Diritto e Fisco | Articoli

Cartella per la multa: si prescrive in 5 anni

31 Marzo 2014
Cartella per la multa: si prescrive in 5 anni

Dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale, Equitalia non può più procedere al fermo o al pignoramento per mancato pagamento di multe; passa l’orientamento ormai sposato dai giudici di legittimità.

La cartella esattoriale di Equitalia, notificata per il mancato pagamento di una multa stradale, si prescrive in cinque anni e non in dieci. Lo ha chiarito una sentenza del Giudice di Pace di Nardò [1].

L’atto inviato dall’Agente della riscossione, infatti, ha le caratteristiche di una ingiunzione fiscale [2] e, come tale, è un atto amministrativo più simile a un precetto che non a un decreto ingiuntivo. Pertanto non si può applicare ad essa il normale termine di prescrizione decennale previsto dal codice civile [3] per tutti gli atti giudiziari.

Un decreto ingiuntivo o una sentenza sono atti giudiziari, emessi cioè da un magistrato. Per essi la prescrizione è di dieci anni: in altri termini, il creditore che non abbia richiesto il pagamento nei confronti del debitore entro tale termine, non può più agire in esecuzione forzata (precetto e pignoramento).

Viceversa, la cartella esattoriale viene considerata un atto amministrativo, non uno giudiziale: pertanto, ad essa si applica un diverso termine di prescrizione che è, appunto, di cinque anni.

La naturale conseguenza di questa regola è che, decorsi i cinque anni dal ricevimento della cartella esattoriale per le multe stradali, ogni successiva azione di Equitalia (sia essa un pignoramento o un fermo amministrativo) è illegittima. Ciò, ovviamente, a condizione che non siano intervenuti atti interruttivi della prescrizione (per esempio un sollecito di pagamento con raccomandata a.r.).


note

[1] G.d.P. Nardò (LE), sent. n. 459/13.

[2] L’ingiunzione fiscale – si legge in sentenza – ha natura di atto amministrativo che cumula in sé le caratteristiche del titolo esecutivo e del precetto, ma non può acquistare efficacia di giudicato. L’ingiunzione di pagamento è assimilabile a un mero precetto, non a un decreto ingiuntivo.

Ne consegue l’inapplicabilità dell’articolo 2953 cod. civ. ai fini della prescrizione.

[3] Art. 2953 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube