Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox: contestazione immediata impossibile? Ricorso

27 Aprile 2014
Autovelox: contestazione immediata impossibile? Ricorso

Se correte troppo e vi arriva una multa a casa da autovelox fisso, potete contestare il fatto che non vi abbiano fermato subito.

La questione è molto semplice: un automobilista corre oltre il limite di velocità e, a distanza di qualche settimana, riceve a casa la multa per l’infrazione rilevata con un autovelox fisso. Ma perché l’automobilista non è stato fermato, al momento della violazione, dalla polizia? Lo dice il verbale: se la polizia avesse operato la contestazione immediata, la sicurezza stradale sarebbe stata messa in pericolo.

Si tratta di una giustificazione assai discutibile. E allora, si può approfittare dell’errore contenuto nel verbale (vizio di forma) per fare ricorso contro la multa.

Nel ricorso, scrivete che vengono violati il Codice della strada [1], una normativa specifica [2], e la Costituzione [3].

Nel verbale c’è una contraddizione. Da una parte, per giustificare la contestazione differita (la multa che arriva a casa), la contravvenzione cita il Codice della strada [4]. Dall’altra, afferma che la contestazione immediata non è potuta avvenire in quanto in quel determinato tratto non è possibile il fermo del veicolo senza recare pregiudizio alla sicurezza della circolazione e all’incolumità degli agenti o dei soggetti controllati. Ma è possibile che le due tesi stiano in piedi assieme? La risposta è no.

Infatti, la strumentazione atta a verificare le infrazioni (autovelox) era stata collocata in postazione fissa. Cioè senza agenti accertatori. Questa circostanza non reca nessun pregiudizio alla sicurezza della circolazione e all’incolumità degli agenti o dei soggetti controllati.

Ed è proprio quello che pensano, nelle sentenze di accoglimento dei ricorsi, diversi giudici di pace [5]: precedenti tutti da citare nel ricorso  (leggi anche “Autovelox: la multa è nulla se la contestazione immediata era possibile”).


note

[1] Art. 201 Cod. str.

[2] Art. 3 della legge n. 241/1990

[3] Artt. 24 e 27 Cost.

[4] Lettera F) dell’art. 201 bis Cod. str.

[5] GDP Pontedera sent. n. 210/2012, n.568/2013 e n.569/2013; GdP Lodi sent. n. 414/2012.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Siete sicuri che questo possa avvenire? …mi sembra strano…..perché con la dicitura ” la contestazione immediata non e’ potuta avvenire,ecc,ecc ” si sono sempre chiusi a riccio e fatto perdere i ricorsi….

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube