Business | Articoli

Trasferire i contratti in corso dalla vecchia alla nuova azienda in presenza di debiti

19 Febbraio 2015
Trasferire i contratti in corso dalla vecchia alla nuova azienda in presenza di debiti

Si rischia l’incriminazione per il reato di sottrazione illecita al pagamento delle imposte.

Rischia grosso l’imprenditore la cui impresa, sommersa dai debiti, viene “parcheggiata” e, nel frattempo, cede i contratti in corso ad un’altra azienda, sempre dello stesso soggetto o di un prestanome. Infatti, se lo scopo è solo quello di evitare i creditori, e tra questi c’è il fisco, il pericolo è quello di una incriminazione per il reato di sottrazione illecita al pagamento delle imposte.

Lo ha chiarito la Cassazione con una sentenza di questa mattina [1].

Facile per il fisco dimostrare che l’imprenditore, in relazione ai beni trasferiti ed alla modalità di rientro in possesso dei medesimi beni, ha posto solo in essere una condotta finalizzata alla sottrazione al pagamento in favore dell’erario.

Peraltro, è del tutto irrilevante il mancato completamento dell’operazione rispetto alla punibilità delle condotte finalizzate alla distrazione. Infatti, sostiene la Corte, il reato sussiste a prescindere dalla realizzazione del trasferimento effettivo e del vantaggio economico.

Il reato in commento non richiede che l’amministrazione tributaria abbia già compiuto un’attività di verifica, accertamento o iscrizione a ruolo, né richiede l’evento, vale a dire la sussistenza di una procedura di riscossione in atto e la effettiva vanificazione della riscossione tributaria coattiva. Si tratta infatti di un reato “di pericolo” e non “di danno” e l’esecuzione esattoriale, quindi, non configura un presupposto della condotta illecita, ma è prevista solo come evenienza futura che la condotta tende (e deve essere idonea) a neutralizzare.

Ai fini della perfezione del delitto, pertanto, è sufficiente la semplice idoneità della condotta a rendere potenzialmente inefficace (a prescindere, poi, dai risultati effettivi e concreti) la procedura di riscossione [2].


note

[1] Cass. sent. n.. 7618 del 19.02.15.

[2] Cass. sent. n. 25147 del 22.04.09.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube