Diritto e Fisco | Articoli

Estate 2021: come organizzare le vacanze

1 Giugno 2021 | Autore:
Estate 2021: come organizzare le vacanze

Come prenotare i viaggi in epoca Covid? Quali sono i diritti dei consumatori in caso di annullamento della vacanza? Come evitare le truffe.

Voglia di vacanze e di nuove partenze, di relax e di spazi aperti. Dopo circa 15 mesi di pandemia e di crisi, di ansie e difficoltà, di restrizioni e di chiusure, la popolazione avverte la necessità di ritemprarsi e programmare un viaggio nei prossimi mesi per recuperare le energie e spogliarsi di tutte le preoccupazioni accumulate negli ultimi tempi.

La meta preferita dagli italiani resta il mare, scelto da oltre 6 italiani su 10, mentre tutte le altre destinazioni (dalla montagna alle città d’arte) perdono un po’ di terreno rispetto al 2019. È quanto emerge dai risultati dell’Osservatorio mensile di Confturismo-Confcommercio in collaborazione con Swg sulle intenzioni di vacanza degli italiani.

Se la campagna vaccinale in corso rappresenta per molti un freno alle partenze di giugno e per settembre molti sono scoraggiati dall’organizzazione di un viaggio a causa degli impegni lavorativi, degli esami universitari, degli impegni di studio e delle incertezze meteo, allora è il caso di valutare nuove strategie per programmare il tempo libero e concedersi un po’ di relax.

Occhi puntati sulle offerte last minute e sulle modalità di prenotazione più convenienti. Ma attenzione ai rischi di truffa: anche per l’estate 2021, il pericolo di incappare in malintenzionati e di pagare per una casa vacanze inesistente è dietro l’angolo. In questo articolo, troverai alcuni suggerimenti su come organizzare le prossime vacanze estive e alcuni consigli per evitare le truffe.

E se una volta fatta la prenotazione, le vacanze estive del 2021 dovessero essere annullate a causa di nuove restrizioni comunitarie negli spostamenti? Oppure se dovessero saltare a causa dell’eventuale decisione degli altri Paesi stranieri di precludere l’ingresso ai turisti? Il consumatore avrà diritto al rimborso o a un voucher.

Ma procediamo con ordine.

Come organizzare le vacanze estive 2021

Chi intende prenotare un pacchetto turistico rivolgendosi alle agenzie di viaggio oppure ai tour operator, deve sapere che è compito di questi ultimi informarlo di tutti gli adempimenti necessari per viaggiare.

Prima di partire, visti i tempi di pandemia, il consumatore deve essere in possesso del Green pass europeo, qualora intenda spostarsi liberamente negli Stati membri Ue. Per il rilascio del certificato verde, è necessario uno dei seguenti requisiti:

  • l’esito negativo del tampone antigenico o molecolare;
  • la guarigione dall’infezione;
  • la certificazione di avvenuta e completa vaccinazione.

Per ulteriori informazioni leggi: Differenza tra Green pass europeo e italiano.

Il tour operator dovrà fornire al consumatore alcuni dettagli fondamentali: se la località di destinazione ha regole particolari, se è prevista la quarantena, ecc. In caso di mancata o non tempestiva comunicazione, il consumatore potrà ottenere un rimborso rivalendosi sull’agenzia di viaggi o sul tour operator.

Date le circostanze, è consigliabile stipulare una polizza per la disdetta. Attenzione: è preferibile leggere attentamente il contratto e assicurarsi che sia previsto il rimborso per le più svariate situazioni (ad esempio, in caso di malattia del consumatore o di un suo familiare, etc.), in quanto possono nascondersi degli stratagemmi linguistici per non rimborsare il viaggiatore.

Inoltre, quando si procede alla prenotazione, è bene informarsi sui servizi previsti dalle strutture (attraverso una comunicazione scritta, non telefonicamente), così da evitare il pagamento di quei servizi di cui non si potrà usufruire a causa della pandemia. Alcune strutture potrebbero infatti non avere in funzione, ad esempio, piscine o centri benessere, ecc.

Vacanza annullata restrizioni Covid: i diritti dei consumatori

Se le vacanze vengono annullate a causa delle nuove restrizioni comunitarie per gli spostamenti o a seguito delle decisioni di altri Paesi stranieri nel precludere l’ingresso ai turisti, il consumatore ha diritto al rimborso o a un voucher.

Se invece è il consumatore a fare dietrofront e decide di non partire (magari, ha cambiato idea, non si sente sicuro o per altre ragioni), in assenza di restrizioni e trascorsi i termini per la disdetta, la controparte (ad esempio, la compagnia di trasporti, il tour operator, l’albergo, etc.) non è tenuta a riconoscere alcun rimborso, voucher o altri tipi di compensazione. In ogni caso, è bene che il consumatore avvisi la controparte dell’annullamento per iscritto.

E se il consumatore non può partire perché è in quarantena o in isolamento fiduciario? Dal momento che si tratta di ragioni che possono essere equiparate ad un impedimento dovuto alla malattia, è consigliabile inoltrare una raccomandata con ricevuta di ritorno alla compagnia di trasporti o all’albergo, con cui si mette in chiaro la situazione, allegando il certificato medico con cui si dà prova della malattia o della quarantena e si domanda il rimborso del biglietto.

Come organizzare le vacanze 2021 in autonomia

Il consumatore potrebbe decidere di organizzare le proprie vacanze acquistando i biglietti per il viaggio (nave, aereo o treno) in piena autonomia ed effettuando la prenotazione nella struttura scelta senza ricorrere all’ausilio di un tour operator o di un’agenzia di viaggio.

In questi casi, è preferibile optare per tariffe che permettano la cancellazione o la variazione della data di partenza. Certo, il rischio è di spendere un po’ di più rispetto alla tariffa standard; tuttavia, visti i tempi di pandemia, è importante mettere in conto la flessibilità del viaggio.

Per quanto riguarda la prenotazione dell’alloggio, meglio scegliere le tariffe piene che consentono di cancellare la vacanza anche nell’imminenza del check-in, ottenendo un rimborso pieno. Anche questa volta, però, occorrerà mettere mano al portafogli e pagare qualche soldino in più. Ma i vantaggi in caso di imprevisti sono notevolmente superiori.

In ogni caso, prima di effettuare la prenotazione, il consumatore può domandare per iscritto alla struttura cosa è previsto in caso di annullamento del viaggio a causa dell’emergenza sanitaria.

Prenotazione casa vacanze: come evitare le truffe

Ed ora passiamo alle regole d’oro per non farsi truffare quando si prenota una casa vacanza. Innanzitutto, è bene andare a colpo sicuro su siti specializzati e conosciuti. È risaputo che i siti generalisti in cui si trova di tutto e di più, possono nascondere delle insidie.

Come accertarsi che l’annuncio sia autentico e non una truffa? Bisogna verificare che le foto presenti sul sito non siano già online o su altri annunci. Per saggiare l’attendibilità del sito e la buona fede del proprietario, il consumatore potrà richiedere nuove foto così da fugare qualsiasi dubbio sull’effettiva esistenza dell’immobile.

Nel porre le domande sui servizi, sulla location e nel ricercare altre informazioni specifiche sulla casa vacanze, occorre badare bene alle risposte che il presunto proprietario fornirà. Se sono vaghe o evasive, non c’è dubbio: è una truffa.

Altre piccole raccomandazioni: mai pagare in anticipo l’intera somma e mai ricaricare una carta prepagata. Questo tipo di transazione è difficilmente rintracciabile. Per effettuare il pagamento, meglio prediligere bonifici bancari o usare la carta di credito.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Non vedo l’ora di preparare le valigie e partire anche solo per un weekend. Basta poco per staccarsi dalle preoccupazioni quotidiane del Covid. Che alla fine è ciò che personalmente mi stressa di più quando devo uscire. Usa salviette, igienizzanti, non toccare o non usare bicchieri di vetro ma richiedere espressamente bicchieri di plastica o cannucce. Insomma, piccoli stress quotidiani che si accumulano a tutte le altre ansie, principalmente per tutelare i propri cari. Partire per andare in una location poco frequentata, cucinando in una casa vacanze ed evitando locali in cui si possono creare assembramenti è l’ideale

  2. C’è chi purtroppo non può permettersi la vacanza per varie ragioni e nonostante questo non si perde d’animo ma si accontenta di qualche giornata di relax al mare che ha a pochi passi dal mare. E questa è già una grande fortuna, considerando che c’è gente che ha vissuto il lockdown in piccole abitazioni in centro città potendo uscire solo per ragioni di lavoro, urgenze e spesa, quindi necessità.

  3. Guida e consigli molto utili visto che ho intenzione di programmare le mie vacanze per agosto. Eviterò certamente i luoghi più gettonati, in cui già lo scorso anno c’è stato il caos e lo spazio fra un ombrellone e l’altro sulle spiagge era del tutto assente, come se non ci fosse il Covid. Ora, mi auguro che la gente sia più consapevole e la maggior parte si sia vaccinata, quindi spero di vivere qualche giorno di vacanza con maggiore serenità.

  4. Per le mie vacanze estive ho pensato ad un giretto nei Paesi dell’Ue. Vorrei scoprire posti nuovi e magari troverò qualche offerta visto che grazie a questo Green Pass europeo si sbloccherà qualcosa e la gente ricomincerà a viaggiare. Evito di affidarmi alle agenzie perché sinceramente non voglio regalare soldi a loro, visto che riesco ad orientarmi abbastanza bene tra i vari siti di prenotazione. Ormai, ho trovato un sito affidabile e riesco a trovare spesso offerte vantaggiose

  5. I truffatori sono davvero ovunque. Ci sono dei siti civetta che apparentemente sono ben strutturati e tu magari vai convinto perché non ti sogneresti mai di dubitare di certi link eppure anche quelli possono nascondere delle insidie e fregarti. Assolutamente, da evitare anche la ricarica delle carte prepagate come precisato nell’articolo perché vai a dimostrare che poi quel soggetto ti ha truffato. E per pochi soldi, che avresti investito nella tua vacanza, magari eviti pure di agire legalmente. Quindi, è meglio evitare a monte questo pericolo

  6. Dopo aver fatto la seconda dose di vaccino, penso proprio che mi concederò un viaggetto con la mia famiglia fuori porta. Voglio assicurarmi che abbiamo tutti la copertura vaccinale necessaria per poterci spostare tranquillamente, anche se le varianti mi preoccupano. L’ideale è spostarsi verso mete non troppo frequentate da turisti ma al tempo stesso piacevoli da visitare. Ho già in mente qualche località nell’Ue che consente di offrirti divertimento e relax

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube