Diritto e Fisco | Articoli

Come pagare il mutuo se si perde il lavoro

13 Settembre 2021 | Autore:
Come pagare il mutuo se si perde il lavoro

Si può sospendere il versamento delle rate in caso di licenziamento, di sospensione dell’impiego o di riduzione dell’orario?

Avere un lavoro con una buona busta paga nel momento in cui si accende un mutuo per l’acquisto di una casa non è mai una garanzia al 100% di riuscire a pagare completamente il debito. Di solito, il piano di ammortamento dura tanto, troppo tempo: 15, 20, 30 anni nei quali può succedere di tutto ed il contrario di tutto. Ad esempio, il venir meno di quella busta paga perché l’azienda chiude o perché c’è una ristrutturazione dell’organico che porta al licenziamento di un certo numero di lavoratori, tra cui, guarda caso, quello che deve ancora versare chissà quante rate alla banca. Che si può fare in casi come questo? Come pagare il mutuo se si perde il lavoro?

Quando il finanziamento è stato chiesto e ottenuto, se il mutuatario aveva con sé un garante in grado di intervenire in un eventuale momento di «vacche magre», il problema si può risolvere in modo meno traumatico: il tempo di trovare una nuova occupazione e di subentrare di nuovo con i pagamenti. Altrimenti, la situazione può diventare più seria perché si rischia l’iscrizione nella lista dei cattivi pagatori ed il pignoramento della casa.

Una scialuppa di salvataggio arriva dalle compagnie di assicurazioni, ma bisogna prevederla prima che accada il fattaccio: si tratta di una polizza che copre proprio l’eventualità della perdita del lavoro. Un altro salvagente viene lanciato dal Governo, con un Fondo di garanzia dedicato a chi attraversa un periodo di difficoltà economica. Vediamo in che cosa consistono queste due vie di uscita per pagare il mutuo se si perde il lavoro.

Mutuo: l’assicurazione sul rischio lavoro

Quando si pensa di chiedere un mutuo per acquistare una casa è sempre meglio porsi una serie di domande prima ancora di firmare e non quando, ormai, l’impegno è stato preso e non si saprà come reagire. Una delle domande da farsi è proprio questa: come pagare il mutuo se si perde il lavoro? Come si potrà affrontare una situazione inattesa come quella della disoccupazione quando il piano di restituzione del debito è in corso d’opera e bisogna pagare le rate ogni mese per non rischiare guai peggiori?

Pensarci in anticipo può portare a firmare il contratto di mutuo con relativa tranquillità grazie ad una polizza assicurativa che copra il rischio di perdita del reddito a causa della disoccupazione. Si tratta di una polizza facoltativa: significa che nessuno può obbligare il mutuatario a sottoscriverla per poter avere il finanziamento. Inoltre, l’intestatario del contratto ha la facoltà di scegliere con quale compagnia fare la polizza: la banca non può imporre la propria soluzione assicurativa.

Ad ogni modo, è un investimento per avere le spalle coperte con un prodotto mirato a tutelare il mutuatario che perde il posto di lavoro. In pratica, alle condizioni pattuite, in cambio del pagamento di un premio, la compagnia subentra nel pagamento delle rate quando l’intestatario del mutuo resta senza impiego. A patto, però, che avesse un contratto a tempo indeterminato.

Il periodo durante il quale l’assicurazione paga le rate del mutuo varia a seconda di quanto stipulato nella polizza, ma di norma non va oltre l’anno. Quanto potrebbe bastare al mutuatario per trovare un altro impiego che gli consenta di riprendere il versamento delle mensilità.

Mutuo: il Fondo di garanzia

L’alternativa alla polizza assicurativa sul rischio impiego per chi si chiede come pagare il mutuo per la perdita del lavoro è quella del Fondo di garanzia istituito dal Governo per chi si ritrova in difficoltà economica e gestito da Consap, la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici. In questo caso, è possibile chiedere la sospensione del mutuo se non si riescono a pagare le rate. Ovviamente, a determinate condizioni.

La domanda va presentata alla banca presso la quale è in corso il mutuo con il modulo che si trova sul sito della Consap, allegando documento di identità del mutuatario e, dal 1° gennaio 2022, la dichiarazione Isee (il valore non deve superare i 30mila euro). Inoltre, occorrerà consegnare la documentazione che certifica la perdita di lavoro (la lettera di licenziamento, ad esempio).

Si può accedere al beneficio se:

  • l’immobile da acquistare è un’abitazione principale non di lusso (sono quindi escluse case appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9);
  • il mutuo è attivo da almeno un anno (la legge di conversione del decreto ristori permette per le richieste presentate fino al 9 aprile 2022 di poter sospendere anche mutui iniziati da meno di un anno);
  • l’importo erogato non supera i 250.000 euro (400.000 euro per le domande presentate entro il 31 dicembre 2021).

La banca è tenuta a sospendere le rate del mutuo in caso di:

  • licenziamento dal rapporto di lavoro subordinato anche per controversie individuali, ad eccezione di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo;
  • sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni; nel caso di riduzione dell’orario deve essere di almeno il 20% rispetto all’orario normale.

Il Fondo interviene anche in caso di morte del mutuatario, di riconoscimento di handicap grave o di invalidità civile di almeno l’80%.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube