Diritto e Fisco | Articoli

Quanto tempo per decreto ingiuntivo?

14 Maggio 2021
Quanto tempo per decreto ingiuntivo?

Emissione, notifica e pagamento del decreto ingiuntivo: procedura. 

Quanto tempo ci vuole per un decreto ingiuntivo, per ottenerlo e poi notificarlo? 

Quanto deve attendere il creditore prima di recuperare i propri soldi e quanto invece il debitore prima che arrivi l’ufficiale giudiziario a pignorargli i beni? 

Per comprendere quanto tempo ci vuole per un decreto ingiuntivo è necessario prima conoscere la relativa procedura. Ne parleremo in questo breve ma pratico articolo.

Cos’è un decreto ingiuntivo?

Il decreto ingiuntivo è un ordine del giudice, rivolto al debitore su richiesta del creditore, a pagare una somma di denaro, o a consegnare un bene specifico (ad es. un’auto ottenuta in leasing) o una determinata quantità di cose fungibili (ad es. una partita di arance).

Il decreto ingiuntivo non è una sentenza, ma acquisisce la stessa forza di una sentenza definitiva se il debitore non fa opposizione entro 40 giorni dal suo ricevimento.

Come si chiede un decreto ingiuntivo

Per ottenere un decreto ingiuntivo, il creditore deve munirsi di una prova scritta del proprio credito. Può trattarsi di un contratto, una fattura, un ordine sottoscritto dal cliente o di un’ammissione del debito da parte di questi.

Insieme a tale documento, il creditore deposita telematicamente, presso la cancelleria del giudice competente, una richiesta di decreto ingiuntivo. 

Il giudice, valutata la prova, emette l’ingiunzione di pagamento, ossia il decreto ingiuntivo che deposita in cancelleria.

Il creditore richiede le copie autentiche del decreto ingiuntivo che deve notificare, anche in via telematica, al debitore. La notifica deve avvenire entro massimo 60 giorni dall’emissione del decreto ingiuntivo.

Il debitore, ricevuto il decreto ingiuntivo, ha 40 giorni di tempo per decidere se pagare (e mettere la questione definitivamente a tacere) oppure fare opposizione al decreto stesso. In questo secondo caso, inizia una causa vera e propria in cui il debitore svolge il ruolo di “convenuto” e il creditore quello di “attore”. È quest’ultimo quindi che deve dimostrare il proprio diritto di credito, con prove che siano diverse dal documento esibito in fase di richiesta del decreto ingiuntivo.

Se il debitore, una volta ricevuto il decreto ingiuntivo, non paga e non fa neanche opposizione, il decreto ingiuntivo diventa definitivo e assume la stessa forza di una sentenza passata in giudicato, ossia definitiva.

A questo punto il creditore, entro 10 anni, deve notificare al debitore il cosiddetto atto di precetto con cui gli intima di eseguire la prestazione entro massimo 10 giorni.

Dall’undicesimo giorno in poi il creditore può procedere al pignoramento nei confronti del debitore. Lo deve però effettuare entro 90 giorni dalla notifica del precetto. Diversamente, se scade il termine, dovrà notificare un nuovo atto di precetto.

Quanto tempo ci vuole per un decreto ingiuntivo?

L’articolo 641 del Codice di procedura civile stabilisce che il giudice debba emettere il decreto ingiuntivo entro 30 giorni dal deposito del ricorso. Chiaramente i giudici, interpretando tale norma, hanno stabilito che non si tratti di un termine perentorio e che pertanto ben può il magistrato emettere l’ingiunzione anche oltre tale termine. 

Alla luce di ciò, i tempi per il decreto ingiuntivo variano notevolmente di tribunale in tribunale. 

I tempi di emissione del decreto ingiuntivo si sono notevolmente ridotti da quando esiste il processo civile telematico. Una volta, in alcuni tribunali, si arrivava ad attendere anche 6 mesi. Oggi, invece, per un decreto ingiuntivo ci vogliono in media dai 10 ai 100 giorni, a seconda del tribunale e del carico di lavoro.

Per la sua notifica, però, è necessario attendere ancora qualche giorno se il creditore intende procedere in forma cartacea; in tal caso, infatti, l’avvocato deve chiedere l’emissione di una copia autentica. Ciò non è necessario invece nel caso di notifica telematica.  

Come detto, una volta notificato il decreto ingiuntivo, è necessario attendere 40 giorni dal giorno del ricevimento per dare al debitore la possibilità di pagare. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube