Diritto e Fisco | Articoli

Detrazione spese mantenimento figli maggiorenni

29 Maggio 2021 | Autore:
Detrazione spese mantenimento figli maggiorenni

Qual è il trattamento fiscale per chi versa l’assegno e per chi lo percepisce; quando l’importo fa reddito e quando può essere scaricato dalle tasse.

L’assegno di mantenimento versato all’ex coniuge è interamente detraibile dal reddito, mentre è imponibile per colui, o colei, che lo percepisce. Ma cosa succede, invece, riguardo alla possibilità di detrazione delle spese corrisposte per il mantenimento dei figli maggiorenni?  

L’obbligo di mantenimento della prole non cessa automaticamente con il conseguimento della maggiore età, ma prosegue fino a quando il ragazzo o la ragazza non diventa indipendente ed autosufficiente dal punto di vista economico. Così i genitori, anche quando sono separati o divorziati, continuano a farsene carico anche per parecchi anni dopo il compimento del diciottesimo compleanno dei figli; fermo restando il principio di autoresponsabilità, che impone ai giovani adulti di darsi da fare per trovare un’occupazione adeguata alle proprie capacità, senza poter contare per tutta la vita sull’apporto economico di mamma e papà. 

Sulla detrazione delle spese di mantenimento dei figli maggiorenni una recente sentenza tributaria [1] ha affermato che il genitore che le ha sostenute può indicarle in diminuzione del proprio reddito soltanto quando esiste uno specifico accordo con l’ex coniuge in tal senso (che spesso non è facile da raggiungere). Ma procediamo con ordine ed esaminiamo il regime fiscale nei vari casi che possono prospettarsi.

Mantenimento del figlio maggiorenne 

Come ti abbiamo accennato all’inizio, tutti i genitori – a prescindere dal fatto che siano tuttora sposati, semplici conviventi oppure separati o divorziati – hanno l’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne fino a quando egli non raggiunge l’autosufficienza economica ed è in grado di mantenersi da sé con il reddito che ritrae da un’occupazione lavorativa stabile. Perciò, se il neo diciottenne prosegue gli studi e va all’università deve essere ancora mantenuto, così come quando incontra delle difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro non dovute a sua colpa. 

Se i genitori sono separati o divorziati, la misura del contributo economico in favore dei figli dipenderà dall’accordo raggiunto dai coniugi o da quanto stabilito nel provvedimento del giudice. La legge [2] stabilisce che «il giudice, valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico. Tale assegno, salvo diversa determinazione del giudice, è versato direttamente all’avente diritto». 

Tieni però presente che per poter operare il mantenimento diretto del figlio divenuto maggiorenne versando la somma direttamente a lui, anziché all’ex coniuge che la riceveva per suo conto quando era ancora minorenne, è necessario un provvedimento autorizzativo del giudice, così come quando si intende variare la misura del contributo per fattori sopravvenuti (leggi “Assegno mantenimento: come richiedere la modifica“). 

Mantenimento figli maggiorenni: trattamento fiscale 

Mentre chi versa l’assegno all’ex coniuge può scaricarlo dalle tasse (e chi lo percepisce deve dichiarare l’intero importo, come reddito di lavoro dipendente) per i figli vale una regola diversa. 

Gli assegni versati per il mantenimento dei figli non sono considerati reddito per chi li percepisce; dunque, neanche per il maggiorenne che li riceve periodicamente.

Se il provvedimento del giudice non aveva stabilito la quota di rispettiva spettanza all’ex coniuge e ai figli, disponendo un’unica somma conglobata, ai fini fiscali si considera, forfettariamente, una percentuale del 50% destinata a questi ultimi; perciò, essi potranno scaricare solo questa quota dalle tasse. 

Dal lato dell’obbligato al pagamento, la somma versata non è deducibile o detraibile dall’Irpef o da altre imposte e così l’erogazione non comporta benefici fiscali a suo favore. Quindi, ad esempio, un ex marito potrà detrarre sempre l’importo versato per il mantenimento dell’ex coniuge, ma non quello destinato al mantenimento dei figli. Invece, per il figlio che riceve l’assegno quella cifra sarà esentasse. 

Detrazione spese mantenimento figli maggiorenni a carico

I figli maggiorenni sono considerati ancora fiscalmente a carico dei genitori quando non superano un reddito imponibile proprio di 2.840,51 euro, che sale a 4.000,00 euro per i figli che non hanno compiuto 24 anni di età. In tali casi, le varie spese (mediche, di istruzione, ecc.) sostenute nei loro confronti dai genitori sono deducibili dal reddito o detraibili dall’Irpef secondo i normali criteri, in quanto i figli rientrano ancora nel nucleo familiare di appartenenza. Inoltre, a prescindere dall’entità delle spese sostenute, per i figli a carico spetta la specifica detrazione Irpef commisurata al numero dei figli e al reddito dei genitori.

Il caso particolare esaminato nella sentenza che ti abbiamo descritto all’inizio dell’articolo [1] riguardava un genitore separato che aveva chiesto la detrazione totale delle spese sostenute per i figli maggiorenni, ritenendoli totalmente a suo carico dal punto di vista economico. Ma la Commissione Tributaria ha respinto questa tesi, in quanto mancava un accordo tra gli ex coniugi sul riparto delle detrazioni: la sentenza ha ribadito che solo il genitore che sia «unico affidatario dei figli ha diritto alla detrazione nella misura del 100%, sempre che non sia intervenuto un diverso accordo con l’ex coniuge».

Questo accordo sulle quote di riparto delle spese, e dunque delle relative detrazioni fiscali spettanti, può essere raggiunto in sede di separazione consensuale dei coniugi. Il fatto che i figli abbiano raggiunto la maggiore età non costituisce, però – afferma la sentenza – «una ragione ostativa al riconoscimento del diritto alla detrazione, atteso che la stessa disciplina normativa ammette espressamente tale possibilitànei limiti del ventiquattresimo anno di età del figlio». 

Per ulteriori informazioni leggi anche “Assegno mantenimento: deduzioni e detrazioni fiscali“.


note

[1] Comm. Trib. Reg. Lazio, sent. n. 2764/21.

[2] Art. 337 septies Cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube