Diritto e Fisco | Articoli

Provvigione mediatore: quando scatta?

12 Giugno 2021
Provvigione mediatore: quando scatta?

Ho fatto una proposta di acquisto per un immobile. Vorrei sapere a partire da quale momento devo dare la provvigione all’intermediario e come è preferibile comunicare con l’agenzia.

Nei riguardi del potenziale acquirente di un immobile, il diritto alla provvigione per il mediatore sorge al momento della conclusione dell’affare [1].

Secondo la pacifica interpretazione giurisprudenziale [2], tale circostanza si verifica quando la proposta del compratore e l’accettazione del venditore si incontrano, così perfezionandosi un impegno vincolante, quale quello di un contratto preliminare di compravendita. In genere, leggendo le condizioni dei moduli sottoposti alla firma dei clienti, tale momento coincide con quello in cui il proponente riceve conoscenza dell’accettazione da parte del venditore.

Il diritto alla provvigione così maturato resta fermo indipendentemente dalle vicende che si verificano successivamente alla definizione dell’accordo.

In altri termini, visto che le parti sono entrate in relazione in conseguenza dell’attività compiuta dall’intermediario, il promittente acquirente deve, inevitabilmente, riconoscere a questi il compenso pattuito al momento del conferimento dell’incarico e/o in occasione della redazione della proposta di acquisto.

In tal senso, pertanto, non è rilevante un eventuale dietro front del compratore che, ad esempio, preferisce perdere la caparra e/o accordarsi amichevolmente con il venditore, per poi risolvere ogni impegno.

Chiarito quest’aspetto, per ogni comunicazione con l’intermediario, le suggerisco di effettuarla dal suo indirizzo pec a quello dell’agenzia immobiliare oppure tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Marco Borriello


note

[1] Art. 1755 cod. civ.

[2] Cass. civ. ord. n. 7781/2020


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube