HOME Articoli

Lo sai che? La commissione massimo scoperto si calcola per l’usura del mutuo


Lo sai che? Pubblicato il 21 aprile 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 aprile 2014

Ai fini del calcolo del tasso usurario degli interessi applicati dalla banca si deve conteggiare ogni costo del finanziamento, compresa quindi la commissione di massimo scoperto, che va considerata ai fini del Teg.

La Commissione di massimo scoperto (Cms), applicata a una apertura di credito in conto corrente (volgarmente detto “affido” o “affidamento”), va considerata nel calcolo del Tasso effettivo globale (Teg). E questo indipendentemente dal fatto che, fino al 2009, le istruzioni di Banca d’Italia per la rilevazione del Tasso effettivo globale medio (Tegm) non la prendessero in considerazione.

L’ “aggiunta” della Cms nel Teg potrebbe far determinare il superamento del tasso soglia ai fini dell’usura: con la conseguenza che, al contratto di apertura di credito, si applicherebbe la sanzione dell’azzeramento degli interessi. In altre parole, il cliente non è più tenuto a versare, all’istituto di credito, gli interessi maturati dall’inizio del rapporto [1].

È questa la sintesi di una recente sentenza della Corte d’Appello di Cagliari [2].

Nella sentenza si chiarisce che, ai fini del calcolo del costo effettivo e globale di un rapporto di apertura di credito in conto corrente, è necessario tenere conto di tutti gli oneri sostenuti dal cliente e collegati al finanziamento: quindi anche la commissione di massimo scoperto.

La Cms, infatti, costituisce una remunerazione per la banca; pertanto deve sicuramente rientrare nel calcolo del Teg e ciò indipendentemente dal fatto che essa non sia stata conteggiata, almeno fino al 2009, nel Tegm, così come previsto dalle istruzioni di Banca d’Italia. Queste ultime – hanno precisato i giudici sardi – sono pacificamente prive di portata normativa e, quindi, non possono influire sull’interpretazione della legge (in particolare, sulla norma del codice penale che definisce il concetto di “usura”).

Si tratta dell’ennesima vittoria del consumatore contro le banche e contro i costi occulti dei finanziamenti che, di fatto, finiscono per far sconfinare molti finanziamenti all’interno dell’usura bancaria.

Per un maggior approfondimento leggi l’articolo: “Mutuo: per l’usura vanno calcolati tutti i costi del finanziamento”.

La commissione di massimo scoperto

Eliminata nel 2009, la commissione di massimo scoperto veniva utilizzata dalle banche per indicare la somma da pagare nel caso in cui il saldo del conto andasse “in rosso”. Quando infatti il conto era negativo, la banca applicava un tasso di interessi nei confronti del correntista detto “tasso debitore”. Sull’ammontare più alto raggiunto dal saldo negativo, oltre all’interesse debitore, poteva essere previsto un costo aggiuntivo, detto appunto “commissione di massimo scoperto”.

note

 

[1] Art. 1815, comma 2, cod. civ.

[2] C. App. Cagliari, sent. 31.03.2014. Il Tribunale di Sassari, con sentenza n. 863 del 28 maggio 2013, dopo aver fatto svolgere una perizia da un consulente tecnico – il quale ha accertato il superamento della soglia d’usura nei trimestri analizzati – ha condannato la banca alla restituzione di tutti gli interessi, in base all’articolo 1815, comma 2, del Codice civile.
l’appello della banca
UniCredit ha proposto appello contro la sentenza di primo grado contestando sia la possibilità di considerare la Cms ai fini dei calcoli del Teg, sia l’applicabilità della sanzione prevista dall’articolo 1815 del Codice civile. La Corte d’Appello di Cagliari ha però respinto l’impugnazione ritenendola inammissibile in quanto manifestamente infondata, cioè priva di ragionevole probabilità di essere accolta applicando così il cosiddetto «filtro in appello», previsto dagli articoli 348-bis e 348-ter del Codice di procedura civile.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Vorrei avere maggiori informazioni circa la verifica dei finanzianti e carte di credito ai fini dei tasso usura e soprattutto quando l iscrizione in banca dato crif può essere impugnata se potete occuparvene voi vorrei sapere il costo

    1. Per ottenere consulenza legale/commerciale/fiscale da uno dei nostri professionisti è necessario attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al nostro portale. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

      Grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI