Diritto e Fisco | Articoli

Quando una moto è esente dal bollo?

30 Agosto 2021 | Autore:
Quando una moto è esente dal bollo?

Non solo veicoli d’epoca o per disabili: ci sono molti altri casi in cui non si deve pagare la tassa per girare in sella alla «due ruote». Ecco quali.

Circolare con un veicolo comodo, con cui evitare le code e facile da parcheggiare è il sogno di chi si muove nelle grandi città. La moto è, probabilmente, il più indicato, soprattutto per coprire le distanze che in bicicletta richiederebbero troppo sforzo (arrivare in ufficio sudati fradici non è il massimo) o per chi deve arrivare nei punti scomodi da raggiungere con i mezzi pubblici. La moto, però, ha i suoi costi: a parte il carburante, l’assicurazione e la manutenzione, c’è anche da pagare il bollo. Tuttavia, non tutti sanno che ci sono dei casi in cui la tassa o non si deve versare o lo si deve fare in versione ridotta. Allora, quando una moto è esente dal bollo?

Tra i più fortunati ci sono quelli che hanno un veicolo con almeno 20 o, meglio ancora, 30 anni di vita (e ce ne sono, perbacco). Uno di quelli, insomma, che rientrano nella categoria delle moto d’epoca. Ma, come vedremo, non sono i soli.

Ci sono delle agevolazioni a livello nazionale ma anche a livello regionale: non bisogna dimenticare, infatti, che sono questi enti sovracomunali a gestire la tassa automobilistica (che vale anche per le motociclette), tranne in Friuli Venezia Giulia e in Sardegna, dov’è gestita dall’Agenzia delle Entrate.

Vediamo, allora, quando una moto è esente dal bollo, sia a livello nazionale sia nelle varie Regioni.

Esenzione bollo per le moto: chi può usufruirne?

Le possibilità di risparmiarsi la tassa automobilistica, che riguarda anche i motocicli, sono più numerose di quel che si può pensare. Ecco quando una moto è esente dal bollo.

Devo pagare il bollo sulla moto d’epoca?

Giusto perché li abbiamo citati poco fa, partiamo dai proprietari di una moto d’epoca. Viene considerata tale quella che è stata costruita o immatricolata da almeno 20 anni e che è iscritta ai registri storici riconosciuti per il rilascio del certificato di rilevanza storica o collezionistica. In questo caso, non si paga il bollo (vale a dire, c’è l’esenzione totale) quando la moto ha almeno 30 anni, mentre se ha tra 20 e 29 anni si paga il 50% della tassa.

Devo pagare il bollo sulla moto del disabile?

Altra situazione abbastanza nota in cui non si paga il bollo è quando il veicolo appartiene ad un soggetto disabile, in particolare a:

  • sordi o non vedenti;
  • disabili con handicap psichico che prendono l’indennità di accompagnamento;
  • disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie (in questo caso, occorre l’adattamento del veicolo).

Dell’esenzione del bollo della moto può beneficiare anche il familiare del disabile, sempre che quest’ultimo sia a suo carico ai fini fiscali, ovvero abbia un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro. Per il raggiungimento di questo limite non va tenuto conto dei redditi esenti, come, per esempio, le pensioni sociali, le indennità (inclusa quella di accompagnamento), le pensioni e gli assegni erogati ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili.

Devo pagare il bollo se la moto è stata radiata?

Non si paga il bollo della moto nel caso in cui – è proprio il caso di dirlo – sia sparita dalla circolazione, cioè non esista più come bene giuridico. Significa, quindi, che è stata radiata dal Pra, cioè dal Pubblico registro automobilistico (dove vengono iscritte anche le moto, non solo le auto). L’esenzione è riconosciuta dal periodo d’imposta successivo a quello in cui c’è stata la radiazione.

Devo pagare il bollo se vendo la moto?

Facile pensare che se si vende moto, a pagare il bollo sarà l’acquirente, mica il vecchio proprietario. La questione è: c’è l’esenzione in toto o in parte? Cioè, se devo versare la tassa a maggio e vendo la moto un mese prima, che succede?

La regola è questa: chi cede la moto usata ad un’altra persona non paga il bollo che scade dopo la trascrizione al Pra dell’atto di vendita o di donazione.

Non è detto, però, che le due parti, pur avendo riportato il passaggio di proprietà sul libretto di circolazione, abbiano provveduto alla trascrizione al Pubblico registro automobilistico. Se ciò non è stato fatto, delle due una:

  • o si richiede direttamente al Pra la trascrizione per poi rivalersi dei costi sostenuti nei confronti dell’acquirente;
  • o ci si rivolge al Giudice di Pace per ottenere una sentenza che accerti la perdita del possesso. In sostanza, bisognerà agire in giudizio per dimostrare che non si è più proprietari della moto.

Devo pagare il bollo se la moto me la rubano?

«Cornuto e mazziato», si suol dire: non solo ti rubano la moto ma devi pure pagare il bollo? La legge prevede il mezzo gaudio: la moto forse non la troverai più ma il bollo non va pagato. È importante, però, che in caso di furto si faccia annotare al Pra la perdita di possesso del mezzo, previa denuncia ai Carabinieri dell’avvenuto furto. Nel momento in cui porti la denuncia al Pra e fai la richiesta di annotazione, la moto ufficialmente non sarà più tua.

Questa procedura comporta due vantaggi. Il primo, è che non devi pagare il bollo per una cosa che non possiedi. E l’altro, il fatto che se viene commesso un delitto con quella moto (borseggio, rapina, ecc.) nessuno potrà chiedertene conto.

Devo pagare il bollo se la moto è sottoposta a fermo?

La maggior parte delle Regioni prevede l’esenzione dal bollo quando la moto è sottoposta a fermo amministrativo da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione per il mancato pagamento delle cartelle esattoriali. Attenzione, però: la Corte Costituzionale ha stabilito che l’amministrazione regionale è autorizzata a far pagare la tassa anche in questa eventualità. Conviene, quindi, chiedere alla propria Regione come si comporta in questi casi.

Devo pagare il bollo se non voglio ereditare la moto?

C’è chi la moto non la vuole ma se la ritrova comunque perché rientra nell’eredità di un parente deceduto. Della moto non gliene importa di sicuro e, a dire la verità, nemmeno di accettare l’eredità perché sono più i debiti dei benefici.

In casi come questo, quando si rinuncia all’eredità che prevede, tra le altre cose, anche il possesso di una moto, è possibile far trascrivere tale rifiuto al Pra (cosa possibile dal 2013, peraltro). Così facendo, non si è più tenuti a pagare il bollo per la moto passata in successione.

Bollo della moto: quando si prescrive?

Non è finita: il bollo della moto non va pagato anche quando la tassa riguarda un arretrato caduto in prescrizione. Questo succede dopo 3 anni dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui il pagamento è dovuto fino il 31 dicembre del terzo anno. Pertanto, il bollo arretrato della moto non va più pagato a partire dal quarto anno successivo a quello in cui il versamento doveva essere effettuato.

Da segnalare, infine, che nella maggior parte delle Regioni c’è l’esenzione dal pagamento del bollo per le moto elettriche. L’agevolazione va da un minimo di 5 anni fino all’esenzione permanente del Piemonte. Anche in questo caso, è opportuno vedere il regolamento della propria Regione di residenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Vi siete dimenticati che non si deve pagare nemmeno quando non si è possessori di una moto e nemmeno nel caso in cui la moto sia di tuo cuggggino…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube