Super Cashback: le nuove sanzioni per i furbetti

28 Maggio 2021 | Autore:
Super Cashback: le nuove sanzioni per i furbetti

Controlli in arrivo per le transazioni anomale. Ma gli utenti potranno dimostrare la veridicità degli acquisti. 

«Sette giorni». No, non si tratta della scadenza annunciata dalla voce inquietante della bambina di “The Ring” che ordina a chi guarda la videocassetta di suicidarsi sette giorni dopo averla vista. Sette sono i giorni che i furbetti del Super Cashback di Stato hanno a disposizione per segnalare che le transazioni considerate sospette sono invece veritiere.

Le operazioni fraudolente sono legate al programma che mette in palio 1.500 euro per i primi 100mila cittadini italiani che effettuano più transazioni digitali nel periodo compreso tra gennaio e giugno 2021.

In chiusura del primo semestre del programma, come riporta l’Ansa, sono iniziate le verifiche sull’iniziativa messa in campo dal Governo Conte II per incentivare i pagamenti elettronici.

Il ministero dell’Economia e delle Finanze avverte che le anomalie rilevate riguardano il  numero di transazioni ricorrenti di importo irrisorio, effettuate presso lo stesso esercente nello stesso giorno. Ed è per questa ragione che sono stati presi dei seri provvedimenti. I furbetti saranno avvisati con un messaggio sull’app Io della Pubblica Amministrazione che annuncia rigidi controlli sulle transazioni anomale.

Qualche tempo fa, sono effettivamente emersi i casi limite di alcuni consumatori che, nelle ore notturne, si sono recati presso i distributori automatici di benzina per effettuare una raffica di rifornimenti di pochi euro allo scopo di scalare la classifica del Super Cashback di Stato.

Attenzione: le mini-transazioni non possono considerarsi «acquisti» ma operazioni «abusive» quindi saranno stornate, a meno che il consumatore non sia in grado di provare la veridicità della spesa.

Come dimostrare che le operazioni sono veritiere e riguardano acquisti effettivamente realizzati? È possibile presentare ricorso compilando un apposito modulo, un Google Form (come segnalano alcuni utenti, non è prevista però una procedura automatizzata).

Il messaggio ricevuto dagli acquirenti precisa: «Se pensi che si tratti di un errore e le tue transazioni sono in regola, hai sette giorni dalla data di invio di questo messaggio per provare che ci stiamo sbagliando! Usa questo modulo online per dichiarare l’oggetto effettivo dell’acquisto a cui corrisponde ciascuna delle transazioni stornate».

Se non si riesce a provare di aver effettuato l’acquisto o non si dovesse fornire alcuna risposta sulle transazioni segnalate, queste operazioni fake saranno rimosse dopo sette giorni. Si assisterà così ad uno stravolgimento nella classifica del Super Cashback. Nel caso in cui saranno invece ritenute valide, le operazioni saranno conteggiate nuovamente.

Nonostante le violazioni segnalate, la misura anti furbetti non prevede la cancellazione degli utenti dal programma, ma soltanto la rimozione delle micro-transazioni non valide. Pertanto, i consumatori avranno la possibilità di recuperare e rientrare in classifica. Stavolta, senza ricorrere a degli escamotages.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. E se lo meritano. Ma io gli avrei proprio evitato di partecipare nuovamente al cashback. Gli imbroglioni ci stanno da tutte le parti. Era inevitabile che anche in questo caso emergesse il furbetto di turno. Ma questa è l’Italia e non possiamo lametarci se siamo noi stessi ad escogitare certi meccanismi illeciti

    1. Perdonami, ma lo Stato considera virtuosi e premia con 1500 Euro chi fa tante transazioni; pertanto, chi prima faceva la spesa una volta a settimana con 100 Euro, adesso spende la stessa cifra in 10 volte…. E’ criticabile chi cambia le proprie abitudini per adeguarsi ad un gioco ridicolo ma fruttuoso e per essere “premiato” in quanto virtuoso oppure è criticabile chi ha inventato questo sistema di elevato ingegno per combattere l’evasione???? Si vuole incentivare l’uso della moneta elettronica? Si dia il 10% su TUTTE le transazioni!!!! Probabilmente chi faceva la spesa una volta a settimana non aveva tempo di farla tutti i giorni; ma guarda un po, i virtuosi sono quelli che non hanno un cazzo da fare durante la giornata e hanno il tempo di andare a fare spesa 5 volta al giorno!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube