Diritto e Fisco | Articoli

Mai più ricorsi contro le multe?

22 gennaio 2012


Mai più ricorsi contro le multe?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 gennaio 2012



Misure sulle spese e gli onorari degli avvocati per scoraggiare i ricorsi contro le multe.

Da quest’anno fare un ricorso contro una multa potrebbe non essere più conveniente né per l’avvocato né per il cittadino: un recente provvedimento del decreto Monti [1] (volto a colpire le spese, competenze ed onorari giudiziari), infatti, impone ora al giudice di liquidare, in favore della parte vincitrice, il compenso per l’avvocato nel limite massimo del valore della domanda (cioè al valore della somma per cui si fa ricorso).

Ora, quindi, il Giudice di pace può sì condannare la parte soccombente al rimborso delle spese processuali a favore dell’altra parte, ma le competenze e onorari liquidati dal Giudice non possono superare il valore della causa.

L’obiettivo della norma vorrebbe essere quello di limitare l’esorbitante numero di ricorsi che aggravano il carico giudiziario dei tribunali italiani, scoraggiando il cittadino a ricorrere in giudizio con eccessiva superficialità. In realtà essa finisce per comprimere il diritto alla difesa, posto che nessun legale potrebbe più essere interessato a patrocinare cause di basso valore, rimettendoci così di propria tasca (per es. per le spese di trasporto), posta la prospettiva di guadagni irrisori in caso di multe di basso valore.

Un primo deterrente al ricorso troppo facile era già stato adottato con l’introduzione del contributo unificato (un’imposta il cui costo grava in capo a chi contesta la multa).

Di recente, la Corte di Cassazione ha inoltre accolto il ricorso di un automobilista che, pur avendo ottenuto l’annullamento della contravvenzione, non si è visto riconoscere il rimborso delle spese legali né dal Giudice di pace né dal Tribunale.

La Corte ha infatti stabilito che  “se non viene motivata la scelta della compensazione delle spese, chi perde deve pagare l’avvocato della controparte” [2].

 

 


note

[1] Articolo 13 del Decreto legge 22 dicembre 2011, numero 212

[2] Di recente, Corte di Cassazione ordinanza 26987, depositata il 15 dicembre 2011.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Opposizioni alle multe a picco
    Autore: Filippo Grossi
    Fonte: Italia Oggi pag: 35
    Calano i ricorsi contro le multe. Il contributo unificato di 37 euro ha di fatto posto un freno alle istanze dei cittadini che intendono opporsi alle sanzioni amministrative e in particolare alle multe. A registrare il maggior calo sono state soprattutto Napoli con meno 75% e Milano meno 67%. In leggera diminuzione Torino.

  2. In Italia siamo sotto Dittatura dove le leggi si uisano solo contro i cittadini indifesi.
    A Roma ci sono piu’ avvocati che in tutta la Francia……..

  3. Purtroppo, lo Stato continua a trattare i cittadini da sudditi ignoranti e privi di ogni diritto. E sorprende non poco la scarsa sensibilità dimostrata da chi dovrebbe rappresentarci!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI