Diritto e Fisco | Articoli

Stalking: quando si procede d’ufficio?

22 Maggio 2021
Stalking: quando si procede d’ufficio?

Sono stata denunciata per stalking e per il reato di sostituzione di persona. Siamo arrivati a un accordo economico; la vittima vuole rimettere la querela ma la denuncia per sostituzione di persona, unita a quella di stalking, dovrebbe rendere tutto procedibile d’ufficio. C’è una via d’uscita o una sentenza della Cassazione che fa decadere la denuncia di sostituzione di persona?

I reati di stalking e di sostituzione di persona, sebbene a volte possano integrarsi nell’ottica del medesimo disegno criminoso dell’autore, sono differenti l’uno dall’altro sia per modalità di condotta che per bene giuridico protetto. Da tanto deriva che, sebbene essi, in un capo di imputazione, possano coesistere ed essere avvinti dalla continuazione (art. 81 c.p.), restano ben distinti tra loro. Basti solo pensare che, mentre il reato di sostituzione di persona è inserito all’interno dei delitti contro la pubblica fede (e, in particolare, tra quelli della falsità personale), lo stalking rientra invece tra i delitti contro la persona. Di qui anche il diverso regime di procedibilità.

Purtroppo, l’ultimo comma dell’art. 612-bis c.p. afferma che per lo stalking si procede d’ufficio quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’ufficio, proprio come succede nel caso del delitto di sostituzione di persona.

A tal proposito, la Corte di Cassazione (sentenza n. 9952/2018), dovendo giudicare un caso del tutto analogo a quello esposto nel quesito (concorso di stalking e sostituzione di persona), ha affermato che «va riconosciuta la correttezza della decisione del giudice censurato in riferimento all’affermata perseguibilità ex officio, ai sensi dell’art. 612 bis c.p., comma 4». Insomma: quando sono contestati insieme, la procedibilità d’ufficio della sostituzione di persona si estende anche allo stalking.

L’unico modo per scongiurare questa ipotesi sarebbe quella di separare i due delitti, in modo tale da affermare che l’uno non è stato commesso in occasione dell’altro, e viceversa. In pratica, se si riuscisse a dimostrare (ad esempio, grazie alla grande distanza di tempo che separa la commissione dell’uno dall’altro) che la sostituzione di persona non c’entra nulla con lo stalking, allora il reato di atti persecutori sarebbe procedibile a querela di parte.

Tanto si evince anche dalla sentenza sopra citata, secondo cui è pacifico «che il delitto di atti persecutori è procedibile d’ufficio se ricorre l’ipotesi di connessione prevista nell’art. 612 bis c.p., u.c., la quale si verifica non solo quando vi è connessione in senso processuale (art. 12 c.p.p.), ma anche quando v’è connessione in senso materiale, cioè ogniqualvolta l’indagine sul reato perseguibile di ufficio comporti necessariamente l’accertamento di quello punibile a querela, in quanto siano investigati fatti commessi l’uno in occasione dell’altro, oppure l’uno per occultare l’altro oppure ancora in uno degli altri collegamenti investigativi indicati nell’art. 371 c.p.p., e purché le indagini in ordine al reato perseguibile di ufficio siano state effettivamente avviate».

La remissione di querela, tuttavia, pur non potendo sortire effetti processuali (in quanto si procede d’ufficio) può senz’altro indurre il giudice a tenere conto della lievità del fatto. Inoltre, l’accordo con la controparte servirebbe a scongiurare un’eventuale costituzione di parte civile di quest’ultima.

Va ricordato poi che, ai sensi dell’art. 62, nr. 6, c.p., costituisce attenuante comune (che dà diritto a uno sconto di pena di un terzo) l’avere, prima del giudizio, riparato interamente il danno, mediante il risarcimento di esso, e, quando sia possibile, mediante le restituzioni.

Dunque, sebbene la procedibilità sia d’ufficio, l’accordo con la controparte può comunque comportare dei vantaggi e, nell’eventuale ipotesi di condanna, il giudice ne terrebbe senz’altro conto nel determinare la pena.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube