Diritto e Fisco | Articoli

Ztl: quante volte si può prendere la multa?

8 Giugno 2021 | Autore:
Ztl: quante volte si può prendere la multa?

In caso di accessi consecutivi o ripetuti in un breve periodo si commettono violazioni plurime e si pagano sanzioni multiple o c’è una riduzione?

C’è chi colleziona multe come se fossero francobolli, monete o figurine: entra ripetutamente nelle zone a traffico limitato senza autorizzazione, fin quando non viene beccato e multato. Allora, il conto diventa salato. Ma nelle Ztl quante volte si può prendere la multa? 

Tecnicamente, il fenomeno si chiama «violazione continuata»: l’Autorità contesta una serie di infrazioni multiple, talvolta con un verbale di accertamento unico dove sono indicati tutti gli specifici episodi di ingresso non autorizzato in una determinata Ztl. Paradossalmente, proprio questa serialità potrebbe facilitare le cose all’automobilista contravvenzionato, se riuscisse a dimostrare un vizio di illegittimità tale da far cadere tutti i verbali insieme, come l’assenza della segnaletica di preavviso che deve essere apposta ai varchi d’ingresso. 

Per sapere quante volte si può prendere la multa in Ztl basterebbe chiedere ad alcuni conducenti di professione, come gli addetti ai trasporti, alle consegne ed ai rifornimenti di merci, che sono abituati a riceverne a decine, se non centinaia. Ma la fretta e la distrazione non sono validi argomenti giuridici, mentre il fatto di percorrere parecchie volte una determinata strada di un centro cittadino potrebbe essere valorizzato, come aggravante anziché come attenuante. 

Così la Corte di Cassazione afferma spesso che il cumulo di multe in Ztl è legittimo, ed anzi è proprio la pluralità delle infrazioni che rende difficile ipotizzare un «errore incolpevole» dell’automobilista con scarsa conoscenza dei luoghi. In una nuova ordinanza, che puoi leggere per esteso al termine dell’articolo [1], la Suprema Corte ha respinto con queste motivazioni il ricorso di un automobilista che aveva commesso 24 violazioni nell’arco di due mesi. Insomma, c’è più probabilità di ottenere l’annullamento di una multa episodica che non quello di una lunga serie di contestazioni per ingressi ripetuti in Ztl: la quantità delle infrazioni gioca a sfavore del conducente. 

Ztl: come devono essere segnalate? 

I varchi di accesso alle Ztl devono essere segnalati con appositi display luminosi, recanti la dicitura «Ztl attiva», accesa quando il divieto di transito è in vigore (le aree interessate e gli orari sono stabiliti in apposite ordinanze della giunta comunale).

È stata bandita la vecchia dicitura “varco attivo”, perché foriera di equivoci: molti legittimamente pensavano che il passaggio fosse consentito, e in passato parecchie multe sono state annullate per questo motivo. 

La segnaletica di preavviso, che informa gli automobilisti della prossima presenza di una zona a traffico limitato, deve essere posizionata con un congruo anticipo rispetto alle telecamere che registrano il passaggio dei veicoli e, dunque, rilevano le infrazioni. La giurisprudenza ritiene adeguata una distanza minima di almeno 80 metri, per consentire al guidatore di trovare un percorso alternativo evitando di frenare all’improvviso o di essere costretto a fare una manovra di retromarcia o di inversione pur di non finire nella zona interdetta ai veicoli non autorizzati.

Multe Ztl cumulative: si può pagare una sola sanzione? 

In caso di più accessi consecutivi e non autorizzati in una Ztl, si configura un’unica violazione o una pluralità di infrazioni? Il Codice della strada [2] esclude espressamente la possibilità di applicare la continuazione – cioè una sola sanzione più un aumento percentuale per le ulteriori, con un massimo che arriva al triplo della pena base – agli ingressi non autorizzati nelle zone a traffico limitato; quindi, si pagheranno le sanzioni per ogni violazione commessa, senza riduzioni. 

Solo in casi particolari, come quello di chi entra da un varco, ne esce quasi subito e poi rientra poco dopo in un altro, la Corte di Cassazione [3] ritiene possibile configurare un’unica condotta illecita e, dunque, applicare un’unica sanzione: occorre, però, che il tutto si sia compiuto, e concluso, in un «brevissimo lasso temporale». Per ulteriori dettagli su questo aspetto leggi “Multe Ztl, cumulo e continuazione della condotta“.

Ztl: le multe plurime sono legittime?

Come abbiamo visto, a ciascun ingresso non autorizzato in Ztl corrisponde un’autonoma infrazione e il cumulo giuridico delle sanzioni non è possibile. La buona fede dell’automobilista contravvenzionato rileva soprattutto quando l’accesso abusivo è avvenuto in modo episodico e, se è stato reiterato più di una volta, l’intero episodio è rimasto circoscritto in un arco di tempo molto breve.

In linea generale, quindi, in Ztl le multe plurime sono legittime e non rileva solo la prima violazione, ma tutte le successive. Ciò non esclude che, in casi particolari, si possa proporre un ricorso cumulativo facendo valere la propria buona fede nel transito, come nel caso di un fornitore abituale che aveva omesso di rinnovare il permesso di accesso alla zona a traffico limitato confidando che il varco non era attivo ed è riuscito ad ottenere l’annullamento di 36 verbali di contravvenzione consecutivi per «errore incolpevole » (ne abbiamo parlato ampiamente nell’articolo “Multe Ztl ripetute: come contestarle“).

Nella pronuncia che puoi leggere di seguito, invece, la Corte di Cassazione non ha ritenuto valida questa tesi ed ha rigettato l’opposizione dell’automobilista, rilevando che «la pluralità degli accessi nel corso di due mesi nella medesima area attesta la piena dimestichezza e familiarità con in luoghi in esame, difficilmente compatibili con l’incolpevole ignoranza del divieto di accesso».


note

[1] Cass. ord. n. 15724 del 04.06.2021.

[2] Art. 198, co.2, Cod. strada.

[3] Cass. sent. n. 22028 del 11.09.2018.

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 24 febbraio – 4 giugno 2021, n. 15724
Presidente Cosentino – Relatore Dongiacomo

Fatti di causa

Il tribunale, con la sentenza in epigrafe, ha rigettato l’opposizione che P.G. aveva proposto nei confronti di ventiquattro verbali di accertamento della violazione prevista dall’art. 198 C.d.S. per accesso non autorizzato in area ZTL.
Il tribunale, in particolare, dopo aver evidenziato che: – l’opponente non aveva proposto querela di falso nei confronti dei verbali di contestazione e dei relativi allegati e che i fatti ivi accertati, e cioè l’ingresso in zona vietata da parte del possessore del veicolo, peraltro mai contestati, erano, di conseguenza, orami incontrovertibili; – i cartelli posizionati dal Comune a segnalazione della ZTL non sono di prescrizione ai sensi del regolamento di esecuzione del C.d.S., art. 79, ma sono segnali di preavviso e come tali disciplinati dallo stesso regolamento, art. 127; – i segnali di preavviso, come si evince chiaramente dalla documentazione fotografica prodotta in giudizio dal Comune, sono stati collocati “in posizioni utili al fine di garantire a tutti la possibilità di evitare la ZTL”; ha ritenuto che le prove raccolte dimostravano l’esaustività e la completezza dei segnali di preavviso posti dal Comune e che doveva, pertanto, escludersi, “in presenza sia di puntuali segnali di preavviso sia dell’indicazione dei percorsi alternativi”, che l’opponente si fosse introdotto nell’area vietata per un errore incolpevole.
D’altra parte, ha aggiunto il tribunale, “la stessa pluralità delle infrazioni, commesse nei mesi di settembre e di ottobre 2016, è di per sé incompatibile con l’allegata incolpevole ignoranza del divieto, in assenza della dimostrazione di circostanze di fatto diverse ed ulteriori rispetto a quelle concernenti l’insufficienza della segnalazione”, laddove, al contrario, la pluralità degli accessi nel corso di due mesi nella medesima area attesa la piena dimestichezza e familiarità con in luoghi in esame, difficilmente compatibili con l’incolpevole ignoranza del divieto di accesso.
P.G. , con ricorso notificato il 3/2/2020, ha chiesto, per un motivo, la cassazione della sentenza.
Il Comune di Bollate ha resistito con controricorso.

Ragioni della decisione

1. Con l’unico motivo articolato, il ricorrente, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, ha lamentato la violazione e la falsa applicazione della L. n. 689 del 1981, art. 3, comma 2, in relazione all’art. 116 c.p.c., censurando la sentenza impugnata: a) innanzitutto, nella parte il tribunale non ha considerato che l’opponente era caduto in errore a causa della poca chiarezza e della scarsa visibilità della segnaletica indicante la ZTL e della mancanza di indicazioni utili circa i percorsi alternativi idonei ad evitare la violazione in cui è incorso. D’altra parte, ha aggiunto il ricorrente, il regolamento di esecuzione del C.d.S., art. 79, prevede che la misura minima di avvistamento dei segnali di prescrizione nelle strade urbane sia di ottanta metri mentre, nel caso in esame, la segnaletica che prescrive il divieto di accesso alla ZTL era posta proprio all’inizio dell’area vietata al traffico senza che altro avviso fosse posizionato prima di tale accesso; b) in secondo luogo, nella parte in cui il tribunale ha rilevato che l’opponente non aveva proposto querela di falso avverso i verbali di contestazione delle infrazioni, senza, tuttavia, considerare che l’opponente non aveva mai negato di essere transitato nella ZTL e che, pertanto, non aveva alcun motivo per contestare il fatto del passaggio in loco, essendosi limitato a chiedere l’annullamento dei verbali in ragione del fatto che era stato indotto in errore da prescrizioni poco chiare, nonché per incompetenza riguardo all’atto istitutivo della ZTL, violazione del D.P.R. n. 250 del 1999, art. 3, comma 1, e violazione del D.M. 12 settembre 2012, art. 2.
2.1. Il motivo, in tutte le censure in cui risulta articolato, è infondato.
2.2. Intanto, deve escludersi ogni rilievo alla ribadita applicazione del regolamento di esecuzione del C.d.S., art. 79, non avendo il ricorrente svolto alcuna censura in ordine alla statuizione assunta sul punto dal tribunale, dove ha ritenuto che i cartelli posizionati dal Comune a segnalazione della ZTL sono non segnali di prescrizione ai sensi del regolamento di esecuzione del C.d.S., art. 79, ma segnali di preavviso e come tali disciplinati dallo stesso regolamento, art. 127.
2.3. Per il resto, il ricorrente cade nell’equivoco di ritenere che la violazione o la falsa applicazione di norme di legge processuale dipendano o siano ad ogni modo dimostrate dalla valutazione (asseritamente erronea) del materiale istruttorio, laddove, al contrario, un’autonoma questione di malgoverno dell’art. 116 c.p.c. può porsi solo allorché il ricorrente abbia allegato (ma non è questo il caso) che il giudice di merito abbia disatteso, valutandole secondo il suo prudente apprezzamento, delle prove legali, ovvero abbia considerato come facenti piena prova, recependoli senza apprezzamento critico, elementi di prova che invece siano soggetti a valutazione (Cass. n. 27000 del 2016). La valutazione degli elementi istruttori costituisce, del resto, un’attività riservata in via esclusiva all’apprezzamento discrezionale del giudice di merito, le cui conclusioni in ordine alla ricostruzione della vicenda fattuale non sono sindacabili in cassazione, a meno che, a norma dell’art. 360 c.p.c., n. 5, il ricorrente non deduca che il giudice abbia del tutto omesso di esaminare un fatto, principale o secondario, la cui deduzione nel giudizio di merito risulti dal testo della sentenza impugnata o dagli atti del giudizio di merito, e sia decisivo, vale a dire che, se esaminato, avrebbe con certezza determinato una diversa soluzione della controversia. Nel caso in esame, invece, il ricorrente, lungi dall’indicare il fatto o i fatti decisivi che il giudice di merito avrebbe omesso di esaminare nell’accertamento che ha svolto in ordine alla esaustività e completezza dei preavvisi posizionati dal Comune per segnalare l’esistenza della zona a traffico limitato, ha, in sostanza, invocato, lì dove ha ribadito di essere caduto in errore in conseguenza della poca chiarezza e della scarsa visibilità di tali segnali, un’inammissibile rivalutazione da parte della Corte di cassazione delle risultanze istruttorie circa la collocazione e l’idoneità degli stessi.
2.3. Il tribunale, in effetti, valutando le prove raccolte in giudizio, ha ritenuto che i segnali di preavviso della zona a traffico limitato erano esaustivi e completi nonché collocati “in posizioni utili al fine di garantire a tutti la possibilità di evitare la ZTL”.
2.4. Il tribunale, peraltro, “in presenza sia di puntuali segnali di preavviso sia dell’indicazione dei percorsi alternativi”, ha escluso che l’opponente si fosse introdotto nell’area vietata per un errore incolpevole. L’incolpevole ignoranza del divieto, peraltro, ha aggiunto il tribunale, è incompatibile con “la stessa pluralità delle infrazioni, commesse nei mesi di settembre e di ottobre 2016,…, in assenza della dimostrazione di circostanze di fatto diverse ed ulteriori rispetto a quelle concernenti l’insufficienza della segnalazione”. Il tribunale, così giudicando, si è senz’altro attenuto ai principi che trovano applicazione in materia, secondo i quali, infatti, in tema di illeciti amministrativi, la sufficienza, al fine d’integrare l’elemento soggettivo della violazione, della semplice colpa L. n. 689 del 1981 ex art. 3, comporta che, al fine di escludere la responsabilità dell’autore dell’infrazione, non basta uno stato di ignoranza circa la sussistenza dei relativi presupposti, ma occorre che tale ignoranza sia incolpevole, cioè non superabile dall’interessato con l’uso dell’ordinaria diligenza (Cass. n. 720 del 2018; conf., Cass. n. 6018 del 2019) che il giudice di merito ha, invece, con apprezzamento in fatto rimasto incensurato, escluso.
2.5. Le residue censure sono, invece, inammissibili: non solo i rilievi svolti in ordine alla mancata proposizione della querela di falso avverso i verbali di accertamento delle violazioni, avendo il ricorrente espressamente ammesso, al pari di quanto affermato dal tribunale, i fatti contestatigli, ma anche quelli concernenti l’incompetenza relativa all’atto istitutivo della ZTL, la violazione del D.P.R. n. 250 del 1999, art. 3, comma 1, e la violazione del D.M. 12 settembre 2012, art. 2: di tali questione, in effetti, la sentenza non tratta. Ed è noto che, secondo il costante insegnamento di questa Corte (cfr. Cass. n. 20694 del 2018; Cass. n. 15430 del 2018), qualora una determinata questione giuridica, che implichi un accertamento di fatto, non risulti trattata in alcun modo nella sentenza impugnata, il ricorrente che proponga la suddetta questione in sede di legittimità, al fine di evitare una statuizione di inammissibilità per novità della censura, ha l’onere (nella specie rimasto inadempiuto) non solo di allegare l’avvenuta deduzione della questione dinanzi al giudice di merito, ma anche, per il principio di specificità del motivo, di indicare in quale atto del giudizio precedente lo abbia fatto, onde dar modo alla Corte di controllare ex actis la veridicità di tale asserzione, prima di esaminare nel merito la questione stessa.
3. Il ricorso dev’essere, quindi, rigettato.
4. Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate in dispositivo.
5. La Corte dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte così provvede: rigetta il ricorso; condanna il ricorrente a rimborsare al controricorrente le spese di lite, che liquida in Euro 1.600,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge e spese generali nella misura del 15%; dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube