Diritto e Fisco | Articoli

Contestazioni al pronto soccorso: cosa si rischia

21 Maggio 2021
Contestazioni al pronto soccorso: cosa si rischia

Tutti i reati in ospedale per chi aggredisce medici, infermieri e Oss: oltraggio a pubblico ufficiale, aggravante delle aggressioni, minacce e offese, interruzione di pubblico servizio.

Il medico del pronto soccorso è un pubblico ufficiale. Occhio quindi ad offenderlo in pubblico, davanti cioè ad almeno due persone. Peraltro, una recente legge ha inasprito le pene per le aggressioni nei confronti dei medici. 

A tutto ciò si aggiunge una recente e interessante sentenza della Cassazione penale che punisce chi crea caos in ospedale, con insulti e aggressioni verbali a medici e infermieri. Si tratterebbe infatti di interruzione di pubblico servizio. 

Ma procediamo con ordine e vediamo cosa si rischia in caso di contestazioni al pronto soccorso.

Aggressioni verbali a medici e infermieri

La Legge 14 agosto 2020, n.113 è rivolta a tutelare medici e infermieri prevedendo delle aggravanti di pena nel caso di lesioni personali, gravi o gravissime, nonché nel caso di violenza o minaccia, nei confronti di chi svolge professioni sanitarie o attività ausiliarie. 

La norma include tra le “professioni sanitarie protette”, tutte quelle ordinistiche, assistenziali e tecniche, nonché le varie figure che operano in ambito socio-sanitario. Sono quindi compresi odontoiatri, ostetrici, veterinari, farmacisti, biologi, radiologi, terapisti della riabilitazione, Oss, assistenti sociali ecc.

Inoltre, è prevista una sanzione amministrativa da 500 a 5.000 euro nei confronti di chi offende o molesta i sanitari di cui sopra. 

Leggi sul punto “Legge aggressioni a medici e infermieri“.

Oltraggio a pubblico ufficiale

Come chiarito già dalla Cassazione, il medico del pronto soccorso, come quello del reparto o lo stesso primario, è un pubblico ufficiale. Solo l’attività svolta in intra moenia non configura la qualifica di pubblico ufficiale. Posta la sua funzione di pubblico ufficiale, l’offesa al medico del pronto soccorso costituisce oltraggio a pubblico ufficiale e, quindi, reato. L’offesa deve essere pronunciata davanti ad almeno altre due persone e proprio in ragione dei compiti che il medico sta svolgendo, non per altre ragioni personali.

Leggi sul punto “Insultare il medico del pronto soccorso è reato?“.

Interruzione di pubblico servizio

Quando la condotta violenta e aggressiva nei confronti di un medico o di un infermiere si protrae per più tempo, determinando un ostacolo alle attività del reparto, allora si può rischiare anche un’incriminazione per interruzione di pubblico servizio. 

Nel caso deciso dalla Corte, un uomo aveva posto in essere una «condotta aggressiva e violenta all’interno del Pronto Soccorso dell’ospedale», così come descritta dal medico all’indirizzo del quale quelle minacciose e violente iniziative sono state tenute, tale condotta veniva inoltre confermata dal filmato registrato da una videocamera posta all’interno dei locali. In particolare questi aveva fatto irruzione nei corridoi dell’ospedale, aggredendo a parole e minacciando un medico e alcuni infermieri.

Tale condotta era durata per un considerevole periodo, ossia tra mezz’ora e un’ora, elemento quest’ultimo ritenuto fondamentale per far scattare il reato di interruzione di pubblico servizio. Ciò aveva causato, sottolineano i giudici della Cassazione, «una significativa e duratura interruzione, ovvero un turbamento, di tutte le attività svolte all’interno di quell’importante reparto del nosocomio».


note

[1] Cass. sent. n. 19853/21 del 19.05.2021.

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 5 – 19 maggio 2021, n. 19853

Presidente Bricchetti – Relatore Aprile

Ritenuto in fatto

1. Con la sentenza sopra indicata la Corte di appello di Lecce, sezione distaccata di Taranto, confermava la pronuncia di primo grado del 20 giugno 2019 con la quale il Tribunale di Taranto aveva condannato B.A. in relazione ai reati di cui all’art. 61 c.p., n. 10, art. 612 c.p. e art. 340 c.p., comma 1, per avere, il 2 settembre 2014, cagionato l’interruzione e comunque turbato la regolarità del servizio pubblico di pronto soccorso dell’ospedale (omissis) di […], aggredendo verbalmente e minacciando violenza fisica alla Dott.sa V.A. e agli infermieri, impedendo di fatto, per un rilevante intervallo, al personale sanitario di turno di assicurare all’utenza il servizio di pronto soccorso.

2. Avverso tale sentenza ha presentato ricorso il B. , con atto sottoscritto dal suo difensore, il quale, con due distinti punti, ha dedotto la violazione di legge e il vizio di motivazione, per avere la Corte territoriale contraddittoriamente e illogicamente escluso che la condotta tenuta dall’imputato avesse causato l’interruzione ovvero il turbamento di un singolo atto e non anche della funzionalità complessiva dell’ufficio; e per avere la stessa Corte di merito immotivatamente negato al prevenuto il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche che avrebbero permesso di adeguare il trattamento sanzionatorio al reale disvalore della condotta accertata.

3. Il procedimento è stato trattato nell’odierna udienza in camera di consiglio con le forme e con le modalità di cui al D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, art. 23, commi 8 e 9, convertito dalla L. 18 dicembre 2020, n. 176.

Considerato in diritto

1. Ritiene la Corte che il ricorso sia inammissibile.

2. Costituisce ius receptum nella giurisprudenza di legittimità il principio secondo il quale è inammissibile il ricorso per cassazione i cui motivi si limitino a lamentare l’omessa o illogica valutazione, da parte del giudice d’appello, delle censure articolate con il relativo atto di gravame, replicando – come nella fattispecie è accaduto – il contenuto di quelle censure senza indicare specificamente le questioni che si assumono irrisolte e sulle quali si sollecita il sindacato di legittimità, dunque senza realmente confrontarsi con le ragioni n fatto e in diritto che sono state esplicitate nella motivazione del provvedimento gravato (in questo senso, tra le tante, Sez. 3, n. 35964 del 04/11/2014, dep. 2015, B., Rv. 264879).

Alla luce di tale regula iuris bisogna prendere atto come con il primo motivo del suo atto di impugnazione l’odierno ricorrente si sia sostanzialmente limitato a riproporre le medesime argomentazioni già rappresentate con il proprio atto di appello, senza nulla considerare in ordine alla specifiche ragioni che la Corte territoriale aveva condivisibilmente opposto per confermare la configurabilità del delitto di cui all’art. 340 c.p.: avendo i giudici di secondo grado sottolineato come la condotta aggressiva e violenta posta in essere dal B. all’interno del pronto soccorso dell’ospedale di […] – così come descritta dal medico all’indirizzo del quale quelle minacciose e violente iniziative erano state tenute, e riscontrate dal filmato registrato da una videocamere posta all’interno dei locali fosse durata per un considerevole periodo, tra la mezz’ora e l’ora, provocando una significativa e duratura interruzione ovvero un turbamento di tutte le attività svolte all’interno di quell’importante reparto del nosocomio (omissis).

Decisione, questa, che si pone esattamente in linea con il consolidato orientamento interpretativo di questa Corte di cassazione secondo il quale integra il reato di cui all’art. 340 c.p. la condotta che, pur non determinando l’interruzione o il turbamento del pubblico servizio inteso nella sua totalità, comporta comunque la compromissione del regolare svolgimento di una parte di esso (così, tra le tante, Sez. 6, Sentenza n. 1334 del 12/12/2018, dep. 2019, Carannante, Rv. 274836).

3. Non supera il vaglio preliminare di ammissibilità neppure il secondo motivo del ricorso con il quale il B. si è doluto del fatto che, per negargli le attenuanti generiche, i giudici di merito avevano fatto rifermento esclusivamente ai suoi precedenti penali. Si tratta di una censura generica e manifestamente infondata, avendo la Corte di appello evidenziato come non vi fosse alcuna valida ragione per riconoscere all’imputato quelle attenuanti, a fronte di una condotta posta in essere da un soggetto che, oltre ad avere diversi precedenti penali anche specifici, nella fattispecie aveva manifestato, con una iniziativa illecita duratura nel tempo, una intensa volontà delittuosa, cagionando una lesione dell’interesse giuridico protetto di non modesta gravità.

4. Segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del procedimento e a quella di una somma in favore della Cassa delle ammende, che si stima equo fissare nella misura indicata in dispositivo.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro tremila in favore della Cassa delle ammende.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube