Impianti di riscaldamento e condizionatori: nuovi libretti obbligatori e adempimenti

31 marzo 2014


Impianti di riscaldamento e condizionatori: nuovi libretti obbligatori e adempimenti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 31 marzo 2014



Per le caldaie nuovi libretti da giugno, da ora obbligatori anche per i condizionatori estivi; cambiano i documenti da custodire e aggiornare per le verifiche di sicurezza.

Dal prossimo 1° giugno cambiano i documenti che certificano l’efficienza degli impianti di riscaldamento installati in casa, in ufficio o in azienda. E diventano obbligatori anche per i dispositivi di climatizzazione estiva.

Impianti di riscaldamento

Il libretto di impianto deve essere presente per tutti gli apparecchi; inoltre, se la potenza è maggiore di 10 kW, diventa obbligatorio anche sottoporre l’apparato agli opportuni controlli periodici.

Ricordiamo che il libretto viene compilato per la prima volta dall’installatore, all’atto della messa in funzione e aggiornato dal responsabile dell’impianto o dal manutentore.

Con l’entrata in vigore, dal 1° giugno, del nuovo libretto, il responsabile (che nei piccoli impianti è l’utente stesso, mentre in condominio può essere l’amministratore o la ditta abilitata da questi delegata) dovrà scaricare il nuovo modello di libretto dai modelli già disponibili sul sito del ministero Sviluppo economico e trascrivere sulla prima pagina di questo i dati identificativi dell’impianto così da consegnarlo, all’atto del controllo, al manutentore per l’aggiornamento.

Il rapporto di efficienza, invece, viene compilato direttamente dal manutentore, che ha anche il compito di trasmetterlo, preferibilmente in via telematica, all’ente locale che tiene aggiornato il catasto.

Nel documento è indicato il risultato dei controlli, che devono essere conformi a quanto previsto dalle norme Uni. In caso contrario, il rapporto risulterà negativo e l’impianto sarà da sostituire.

Incaricati dei controlli sono gli enti locali che ricevono il report delle verifiche e che, da parte loro, organizzano campagne ispettive a campione.

Le sanzioni vanno da 500 ai 3mila euro a carico di proprietario, conduttore, amministratore di condominio o terzo responsabile. Da mille ai 6mila euro per l’operatore incaricato che non provvede a redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo tecnico.

Nuove norme per i condizionatori/climatizzatori estivi

Con l’arrivo dei nuovi modelli di libretto e di rapporto, scattano dal 1° giugno obblighi (prima assenti) anche per chi ha in casa o in ufficio un sistema di condizionamento.

Esattamente come per le caldaie, anche per i condizionatori è necessario compilare il libretto dell’impianto e – laddove la potenza sia maggiore di 12 kW – diventa obbligatorio anche sottoporre l’apparato agli opportuni controlli periodici.

Anche per gli impianti di climatizzazione estiva vi sono nuovi adempimenti che ricalcano quelli per il riscaldamento. Innanzitutto sarà necessario produrre un libretto, che mappa la vita dall’apparato dalla fase di installazione in poi e dovrà contenere i successivi rapporti di efficienza, ogni volta che sarà sottoposto a un controllo.

Per gli impianti con apparati standard e una potenza fra i 12 kW e i 100 kW, l’obbligo di ispezione scatta ogni quattro anni.

Nel caso di un unico sistema per il caldo e il freddo, con generatori diversi, le ispezioni dovranno essere effettuate in momenti distinti.

note

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI