Diritto e Fisco | Articoli

Quali eredi possono impugnare la donazione?

9 Giugno 2021
Quali eredi possono impugnare la donazione?

Quando è possibile lasciare l’eredità a chi si vuole e quali familiari sono legittimari e hanno diritto alla quota di riserva. 

Un nostro lettore ci chiede quali eredi possono impugnare la donazione. Questi ha ottenuto dal padre l’intestazione della sua casa prima che lui morisse; tuttavia, non avendo rapporti pacifici con alcuni familiari, si chiede se costoro potrebbero contestare il trasferimento della proprietà immobiliare. 

Partiamo da un presupposto valido per qualsiasi caso come quello del lettore: è possibile impugnare una donazione, fatta in vita dal donante, solo se questi, con la sua morte, non ha lasciato ai familiari più stretti le cosiddette «quote di legittima» che riserva loro la legge. Ci deve pertanto essere un’azione di questi ultimi volta a recuperare i beni donati del defunto per ripristinare tali quote. 

Per sapere dunque quali eredi possono impugnare la donazione bisogna introdurre il concetto di «legittima» e di «eredi legittimari». Ne parleremo qui di seguito.

Cos’è la legittima e chi sono gli eredi legittimari?

La legge riconosce a ciascuno di noi il diritto di fare testamento e di lasciare i propri beni a chi si vuole, anche a soggetti estranei, enti, associazioni e persino allo Stato. Tuttavia, tale diritto spetta solo a patto che, prima, si soddisfino i diritti dei familiari più stretti (i cosiddetti eredi legittimari). A questi ultimi infatti la legge riserva sempre una quota minima del patrimonio del defunto (la cosiddetta legittima). Ciò al fine di evitare la totale dispersione del patrimonio familiare e tutelare i rapporti tra i consanguinei più vicini di grado. 

In buona sostanza, ogni patrimonio si divide in due parti: la cosiddetta «quota disponibile», che può essere lasciata a chi si vuole, e la quota indisponibile o “riserva”, che invece deve per forza andare agli eredi legittimari. Quest’ultima quota varia a seconda del numero di eredi legittimari in vita. 

Qual è la quota indisponibile dell’eredità?

Dai seguenti esempi, risulteranno chiare le quote di riserva indisponibile dell’eredità che spettano necessariamente ai legittimari: 

  • se il defunto non ha figli e genitori, metà del suo patrimonio andrà al coniuge e l’altra metà invece può essere lasciata a chi si desidera;
  • se il defunto non ha figli ma ha i genitori, metà dell’eredità va al coniuge e un quarto ai genitori; l’altro quarto è la quota disponibile che si può lasciare a chiunque;
  • se invece il defunto ha un figlio, un terzo dell’eredità va al coniuge e l’altro terzo al figlio; del residuo terzo si può fare ciò che vuole;
  • se però i figli sono due o più, un quarto dell’eredità va al coniuge e la metà viene divisa in parti uguali tra i figli. Il residuo quarto è la quota disponibile;
  • se il defunto non lascia un coniuge ma solo un figlio, a questi va metà dell’eredità, mentre l’altra metà è la quota disponibile;
  • in presenza di due o più figli, tra di loro si dividono i due terzi dell’eredità, mentre il restante terzo può essere lasciato a piacimento del testatore;
  • se il defunto non lascia figli ma solo genitori, a questi spetta un terzo dell’eredità.

Che succede se non viene rispettata la legittima?

Se non viene rispettata la quota di legittima, gli eredi legittimari possono impugnare le disposizioni testamentarie e, nel caso in cui queste siano insufficienti per recuperare il dovuto, anche le donazioni fatte dal donante in vita.

Lo possono fare però entro il termine massimo di 10 anni dal decesso del donante. Se poi non sono trascorsi più di 20 anni dalla donazione è possibile recuperare l’immobile che, nel frattempo, è stato ceduto a terzi dal donatario.

Quali eredi possono impugnare la donazione?

Detto ciò, si comprende come gli unici eredi che possono impugnare la donazione sono gli eredi legittimari. E gli eredi legittimari sono:

  • il coniuge;
  • i figli;
  • i genitori e i nonni (solo in assenza di figli).

Pertanto, se il donante muore senza lasciare né coniuge, né figli, né ascendenti, nessuno può impugnare la donazione in quanto non esistono altri eredi legittimari. La conseguenza è anche quella per cui l’intero asse patrimoniale può essere lasciato a chi si vuole, non essendovi quote di riserva da rispettare. Come infatti abbiamo anticipato, le quote di riserva spettano solo agli eredi legittimari, ossia al coniuge, ai figli e agli ascendenti. 

C’è un solo caso in cui la donazione può essere impugnata da chiunque, anche da parte di chi non è erede: ciò avviene quando questa attiene ad un immobile e la stessa è avvenuta con una normale scrittura privata e non con un atto notarile. In tal caso, infatti, la donazione è nulla per difetto di forma.  

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buongiorno, vorrei sapere se oltre ai figli eredi leggittimari possono impugnare una donazione di immobile entro i 10 anni dalla morte anche figli di cui non si conosce prima l’esistenza.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube