Diritto e Fisco | Articoli

Reddito di cittadinanza: viene tolto a chi ha debiti?

9 Settembre 2021 | Autore:
Reddito di cittadinanza: viene tolto a chi ha debiti?

L’Rdc, costituendo un aiuto a favore dei nuclei familiari in difficoltà economiche, è impignorabile?

Introdotto oltre due anni orsono, ad oggi il reddito di cittadinanza, o Rdc, costituisce uno dei più importanti sussidi a sostegno dei nuclei familiari in stato di bisogno. Ci si domanda, per quanto riguarda le famiglie che affrontano serie problematiche economiche connesse all’indebitamento, ad esempio a causa di rate di mutui o di finanziamenti non pagate, se il reddito di cittadinanza viene tolto a chi ha debiti.

In merito alla natura del beneficio, occorre prestare particolare attenzione: il decreto istitutivo della misura [1], difatti, configura la sola pensione di cittadinanza, non il reddito di cittadinanza, come un sussidio di natura alimentare. Il Rdc è invece uno strumento di politica attiva del lavoro, essendo condizionato alla ricerca d’impiego ed alla partecipazione ad incontri di formazione, riqualificazione ed orientamento.

A proposito della possibilità di pignorare il reddito di cittadinanza, bisogna innanzitutto considerare che il beneficiario di un trattamento erogato dall’Inps, qualora non paghi i propri debiti, può subire il pignoramento della prestazione, a seguito della procedura di esecuzione forzata: in pratica, il creditore può chiedere all’Inps di non pagare parte della pensione, o della differente prestazione spettante, ma di versarla direttamente a lui. Questa procedura si chiama pignoramento presso terzi.

Non tutte le prestazioni economiche erogate dall’Inps, però, possono essere pignorate: sono impignorabili, difatti, le prestazioni di assistenza, in base alle previsioni del Codice di procedura civile [2].

Pensioni e sussidi Inps impignorabili

Nel dettaglio, secondo il Codice di procedura civile [2], non è possibile pignorare i crediti alimentari, tranne che per cause di alimenti. Non possono essere pignorati crediti aventi per oggetto sussidi di grazia o di sostentamento a persone in stato di povertà, oppure sussidi dovuti per maternità, malattie o funerali da casse di assicurazione, da enti di assistenza o da istituti di beneficenza.

Stipendi, pensioni, indennità assimilabili alle pensioni e altri assegni di quiescenza sono pignorabili, entro limiti specifici.

Si può pignorare la pensione di cittadinanza?

In base al decreto istitutivo della misura [1], la pensione di cittadinanza costituisce una prestazione economica di assistenza, a favore di chi non è più nelle condizioni di poter svolgere il proprio lavoro. Come tale, questa prestazione non può essere mai pignorata. La pignorabilità, come osservato, è esclusa a priori dal Codice di procedura civile [2] per tutte le prestazioni di assistenza, perché sono finalizzate a garantire il minimo vitale e a “reintegrare essenziali espressioni di vita”.

Si può pignorare il reddito di cittadinanza?

Mentre la pensione di cittadinanza è definita dalla legge [3] unicamente come misura di contrasto alla povertà delle persone anziane, il reddito di cittadinanza è definito non solo come misura di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale, ma anche come una misura fondamentale di politica attiva del lavoro, a garanzia del diritto all’occupazione, nonché diretta a favorire il diritto all’informazione, all’istruzione, alla formazione e alla cultura.

Lo scopo del Rdc è raggiunto attraverso politiche volte al sostegno economico e all’inserimento sociale delle persone a rischio di emarginazione nella società e nel mondo del lavoro. Il Rdc costituisce il livello essenziale delle prestazioni, nei limiti delle risorse disponibili.

Ci si domanda dunque, sulla base di quanto stabilito dalla legge, se nel reddito di cittadinanza prevalga la finalità del contrasto alla povertà, o la finalità di reinserimento sociale e lavorativo.

Sulla questione si è recentemente espresso il tribunale di Trani [4], sottolineando che, nel decreto istitutivo dell’Rdc [1], è assente ogni riferimento alla sua natura alimentare: il reddito di cittadinanza è dunque pignorabile.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che, sebbene il decreto che disciplina il reddito di cittadinanza [1] non preveda l’impignorabilità del beneficio e non sottolinei la sua natura alimentare [5], lo stesso decreto, come osservato, lo qualifica non solo come misura di politica attiva del lavoro, ma anche di contrasto alla povertà.

Peraltro, il tribunale di Trani ha ammesso la possibilità di pignorare il reddito di cittadinanza non in relazione a un credito qualsiasi, ma ad un credito di natura alimentare: il giudice ha ritenuto che il reddito di cittadinanza possa essere utilizzato per i bisogni primari delle persone delle quali il titolare del sussidio ha l’obbligo di prendersi cura, anche se non fa più parte dello stesso nucleo familiare.

La questione della pignorabilità del Rdc merita dunque ulteriori approfondimenti, in relazione ai crediti aventi natura diversa da quella alimentare.

Per saperne di più, leggi la guida al reddito di cittadinanza.


note

[1] Artt. 1-13 DL 4/2019.

[2] Art. 545 Cod. proc. Civ.

[3] Art.1, Co. 1 e 2, DL 4/2019.

[4] Tribunale di Trani, RG. 6028-1/2018.

[5] In relazione all’art. 545 Cod. proc. Civ.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube