Diritto e Fisco | Articoli

Pagamento stipendio tracciabile: cosa c’è da sapere

25 Maggio 2021
Pagamento stipendio tracciabile: cosa c’è da sapere

Pagamento su carta di credito prepagata senza Iban, banca e con bonifico; tutte le sanzioni per il pagamento in contanti della busta paga.

La legge vieta il pagamento dello stipendio in contanti. Oggi, il datore di lavoro deve adottare modalità tracciabili come, ad esempio, il bonifico bancario o l’assegno. Accanto alle modalità “classiche” di pagamento dello stipendio tracciabile ve ne sono di ulteriori rese possibili dai nuovi e molteplici strumenti elettronici come, ad esempio, il versamento dell’importo su una carta di credito ricaricabile, sulla PostePay o su un conto estero come PayPal. 

Qui di seguito indicheremo tutto ciò che c’è da sapere sul pagamento dello stipendio tracciabile e le relative sanzioni in caso di violazioni da parte del datore di lavoro. Ma procediamo con ordine.

Pagamento stipendio tracciabile: in cosa consiste?

Il datore di lavoro deve versare lo stipendio mensile tramite:

  • bonifico sul conto corrente postale o bancario identificato dal codice Iban indicato dal lavoratore;
  • altri strumenti di pagamento elettronico;
  • contanti presso lo sportello bancario o postale dove essi hanno aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  • assegno o vaglia postale consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato (coniuge, convivente o familiare, in linea retta o collaterale, purché di età non inferiore a 16 anni).

La retribuzione non può più essere corrisposta in denaro contante direttamente al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato.

Sanzioni per mancato pagamento stipendio tracciabile

Se il datore di lavoro non prova il pagamento della retribuzione con mezzi tracciabili incorre in una sanzione amministrativa da calcolarsi in base alle mensilità per cui si è protratto l’illecito, a prescindere dal numero dei lavoratori interessati. 

La sanzione si può cumulare con quella per l’eventuale lavoro in nero [1]. 

La responsabilità del datore di lavoro sussiste anche in presenza di una dichiarazione resa dal lavoratore che confermi di essere stato pagato con strumenti tracciabili. Difatti, la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione [2]. 

Al datore di lavoro o committente che viola l’obbligo della tracciabilità della retribuzione si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 a 5mila euro. La violazione risulta integrata sia quando la corresponsione delle somme avvenga con modalità diverse da quelle indicate dal legislatore, sia nel caso in cui, nonostante l’utilizzo dei sistemi legali di pagamento, il versamento delle somme dovute non sia stato realmente effettuato. Pertanto, la sanzione scatta anche in caso di bonifico bancario in favore del lavoratore successivamente revocato o dell’assegno emesso che venga annullato prima dell’incasso.

Infine, in caso di pagamento in contanti per un importo mensile pari o superiore a 3mila euro, si applica anche la sanzione amministrativa da 3mila a 50mila euro [3].

Quando si può pagare lo stipendio in contanti

L’obbligo di pagamento dello stipendio con modalità tracciabili non ricorre per i rapporti di lavoro domestico e per quelli comunque rientranti nell’ambito di applicazione dei Ccnl per gli addetti ai servizi familiari e domestici, stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale; per i compensi derivanti da borse di studio, tirocini, rapporti autonomi di natura occasionale [4].

Inoltre, l’uso degli strumenti tracciabili non è obbligatorio per la corresponsione di somme diverse dalla retribuzione, quali ad esempio i rimborsi spese (si pensi ai rimborsi spese di viaggio, vitto, alloggio), che potranno, quindi, continuare ad essere corrisposte in contanti. 

L’indennità di trasferta va invece versata con strumenti tracciabili. 

Pagamento stipendio con carta di credito prepagata

Rientra tra gli “strumenti di pagamento elettronico” il versamento dello stipendio su carta di credito prepagata intestata al lavoratore, anche se non collegata a un Iban. Il datore di lavoro dovrà, tuttavia, conservare le ricevute di versamento anche per esibirle agli organi di vigilanza.

Versamento stipendio in contanti in banca

È valido il pagamento della retribuzione che venga effettuato al lavoratore in contanti presso lo sportello bancario ove il datore di lavoro abbia aperto e risulti intestatario di un conto corrente o conto di pagamento ordinario soggetto alle dovute registrazioni [5].


note

[1] Ispettorato del lavoro nota n. 473 del 22 marzo e nota n. 606 del 15 aprile 2021. 

[2] Comma 912 dell’articolo 1 della legge 205/2017.

[3] INL nota 7369/2018.

[4] INL nota 22 maggio 2018 n. 4538.

[5] INL nota 7369 del 10 settembre 2018.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube