Diritto e Fisco | Articoli

Quando arriva il bonifico fatto di venerdì?

20 Maggio 2021 | Autore:
Quando arriva il bonifico fatto di venerdì?

Quanto ci vuole per trasferire dei soldi da un conto corrente all’altro alle porte del weekend? Cambia qualcosa se fatto di mattina o di pomeriggio?

Devi effettuare un pagamento urgente inviando dei soldi in un’altra città e l’unica soluzione accettabile è quella del bonifico bancario. Ti accorgi, però, che ormai è venerdì e che, quindi, c’è il fine settimana di mezzo. Quanto ci metterà il trasferimento di denaro ad andare a buon fine? Quando arriva il bonifico fatto di venerdì? E quando potrà disporre il destinatario dei suoi soldi?

Di norma, trascorrono pochi giorni lavorativi, ma bisogna tenere conto di diversi fattori. Uno, ad esempio, se il bonifico viaggia e resta all’interno della stessa banca. Oppure, se l’operazione è stata fatta online o allo sportello. Se si tratta di un trasferimento di denaro nello stesso Comune o dall’altra parte d’Italia se non addirittura all’estero. O, appunto, se c’è di mezzo un fine settimana. Cambia qualcosa, inoltre, se il bonifico viene fatto venerdì mattina o nel pomeriggio? Quella giornata è da conteggiare? Vediamo.

Bonifico bancario: come funziona?

Il bonifico bancario è l’operazione che consente di trasferire una somma di denaro da un conto corrente ad un altro. Nella pratica, chi deve effettuare il pagamento ordina alla banca di spostare l’importo desiderato dal suo conto verso quello del beneficiario. Nel caso in cui il trasferimento avvenga verso un altro conto intestato a chi effettua il bonifico, si parla di «giroconto».

È possibile effettuare un bonifico allo sportello della banca oppure online.

Nel primo caso, l’ordinante deve riportare nell’apposito modulo:

  • i suoi dati anagrafici;
  • il suo codice fiscale;
  • i dati identificativi del conto corrente del destinatario (codice Iban per i conti nazionali o codice Bic/Swift per i conti esteri);
  • l’importo da trasferire;
  • il Paese di destinazione;
  • la causale del bonifico, cioè il motivo per cui viene trasferito il denaro, per evitare possibili accertamenti da parte del Fisco.

Dopo aver firmato il modulo, l’impiegato della banca consegna all’ordinante la ricevuta dell’avvenuta operazione.

Se, invece, si sceglie di effettuare il bonifico online, l’ordinante deve accedere alla sua pagina personale del sito della banca tramite computer, smartphone o tablet oppure mediante l’apposita app. Sarà necessario inserire nel form gli stessi dati richiesti allo sportello e completare la procedura cliccando su «Esegui il pagamento» o altro tasto simile.

Bonifico bancario: quali sono i tempi?

I tempi di accredito di un bonifico bancario non sono eterni, ma dipendono da alcuni fattori.

In linea di massima, si parla di:

  • 1 giorno lavorativo, se la banca e la filiale di chi dispone e di chi riceve il bonifico coincidono;
  • 2 giorni lavorativi, se si tratta della stessa banca ma di una filiale diversa;
  • 3 giorni lavorativi, se gli istituti di credito sono differenti.

Questi tempi, però, possono subire delle modifiche. Ad esempio, si possono accorciare effettuando l’operazione di mattina in base all’orario di cut-off della banca. Che significa?

Il cosiddetto cut-off è un termine in gergo che indica l’orario entro il quale l’ordine di un bonifico si considera ricevuto in giornata. Se quella soglia oraria viene superata, l’ordine si ritiene ricevuto nella giornata successiva, quindi slitterà anche l’accredito. L’orario cambia di banca in banca.

Se, per esempio, la tua banca ha stabilito il cut-off alle 13 ed effettui il bonifico alle 11.30, l’ordine risulterà fatto lo stesso giorno in cui ti sei recato in banca o hai dato la disposizione online. Se, invece, effettui il bonifico alle 15, è come se fossi andato in filiale la mattina dopo.

Diverso il caso dei bonifici verso un conto estero. Anche qui c’è da distinguere tra l’accredito in un Paese dell’Ue e quello in uno Stato extracomunitario.

Nel primo caso, si parla di bonifico Sepa, che può arrivare in un massimo di 3 o 4 giorni lavorativi. Il trasferimento fuori dai confini dell’Unione, invece, ci può mettere da 7 a 10 giorni.

Da precisare, però, che fanno parte dell’area Sepa anche se non sono Stati membri dell’Unione europea Regno Unito, Principato di Monaco, Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein.

Insomma, facendo i dovuti conti quando arriva il bonifico fatto di venerdì? Normalmente, presumendo che venga eseguito la mattina per sfruttare il cut-off giornaliero della banca, l’accredito dovrebbe avvenire:

  • il lunedì successivo, se la banca e la filiale di chi dispone e di chi riceve il bonifico coincidono;
  • il martedì successivo, se si tratta della stessa banca ma di una filiale diversa;
  • il mercoledì successivo, se gli istituti di credito sono differenti;
  • il mercoledì o il giovedì successivi se si tratta di un bonifico Sepa;
  • dopo il venerdì successivo se si tratta di uno Stato extracomunitario.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube