Diritto e Fisco | Articoli

Tutte le detrazioni e deduzioni sull’Irpef per le spese sostenute

18 aprile 2014


Tutte le detrazioni e deduzioni sull’Irpef per le spese sostenute

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 aprile 2014



Lavoratori dipendenti e pensionati: l’incrocio degli sconti abbatte l’Irpef; le deduzioni delle spese sostenute dall’imponibile in combinata con i bonus sull’imposta.

Il peso dell’Irpef può essere ridotto o azzerato dalle spese sostenute nell’anno che danno diritto ad una detrazione d’imposta o ad una deduzione dal reddito.

Per “onere deducibile” si intende l’importo che si può sottrarre dal singolo reddito o dal reddito complessivo.

Per “detrazione” si intende la sottrazione di un importo dall’imposta, che da “imposta lorda” diventa “imposta netta”.

Sono previste detrazioni d’imposta per carichi di famiglia, reddito di lavoro dipendente o autonomo, spese (“oneri”) sostenute e per canoni di locazione.

I lavoratori dipendenti

I contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente hanno diritto ad una detrazione dall’imposta lorda, rapportata al periodo di lavoro nell’anno, pari a:

– 1.840 euro, se il reddito complessivo non supera 8mila euro; l’ammontare della detrazione non può essere inferiore a 690 euro; per i rapporti a tempo determinato, la detrazione spettante non può essere inferiore a 1.380 euro;

– 1.338 euro, aumentati del prodotto tra 502 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 15mila euro, diminuito del reddito complessivo, e 7mila euro, se l’ammontare del reddito complessivo è superiore a 8mila euro ma non a 15mila euro;

– 1.338 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15mila euro ma non a 55mila euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55mila euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 40mila euro.

Ulteriori detrazioni

Per i lavoratori dipendenti è prevista un’ulteriore detrazione da aggiungere a quella spettante di: a) 10 euro, se il reddito complessivo è superiore a 23mila euro ma non a 24mila euro; b) 20 euro, se il reddito è superiore a 24mila euro ma non a 25mila euro; c) 30 euro, se il reddito è superiore a 25mila euro ma non a 26mila euro; d) 40 euro, se il reddito è superiore a 26mila euro ma non a 27.700 euro; E) 25 euro, se il reddito è superiore a 27.700 euro ma non a 28mila.

Le detrazioni per i pensionati

I contribuenti titolari di redditi di pensione hanno diritto ad una detrazione dall’imposta lorda, rapportata al periodo di pensione, pari a:

– 1.725 euro, se il reddito non supera 7.500 euro; l’ammontare della detrazione non può essere inferiore a 690 euro;

– 1.255 euro, aumentata del prodotto tra 470 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 15mila euro, diminuito del reddito, e 7.500 euro, se il reddito è superiore a 7.500 euro ma non a 15mila euro;

– 1.255 euro, se il reddito è superiore a 15mila euro ma non a 55mila euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55mila euro, diminuito del reddito, e l’importo di 40mila euro.

Se alla formazione del reddito dei soggetti di età non inferiore a 75 anni concorrono uno o più redditi di pensione, spetta una detrazione dall’imposta lorda, in luogo di quella ordinaria, rapportata al periodo di pensione nell’anno e non cumulabile con la detrazione ordinaria, pari a:

– 1.783 euro, se il reddito non supera 7.750 euro; la detrazione spettante non può essere inferiore a 713 euro;

– 1.297 euro, aumentata del prodotto tra 486 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 15mila euro, diminuito del reddito, e 7.250 euro, se l’ammontare del reddito è superiore a 7.750 euro ma non a 15mila euro;

– 1.297 euro, se il reddito è superiore a 15mila euro ma non a 55mila euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55mila euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 40mila euro.

I redditi diversi

I contribuenti titolari di redditi diversi hanno diritto ad una detrazione dall’imposta lorda, pari a:

– 1.104 euro, se il reddito complessivo non supera 4.800 euro;

– 1.104 euro, se il reddito è superiore a 4.800 euro ma non a 55mila euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55mila euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 50.200 euro.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI