Diritto e Fisco | Articoli

Chi comunica il decesso all’Inps?

20 Maggio 2021
Chi comunica il decesso all’Inps?

A chi spetta informare l’Inps della morte del pensionato: agli eredi, al Comune o al medico necroscopo? Il reato di indebita percezione della pensione. 

Chi comunica il decesso all’Inps? Lo spiega la VI sezione penale della Cassazione in una pronuncia di cui è nota per ora solo l’informazione provvisoria e che arriva a conclusioni diametralmente opposte rispetto a quanto affermato, in passato, dalla stessa Corte con le sentenze 48820/2013 e 14940/2018.

La questione è di particolare rilevanza se si tiene conto che, alla morte del pensionato, è necessario comunicare all’Inps l’avvenuto decesso affinché venga interrotta l’erogazione della pensione, in quanto non più dovuta. Definire quindi a chi spetta comunicare il decesso all’Inps è dirimente nella misura in cui, qualora dovesse ritenersi che tale obbligo compete agli eredi, in caso di omissione ne potrebbe derivare una incriminazione per il reato di «indebita percezione di erogazione ai danni dello Stato». Questa, del resto, è stata la posizione tradizionale sposata dalla giurisprudenza. Secondo le citate sentenze della Cassazione, compete agli eredi inviare il certificato di morte all’Inps non appena si verifica il decesso. Sicché, per far scattare l’illecito penale, basterebbe l’accredito anche di una sola mensilità della pensione, senza possibilità di giustificarsi sostenendo che non c’è stato il tempo necessario per l’invio della comunicazione. 

Oggi, però, la Cassazione si è posta nuovamente la medesima domanda: chi comunica il decesso all’Inps, e questa volta la soluzione è stata diversa. 

Secondo il mutato orientamento, non spetta più agli eredi informare l’Istituto di previdenza circa la morte del pensionato. Né spetta all’eventuale cointestatario del conto corrente sul quale è accreditata la pensione.

Come chiarito nella pronuncia in commento, la legge 27 dicembre 2002 n. 289 ha introdotto l’obbligo per le Anagrafi comunali di trasmettere online all’Inps le comunicazioni di decesso. Questo implica che è il Comune a dover comunicare all’Inps il decesso del pensionato e non certo i privati cittadini; non esiste alcuna norma che imponga a questi ultimi di consegnare, agli uffici Inps, il certificato di morte cartaceo (come invece prima si pensava, richiamando l’articolo 316-ter del Codice, che sanziona l’omissione di informazioni dovute). 

Allo stesso modo, l’articolo 1 legge 23 dicembre 2014 n. 190 ha stabilito l’obbligo per i medici necroscopi di inviare online all’Inps il certificato di accertamento del decesso entro 48 ore dall’evento. Su queste basi, l’Inps dopo la segnalazione del decesso provvede automaticamente a individuare il soggetto nei propri archivi e ad effettuare le necessarie variazioni relative alla pensione.

Dunque, per come messo in evidenza ora dalla Corte, gli eredi non hanno alcun obbligo di comunicazione all’Inps dell’avvenuto decesso e, di conseguenza, nulla può essere loro rimproverato in caso di silenzio. 

Oggi, pertanto, non sono più i parenti del defunto a comunicare il decesso all’Inps; piuttosto a farlo devono essere l’Anagrafe comunale e il medico necroscopo (ossia il medico incaricato dall’Asl per certificare il decesso di una persona). Ciò non impedisce, comunque, al familiare di inviare il certificato di avvenuto decesso del pensionato all’Inps.

Allo stesso modo, resta il fatto che, se l’accredito della pensione dovesse comunque giungere sul conto, questi saranno tenuti a restituire l’importo all’Inps, evitando così un giudizio quantomeno civile volto al recupero dell’indebito.

Alla Corte, era stato chiesto «se possa ritenersi sussistente il reato di cui all’articolo 316-ter Codice penale nel caso in cui il cointestatario del conto corrente sul quale è accreditata la pensione del proprio congiunto non ne comunichi il decesso all’istituto di previdenza e continui a percepire i ratei pensionistici». A tale domanda però i giudici hanno dato risposta «negativa, non potendo ritenersi sussistente l’omissione di informazioni dovute perché non previste».  

Leggi, in merito al diverso orientamento, i nostri precedenti articoli Cosa rischio se incasso la pensione di una persona defunta e Incassare la pensione dopo la morte: come comportarsi?.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube