Diritto e Fisco | Articoli

Libretto di risparmio: l’annotazione del funzionario di banca fa piena prova

28 Aprile 2014
Libretto di risparmio: l’annotazione del funzionario di banca fa piena prova

Il libretto fa piena prova delle annotazioni se effettuate dall’impiegato di banca che appare addetto al servizio; diversamente, l’istituto di credito non è tenuto a corrispondere le relative somme.

Le annotazioni del funzionario di banca fatte a margine del libretto di risparmio, anche se a penna, fanno piena prova nei rapporti tra cliente e banca. Se, invece, la scritta non è riconducibile alla grafia dell’addetto al servizio, l’istituto di credito non è tenuto a corrispondere le somme al correntista indicate nell’annotazione medesima.

Lo ha ricordato la Cassazione con una recente sentenza [1].

È certamente lecito che l’impiegato di banca effettui delle annotazioni sui libretti. Infatti, il codice civile [2] stabilisce che tali annotazioni, firmate dall’impiegato della banca che appare addetto allo sportello, fanno “piena prova” nei rapporti tra banca e depositante. “Piena prova” significa che vincolano l’istituto di credito.

Funzione del libretto è, del resto, proprio quella di documentare il deposito delle somme da parte del cliente e tutti i singoli atti di esecuzione nello svolgimento del contratto. In questo modo si dà pieno valore a ogni singola “annotazione” riportata sul libretto predetto, purché ovviamente eseguite dall’impiegato della banca che appare addetto al servizio.

La ragione giustificatrice della speciale disciplina probatoria dettata dalla norma è appunto nella esigenza di tutelare l’affidamento dei clienti, che compiono in buona fede le operazioni entrando in rapporto con impiegati all’apparenza preposti allo svolgimento del servizio e dotati dei relativi poteri.

In particolare, la legge richiede che le annotazioni siano firmate dall’impiegato (che anche meramente appaia) addetto al servizio di sportello: solo in questo caso l’annotazione a penna vincola la banca a quelle risultanze. Al contrario, se l’appunto sul frontespizio non risulta riconducibile all’addetto al servizio, l’istituto di credito non è tenuto a corrispondere al depositante le somme nella misura indicata dall’annotazione medesima.

Insomma, il libretto bancario di deposito a risparmio, pur non essendo un vero e proprio atto pubblico (come quello redatto da un notaio), è comunque oggetto di una disciplina speciale [2] in virtù della quale esso fa piena prova delle annotazioni in esso riportate.


note

[1] Cass. sent. n. 9277 del 24.04.2014.

[2] Art. 1835 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube