Diritto e Fisco | Articoli

Affitto: come sfrattare l’inquilino irreperibile e moroso

23 Luglio 2014
Affitto: come sfrattare l’inquilino irreperibile e moroso

Ho concesso in locazione un appartamento a un extracomunitario che, poi, è tornato nel suo Paese d’origine senza riconsegnami le chiavi e, soprattutto, senza pagare gli arretrati: cosa devo fare per tornare in possesso del mio immobile?

Nei casi in cui l’inquilino non abbia riconsegnato le chiavi al locatore, sebbene, in questi casi, l’atteggiamento più spontaneo o naturale, da parte del padrone di casa, sia quello di cambiare la serratura e rientrare in possesso del proprio appartamento, in realtà, volendo seguire la legge, è necessario agire con la procedura di sfratto per morosità [1].

Infatti – essendovi un regolare contratto di locazione – se l’inquilino facesse rientro in Italia e pretendesse la consegna dell’appartamento, egli, sebbene moroso, in assenza di un provvedimento del giudice di convalida di sfratto e di un verbale di immissione in possesso in favore del locatore redatto dall’ufficiale giudiziario, avrebbe diritto a conservare la detenzione dell’immobile.

D’altra parte, se il locatore si riappropriasse delle chiavi senza un provvedimento giurisdizionale, rischierebbe una denuncia per “esercizio arbitrario delle proprie ragioni[2], e/o di violazione di domicilio [3].

È stata la stessa Cassazione [4] a puntualizzare tale principio, stabilendo la punizione penale per il proprietario di un immobile che, una volta scaduto il contratto di locazione, di fronte all’inottemperanza del conduttore dell’obbligo di rilascio, anziché ricorrere al giudice con l’azione di sfratto, si fa ragione da sé, sostituendo la serratura della porta di accesso e apponendovi un lucchetto.


note

[1] A norma dell’articolo 658 del Codice di procedura civile e degli articoli 5 e 55 della legge 392/1978.

[2] A norma dell’articolo 392 cod. pen.

[3] A norma dell’articolo 614 cod. pen.

[4] Cass. sent. n. 10066 del 18.01.2005.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Le lungaggini e le difficoltà delle procedure di sfratto di soggetti irreperibili sono note a tutti. In questo caso, il problema maggiore non è dato dalla previsione normativa ma dalla sua applicazione.Il codice di procedura civile, prevede che le notifiche si possono effettuare alla residenza al domicilio o alla dimora.La Cassazione ci conforta (come Associazione degli ufficiali giudiziari l’ abbiamo sempre sostenuto) che fin quando non vi é la consegna delle chiavi l’ immobile resta un luogo nella disponibilità del conduttore.Ai Giudici della Cassazione mi permetto di far presente che spesso quando dichiarano nulle o inesistenti notifiche ex art.140 c.p.c. dell’ ufficiale giudiziario sono effettuate non semplicemente al domicilio bensì al domicilio eletto nel contratto di locazione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube