Diritto e Fisco | Articoli

Come difendersi se viene diffuso il proprio numero di telefono

2 Giugno 2021
Come difendersi se viene diffuso il proprio numero di telefono

Comunicazione a terzi del numero di cellulare altrui: il comportamento è un reato che giustifica peraltro la richiesta di risarcimento del danno. 

Il numero di cellulare è diventato un bene prezioso da difendere coi denti nei confronti degli estranei, degli scocciatori, dei call center, dei pubblicitari. Eppure, la circostanza che l’utenza telefonica sia un dato sensibile, da tenere riservata, non è ancora entrata nella percezione popolare. Ed allora viene normale chiedersi: come difendersi se viene diffuso il proprio numero di telefono? È possibile sporgere una denuncia? Sulla questione sarà bene fare alcuni importanti chiarimenti.

Diffondere il numero di telefono altrui è reato?

Chi è in possesso del numero di telefono altrui non può divulgarlo: non può cioè comunicarlo a terzi o diffonderlo, neanche se si tratta di una chat di vecchi amici o di colleghi di lavoro. Non almeno se non c’è il consenso del diretto interessato. 

Il numero di telefono è infatti un dato sensibile, coperto da privacy ed il suo trattamento, in assenza di autorizzazione, è da considerarsi illecito. A tanto è pervenuta la Cassazione [1].

Secondo la Corte, integra il reato di trattamento illecito di dati personali la condotta del soggetto che, venuto in possesso del numero di utenza del cellulare di un altro soggetto, lo diffonda senza il consenso di quest’ultimo (nella specie, il numero era stato pubblicato in una chat pubblica). Il reato per chi diffonde il numero di cellulare altrui è previsto dall’articolo 167 del decreto legislativo n. 197/2003, il famoso «codice della privacy», oggi aggiornato dal Gdpr, il Regolamento europeo (il General Data Protection Regulation).

Di tanto abbiamo già parlato nell’articolo “Il numero di telefono è un dato sensibile“.

Come difendersi da chi diffonde il numero di telefono altrui?

Ci sono due modi per difendersi da chi diffonde il proprio numero di telefono: si tratta di due vie perseguibili anche cumulativamente.

Una prima via è quella della querela. Come abbiamo detto, infatti, la pubblicazione o la comunicazione a terzi dell’utenza telefonica integra il reato di illecito trattamento dei dati altrui. In tal caso, bisognerà rivolgersi alla polizia o ai carabinieri oppure depositare la querela direttamente presso la Procura della Repubblica.

La seconda via – che, come anticipato, può essere intrapresa insieme alla prima – è quella della richiesta del risarcimento del danno in via civile. 

In entrambi i casi, bisognerà comunque fornire la prova dell’altrui comportamento illecito ossia della diffusione del dato sensibile. In più, nel processo civile, bisognerà dimostrare anche di aver subito un danno concreto e attuale, che non può essere presunto dal semplice fatto dell’illecito. Questo è sicuramente l’aspetto più difficoltoso di tutta la causa.

Cosa rischia chi diffonde il numero di telefono altrui?

In conseguenza di quanto abbiamo appena detto, il responsabile della diffusione del numero di telefono altrui rischia, da un lato, un’incriminazione penale, con la reclusione da 6 mesi a un anno e mezzo, nonché una condanna civile al risarcimento dei danni patiti dalla vittima.

Come agire nei confronti di chi diffonde il numero di telefono altrui?

Abbiamo detto che chi diffonde il numero di telefono altrui commette una condotta classificabile, da un lato, come reato – quello cioè di violazione della privacy – e, dall’altro, come produttivo di un danno e quindi passibile di una richiesta di risarcimento. 

Risultato: il diretto interessato può procedere sia in via penale che in via civile anche contemporaneamente. A questo punto, è necessario un chiarimento.

Il processo penale ha lo scopo di comminare la punizione nei confronti del colpevole. Tramite la cosiddetta costituzione di parte civile, la vittima può chiedere, in quella stessa sede, una “provvisionale”, ossia una sorta di acconto del risarcimento del danno, in attesa di una definitiva liquidazione operata poi dal giudice civile in un autonomo e ulteriore processo. 

Attenzione però: non è consigliabile agire contemporaneamente con la richiesta di risarcimento in via civile e con la costituzione di parte civile nel processo penale. Difatti, la costituzione di parte civile, rivolta ad ottenere in quella sede la provvisionale, sospende l’eventuale processo civile già instaurato precedentemente. Per evitare tale effetto si può optare per una di queste soluzioni:

  • si procede in via penale solo per la punizione del colpevole e, nello stesso tempo, si agisce in via civile per il risarcimento;
  • si procede solo in via penale, per la punizione del colpevole e (attraverso la costituzione di parte civile) per la richiesta di risarcimento; all’esito della condanna penale al pagamento della cosiddetta “provvisionale”, si agisce poi in via civile per la quantificazione completa del risarcimento del danno.

note

[1] Cass. pen. sen. n. 21839 del 2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Molto utile questa guida. Il fatto è che se è un tuo amico a diffonderlo perché vuole aiutare un suo amico ad avere qualche chance con te nel corteggiamento, come diamine gestisci la cosa? Cioè eviti di mettere in piedi un processo. Piuttosto ribadisci ad entrambi che la situazione non porta da nessuna parte e che un episodio del genere non deve ripetersi. Al massimo, l’amico ti chiede in anticipo il permesso prima di farti importunare da un suo contatto

  2. Quando si lavora a contatto con la gente, capita spesso che ci sia uno scambio di numeri e che si venga contattati da terze persone magari sconosciute. Spesso, chi fornisce il numero avvisa il titolare in anticipo che verrà contattato da Tizio per tali ragioni e in questo caso visto che si ottiene il consenso in anticipo, non si pone alcun problema. Quindi, la spiegazione qui è molto chiara grazie

  3. Quando si stava per candidare un tale X mi hanno aggiunto su un gruppo WhatsApp con una cinquantina di contatti. Ora, io non avevo dato alcun consenso e appena ho visto la portata della chat, ho subito abbandonato il gruppo. Intanto, poi sono stata contattata da terze persone che ho dovuto bloccare perché mi infastidivano. Prossima volta, gli do il benservito

  4. Hanno aggiunto anche me in vari gruppi WhatsApp. Il fatto è che mi hanno presentato nel gruppo e quindi la gente che io non conoscevo e con cui sinceramente non avevo alcun piacere a restare in contatto, anche quando sono uscito dal gruppo mi ha inviato dei messaggi e mi ha chiesto consigli e suggerimenti per quanto riguarda la mia attività professionale. Ovviamente, pretendevano consulenze gratuite. Ma vi pare normale una cosa del genere?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube