interno, ben in vista, un oggetto di valore che ha attratto l’attenzione dei malintenzionati?

Poniamo il caso di una valigia lasciata sul sedile posteriore o di una borsa facilmente visibile a chiunque si avvicini all’abitacolo. In questi casi, se la conseguenza di ciò è il furto dell’intero mezzo, l’assicurato, che si presenti alla propria compagnia per chiedere il risarcimento, potrebbe avere una sgradevole sorpresa. Infatti, in tali casi, la compagnia può rifiutare di corrispondere l’indennizzo.

Sarebbe anche difficile, in tali casi, trovare soddisfazione presso un tribunale. Infatti, secondo la giurisprudenza [1], l’abbandono di una borsa in vista, lasciata all’interno di un’autovettura priva di sistema antifurto e in un parcheggio incustodito, è una condotta gravemente colposa dell’assicurato ed esonera l’assicuratore (contro il furto) dall’obbligo di pagamento dell’indennizzo in caso di sottrazione dell’intero autoveicolo.

In città dove la realtà dei furti d’auto costituisce fatto notorio, la presenza di una borsa all’interno di un’auto rappresenta infatti un fattore di sensibile aumento del rischio immediato di un’effrazione e anche della sottrazione della vettura. Simile comportamento legittima pertanto l’applicazione di quella norma contenuta nel codice civile [2] secondo cui l’assicurazione non si estende ai rischi provocati volontariamente e con colpa grave del beneficiario.

Come fa a sapere, però, l’assicurazione che, dentro il veicolo si trovavano oggetti di valore lasciati incustoditi? La risposta è semplice. La compagnia, di norma, provvede a indennizzare l’assicurato solo dopo l’archiviazione del fascicolo con la denuncia di furto, sporta dall’assicurato, pendente presso la Procura della Repubblica. Ovviamente, se nella stessa occasione il derubato ha subìto il furto dei documenti o di altri oggetti di valore, è necessario che ne informi le autorità con la stessa (o diversa) denuncia. Ecco che, dunque, tali circostanze, potranno essere conosciute dall’assicurazione che abbia preso visione del fascicolo relativo al furto.

note

[1] Trib. Modena, sent. n. 1493 del 2.10.2012.

[2] Art. 1900 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Non credo che l’assicuratore possa , in caso di furto totale del veicolo, eccepire la circostanza che il furto è stato perpetrato al fine di rubare la borsa (anche perché normalmente il valore del veicolo è ben superiore a quello di una borsa che teoricamente può essere anche vuota.
    Diverso è il problema del furto parziale ( danni al veicolo). in assenza di una specifica clausola che copra tali eventi credo che l’assicuratore possa esimersi dal pagare. Certo è che se un assicurato in denuncia dice che i ladri hanno forzato le portiere e cercato di asportare il veicolo e poi non riuscendo hanno portato via una borsa ( o una radio) ….

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI