Diritto e Fisco | Articoli

Qual è il ruolo del Procuratore della Repubblica?

13 Settembre 2021 | Autore:
Qual è il ruolo del Procuratore della Repubblica?

Cos’è la Procura della Repubblica? Cosa sono la funzione inquirente e la funzione requirente? Di cosa si occupano il sostituto procuratore e il pubblico ministero?

Anche i meno esperti conoscono, almeno sommariamente, la figura del pubblico ministero e l’importanza che ha all’interno del processo penale. Il pm rappresenta l’accusa all’interno di un procedimento, è la parte che cerca di convincere il giudice circa la responsabilità penale dell’imputato. Ma non solo: il pubblico ministero si occupa di curare tutta la fase delle indagini preliminari fino alla richiesta di archiviazione o di rinvio a giudizio. Con questo articolo ci concentreremo su uno specifico aspetto: vedremo qual è il ruolo del Procuratore della Repubblica.

Sin da subito, possiamo dire che il Procuratore della Repubblica svolge una doppia funzione: inquirente, nel momento in cui compie le investigazioni, cioè le indagini preliminari; requirente, quando deve rapportarsi con il giudice, soprattutto a seguito di rinvio a giudizio dell’imputato, quando cioè inizia il processo vero e proprio. Di cosa si occupa, concretamente, il Procuratore della Repubblica? Qual è la differenza con il magistrato del pubblico ministero? Se cerchi risposte a queste domande, sei nel posto giusto. Prosegui nella lettura se vuoi sapere qual è il ruolo del Procuratore della Repubblica all’interno di un procedimento penale.

Procura della Repubblica: cos’è?

La Procura della Repubblica è l’ufficio giudiziario che tutela gli interessi dello Stato, dei singoli cittadini e delle persone incapaci di provvedere a sé, sia nelle cause penali che in quelle civili.

Un ufficio di Procura è costituito presso ciascun tribunale, presso ciascuna Corte di Appello e presso la Corte di Cassazione. In questi ultimi due casi, l’ufficio è denominato Procura Generale.

La Procura della Repubblica è la sede degli uffici del Procuratore della Repubblica, a cui la legge attribuisce l’esercizio esclusivo dell’azione penale.

Per tale ragione, la Procura della Repubblica è conosciuta quasi esclusivamente per le funzioni esercitate nel settore penale, cioè nei procedimenti che cominciano con la fase delle indagini preliminari curate, per l’appunto, dal Procuratore della Repubblica.

Procuratore della Repubblica: chi è?

A capo degli uffici della Procura ci sono i Procuratori della Repubblica, cioè i magistrati che si occupano di promuovere e dirigere le indagini e, quando il processo penale sia cominciato, di rivestire il ruolo di pubblico ministero.

Il procuratore della Repubblica, dunque, è colui che è titolare di un ufficio della Procura della Repubblica e che, di conseguenza, svolge tutte le funzioni classiche della pubblica accusa.

Procuratore della Repubblica: cosa fa?

Il Procuratore della Repubblica promuove l’azione penale, cioè dà l’avvio a un processo penale se, al termine delle indagini svolte, ritiene fondata la responsabilità penale dell’indagato.

Come anticipato, i compiti del Procuratore della Repubblica possono essere essenzialmente ricondotti a due funzioni:

  • funzione inquirente, che esercita durante la fase delle indagini preliminari quando dirige l’attività investigativa, in ciò aiutato dalla polizia giudiziaria. Quando il Procuratore dispone il compimento di determinati atti d’indagine (ad esempio: perquisizione, interrogatorio, ecc.), allora sta svolgendo una funzione inquirente;
  • funzione requirente, che esercita ogni volta che si rivolge al giudice. Ad esempio, se il Procuratore chiede al gip (giudice per le indagini preliminari) l’autorizzazione per procedere a intercettazioni telefoniche oppure gli chiede di emettere un’ordinanza cautelare, allora svolge una funzione requirente. Tale funzione è peraltro tipica del Procuratore quando si trova in udienza durante il processo, cioè quando assume la veste di pubblico ministero.

Procuratore della Repubblica: qual è il suo ruolo?

In definitiva, possiamo dire che il Procuratore della Repubblica svolge le indagini necessarie a dimostrare la fondatezza della notizia di reato, esercita l’azione penale, sostiene l’accusa in dibattimento in veste di pubblico ministero.

Sostituto procuratore della Repubblica: chi è?

Il sostituto procuratore è il magistrato che sostituisce il Procuratore della Repubblica in caso d’assenza e lo affianca nelle indagini più complesse, svolgendo anche funzioni di pubblico ministero in udienza.

La sostituzione può riguardare sia la fase del compimento delle indagini che quella meramente processuale (sostituzione in udienza), rivestendo in questa ipotesi la qualifica di pubblico ministero, cioè di magistrato che rappresenta la pubblica accusa innanzi al giudice.

Il sostituto procuratore, dunque, è a tutti gli effetti un magistrato e, come il Procuratore della Repubblica, può esercitare l’azione penale e promuovere e coordinare le indagini.

Procuratore della Repubblica e pubblico ministero: differenza

Qual è la differenza tra Procuratore della Repubblica e pubblico ministero? Praticamente nessuna: entrambi sono magistrati che esercitano l’azione penale.

L’unica differenza sta in nel fatto che l’ufficio del pubblico ministero è formalmente assunto dal Procuratore della Repubblica quando sostiene in giudizio la tesi accusatoria. In pratica, il Procuratore della Repubblica assume la veste di pm durante il processo penale che si celebra davanti al giudice.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube