Diritto e Fisco | Articoli

Enti locali: valida la rappresentanza in processo del dirigente solo se prevista dallo statuto

31 Marzo 2014 | Autore:
Enti locali: valida la rappresentanza in processo del dirigente solo se prevista dallo statuto

Procura alle liti rilasciata dal Comune: è valida se firmata dal dirigente invece che dal sindaco?

I dirigenti possono rappresentare in giudizio l’ente locale (Comune o Provincia) solo se ciò è espressamente previsto dallo statuto o dal regolamento dell’ente stesso. In assenza di una previsione espressa, la rappresentanza processuale spetta agli organi designati dalla legge, cioè al sindaco per il Comune e al presidente della provincia per la Provincia [1].

È quanto ricordato da una recente sentenza con cui la Cassazione [2] ha ritenuto non valida una procura alle liti conferita dalla Provincia di Benevento (“in nome del legale rappresentante”) e firmata dal dirigente dell’area legale invece che dal presidente della Provincia. Ciò in quanto né il regolamento né lo statuto provinciale attribuivano ai dirigenti poteri di rappresentanza processuale.

Dunque, in linea generale, gli enti locali sono rappresentati in giudizio dagli organi designati dalla legge. È tuttavia possibile derogare a tale regola prevedendo espressamente poteri di rappresentanza processuale dell’ente anche in mano ai dirigenti, limitatamente ai settori di loro competenza, o ad esponenti apicali delle strutture amministrative dell’ente. Tale poteri si giustificherebbero con il ruolo gestionale autonomo che essi hanno all’interno dell’Amministrazione.

La previsione dei poteri di rappresentanza deve essere però specificamente espressa nello Statuto dell’ente o nel regolamento, purché lo statuto contenga un esplicito rinvio a quest’ultimo.

In assenza di previsione espressa, un’eventuale procura alle liti, in una causa in cui sia coinvolto l’ente locale, sarebbe nulla se firmata dal dirigente e non dall’organo stabilito dalla legge.


note

[1] Art. 50, D.Lgs. n. 267/2000.

[2] Cass. sent. n. 7402 del 28.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube