HOME Articoli

Lo sai che? Addebito della separazione anche per un solo episodio di violenza

Lo sai che? Pubblicato il 3 aprile 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 aprile 2014

Anche un unico episodio di violenza è sufficiente per chiedere la separazione con addebito al coniuge manesco; la violenza fisica lede la dignità di ogni persona e, all’interno di un matrimonio, è un chiaro sintomo di una “patologia relazionale”.

Come diceva Eraclito, noto pensatore della Grecia antica, “bisogna spegnere la violenza piuttosto che l’incendio”.

Quando in un matrimonio si interrompe la comunicazione, il rischio è che la violenza psicologica o fisica detti le regole del vivere quotidiano. Nonostante le suppliche e le richieste di perdono da parte del coniuge manesco, la violenza non è un “episodio”, ma un fenomeno che tende a ripetersi nel tempo, nonostante i pentimenti.

Peraltro, a dispetto dei luoghi comuni, che disegnano sempre l’uomo come il coniuge “forte”, la violenza (psicologica) può anche provenire dalla donna, in alcuni casi artefice di veri e propri accanimenti dei confronti di uomini arrendevoli.

Il naufragio di un matrimonio può dipendere anche da un solo episodio di violenza. In questi casi, l’orientamento dei giudici è quello di consentire al coniuge vittima di chiedere la separazione con addebito: le ragioni del ricorso verranno, in tale caso, basate proprio sull’unico evento di percosse che ha determinato la fine del matrimonio.

Ricorrere alla violenza fisica o psicologica significa anche violare uno dei doveri [1] che i coniugi sono tenuti a rispettare con il matrimonio: quello di assistenza morale. Il coniuge manesco è tutt’altro che protettivo e comprensivo, ma diventa un pericoloso nemico.

A tal proposito, è interessante una sentenza della Corte di Appello di Palermo [2]. I giudici

hanno respinto il ricorso di un uomo che, in una sola occasione e in seguito a un litigio, aveva dato un pugno alla moglie provocandole lesioni all’occhio.

L’episodio era stato anche riferito dal figlio della coppia.

È bastato questo gesto isolato perché il Tribunale riconoscesse l’addebito in capo all’uomo.

Inoltre, secondo un orientamento della Cassazione [3] il fatto che risulti provato, attraverso testimoni, un unico episodio di percosse, anche senza lesioni evidenti, non significa che il quadro relazionale della coppia non sia stato compromesso in maniera definitiva. Un simile comportamento costituisce affermazione della supremazia di una persona su di un’altra, con disconoscimento della pari dignità di ogni persona.

note

[1] Art.143 cod.civ.

[2] C. App. Palermo sent. n. 991/2013

[3] Cass. sent. n. 817/2011.

 

Per provare l’unico o la pluralità di episodi violenti è necessario portare in giudizio prove valide come referti medici oppure testimoni che abbiano assistito al fatto.

Mi preme specificare che sarà il giudice, valutando caso per caso, a stabilire se l’episodio raccontato dal coniuge vittima sia attendibile o meno. In alcuni casi, infatti, può accadere che il coniuge “presunta vittima” inventi una storia di violenza semplicemente per vendetta nei confronti dell’altro coniuge.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI