Diritto e Fisco | Editoriale

C’eravamo tanto odiati. Pace tra AgCom e il web?

13 ottobre 2011 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 ottobre 2011



Pace fatta tra AgCom e il web? Solo in apparenza; il problema di fondo rimane.

Lo schema di regolamento contro la pirateria informatica, elaborato qualche mese fa dall’Authority per le Comunicazioni e che doveva essere approvato lo scorso 6 luglio, avrebbe sancito lo spegnimento di milioni di link e siti ritenuti lesivi del diritto d’autore. Ma così non è andata. Almeno per il momento. Sotto le pressanti spinte del mondo politico e del web, che aveva peraltro organizzato, qualche ora prima del d-day, “la notte bianca della rete” (con l’adesione di Emma Bonino, Vincenzo Vita, Antonio Di Pietro, Dario Fo e Franca Rame), l’AgCom ha fatto una parziale marcia indietro, rinunciando al precedente testo ed elaborandone, a sorpresa, uno nuovo. Quest’ultimo, che verrà sottoposto, nei prossimi sessanta giorni, ad una ennesima consultazione pubblica, sembra recepire le critiche mosse all’originario documento, pur conservando la linea dura contro la pirateria.

Ricordiamo brevemente il funzionamento della prima versione.

L’articolo prosegue per I-dome a questo indirizzo

.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI