Diritto e Fisco | Articoli

Indennità di disoccupazione: spetta al disoccupato, non al poco occupato

31 Marzo 2014 | Autore:
Indennità di disoccupazione: spetta al disoccupato, non al poco occupato

L’indennità di disoccupazione detta mini aspi spetta solo al lavoratore che versa in stato di disoccupazione, non anche a lavoratore che, pur avendo un rapporto di lavoro, guadagna poco o in maniera discontinua.

 

Per il lavoratore a domicilio [1] che voglia ottenere l’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti (mini aspi) non basta avere un reddito basso o un’attività lavorativa discontinua (cioè intervallata da periodi di inattività), ma occorre sempre l’estinzione definitiva del rapporto di lavoro e l’iscrizione alle liste di collocamento. In caso contrario, l’indennità di disoccupazione involontaria assolverebbe a una funzione che non le è propria: quella di integrazione salariale per il lavoratore a domicilio, il quale invece è espressamente escluso da tale tipo di garanzia previdenziale [2].

È questa la sintesi di una interessante sentenza della Cassazione di qualche giorno fa [3].

La Suprema Corte ha così chiarito una questione sottopostale dall’Inps: il lavoratore a domicilio, nei periodi d’inattività intercorrenti tra una commessa e l’altra, ha diritto all’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti (o mini aspi)? La risposta dei giudici è stata, evidentemente, negativa.

Ricordiamo che la mini aspi è una indennità rivolta al soggetto che, avendo svolto lavori brevi e discontinui (ad esempio, le supplenze del personale precario della scuola privata), non riesce a raggiungere il requisito di contribuzione minimo richiesto per ottenere l’indennità di disoccupazione con i requisiti normali (52 contributi settimanali). La disoccupazione con i requisiti ridotti ha la finalità di indennizzare i periodi di non occupazione che si sono verificati nell’anno solare precedente la domanda. Abbiamo affrontato il tema dell’indennità di disoccupazione (aspi) e della mini aspi in questo articolo: L’Aspi e gli ammortizzatori sociali per la disoccupazione.

La vicenda

La vicenda da cui ha avuto origine la sentenza in commento riguarda una lavoratrice a domicilio, rimasta priva di occupazione nei periodi tra una commessa e l’altra nell’ambito di un unico rapporto di lavoro con lo stesso committente, rapporto di lavoro quindi mai cessato. Requisito fondamentale, infatti, per la concessione della mini aspi è lo stato di disoccupazione che, nel caso di specie, è stato ritenuto assente.


note

[1] Il lavoro a domicilio è una particolare tipologia di contratto di lavoro, nella quale la prestazione è resa al domicilio del lavoratore, ovvero in locali di cui questi abbia a qualsiasi titolo la disponibilità.

[2] Art. 9, c. 1, l. n. 877/1973.

[3] Cass., sent. n. 7383 del 28.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube