Diritto e Fisco | Articoli

Targa personalizzata anche in Italia: favola o realtà?

23 Aprile 2014 | Autore:
Targa personalizzata anche in Italia: favola o realtà?

Possibile personalizzare la targa dell’auto? In teoria si ma in pratica no, ecco perché.

Chissà quanti automobilisti italiani avranno fantasticato, almeno una volta, di possedere una targa personalizzata, magari con proprie iniziali o numeri fortunati, giusto per emulare sfizi e tendenze di star e idoli hollywoodiani. Ebbene, in pochi lo sanno, ma da oltre un decennio il sogno di molti si è già trasformato in realtà, quanto meno sulla carta.

Dal 2002 [1], infatti, la legge consente al titolare del veicolo di poter scegliere, a determinate condizioni e modalità, la targa del proprio mezzo. Nello specifico si prevede che l’interessato abbia facoltà di richiedere, al competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri, l’attribuzione di un personale codice alfanumerico. A sua volta l’amministrazione è tenuta a verificarne la disponibilità e, in caso di esito positivo, ad immatricolare il veicolo e rilasciare la carta di circolazione. Spetterà successivamente all’Istituto Poligrafico dello Stato consegnare la targa entro 30 giorni dal rilascio della carta di circolazione [2].

Questa, dunque, è la normativa di riferimento che, nonostante il tempo trascorso, è rimasta lettera morta e rischia di non essere mai attuata. Ciò perché il Codice della strada si limita ad enunciare esclusivamente i principi della disciplina, delegando la definizione degli aspetti di dettaglio a provvedimenti e regolamenti successivi, in realtà mai emanati.

Nulla ancora si conosce, dunque, sui costi, le procedure ed i criteri da tenere in considerazione nell’individuazione della sequenza alfanumerica consentita. Quindi, non ci resta altro che attendere, se non altro fino all’emanazione del regolamento [3] e del decreto attuativo [4].


note

[1] In seguito all’emanazione del d.lgs. 15 gennaio 2002, n. 9.

[2] Art. 100, c. 8, d.lgs. 285/1992

[3] Ai sensi dell’art. 11, c. 5, l. n. 120/2010.

[4] ai sensi dell’art. 100, c. 8, 1° periodo, d.lgs. 285/1992.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube