Scatta il rincaro dei diritti di copia e certificato

19 Aprile 2014
Scatta il rincaro dei diritti di copia e certificato

Il Ministero della Giustizia conferma: dal 3 maggio scatterà il rincaro che sarà maggiore per le sentenze in formato cartaceo.

Con una circolare appena pubblicata [1], il Ministero della Giustizia ha confermato che, nella Gazzetta Ufficiale di domani [2], verrà pubblicato il provvedimento con il quale, a partire dal prossimo 3 maggio, scatterà l’aggravio dei costi della giustizia, aggravio determinato dall’aumento del costo della vita stimato dall’Istat.

La circolare parla di aumento dei diritti di copie delle sentenze e precisa che, per il formato cartaceo, gli importi aggiornati dovranno essere aumentati del 50% rispetto a quello in modalità elettronica (per le singole voci, vedi alla fine di questo articolo).

La misura dell’aggravio nelle spese di giustizia è contenuto in un decreto dirigenziale di concerto con il ministero dell’Economia che entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo a quello della pubblicazione, vale a dire il 3 maggio (visto che uscirà il 18 aprile in Gazzetta).

La disposizione, spiega la direzione generale della Giustizia civile, introduce una mera maggiorazione del diritto di copia cartacea rispetto a quello in formato elettronico: l’aggiornamento in questione è stato effettuato sugli importi già rivalutati nel 2009 [3].

Gli importi

L’importo di euro 3,54 previsto per il “diritto di certificato” è aggiornato in euro 3,68.

Con circolare 15/2014 del 10 aprile 2014 il ministero aveva ricordato che l’importo del “diritto di copia” e rilasciato su “supporto cartaceo” è fissato in misura superiore di almeno il 50% di quello previsto in formato elettronico. Da calcolarsi, quindi, a partire dai 3,68 euro della cassetta fonografica da 60 minuti fino ai 306,97 euro del compact disc.


La stessa percentuale di aumento del 50%, si applica anche ai “diritti di copia senza certificazione di conformità” che vanno dai 92 centesimi – da 1 a 4 pagine – fino ai 14,73 euro per cento pagine, più 6,14 euro per ogni ulteriori cento pagine o frazione di cento.

Mentre per le “copie autentiche” si va da 7,37 a 18,72 euro (più 7,37 euro). 


note

[1] Circolare n. 15/2014.

[2] Gazz. Uff. “Serie Generale” n. 91/2014.

[3] Con Dm 8 gennaio 2009 originariamente contemplati nelle suddette tabelle allegate al Dpr 115/02.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube