Diritto e Fisco | Articoli

Fondo patrimoniale: così i coniugi possono proteggere casa, auto, azioni

30 aprile 2014


Fondo patrimoniale: così i coniugi possono proteggere casa, auto, azioni

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 aprile 2014



Salvare i beni di famiglia: gravi sanzioni in caso di uso distorto.

Il fondo patrimoniale, di cui abbiamo parlato più volte nelle pagine di questo portale (leggi “Fondo patrimoniale: guida completa per difendere la casa di famiglia”) nasce per permettere ai coniugi di evitare che determinati beni vengano aggrediti dai creditori. In questo modo si destina tali beni di proprietà di uno dei due sposi, e i loro frutti, a “far fronte ai bisogni della famiglia” formata dai coniugi e dai loro figli.

Si pensi alla sottoposizione al fondo patrimoniale di una casa, per essere destinata ad abitazione dei coniugi e della loro famiglia; oppure di un immobile a destinazione commerciale, per utilizzarne il reddito per finanziare le spese familiari.

 

L’effetto del fondo

L’effetto dell’istituzione del fondo patrimoniale è quello di rendere “inaggredibili” i beni vincolati al fondo rispetto ai creditori del soggetto che sia il proprietario dei cespiti: la sottoposizione di un dato bene a fondo patrimoniale non comporta, di regola, il trasferimento della proprietà di questo bene, che quindi rimane di titolarità del soggetto (uno dei coniugi o entrambi se in comunione; oppure un soggetto terzo rispetto ai coniugi) che ne è il proprietario.

 

Protezione dai creditori

Nessuno, tuttavia, nasconde che, in alcuni casi, la sottoposizione a fondo patrimoniale di determinati beni non è effettuata, in realtà, per il fine primario (e cioè quello di destinazione dei beni vincolati a favore della famiglia), quanto al fine di “sfruttare” l’effetto secondario che dal fondo deriva, e cioè la protezione dei beni vincolati in fondo rispetto alle pretese dei creditori del disponente.

Al riguardo c’è, però, da fare un’importante precisazione. Se è vero che il fondo protegge i beni vincolati nel caso in cui, alla data della sua istituzione, il soggetto disponente sia estraneo a pretese creditorie, quando invece l’altrui diritto di credito sia già sorto (anche se è illiquido: si pensi al risarcimento di un danno già provocato ma non ancora quantificato), la nostra legislazione protegge le ragioni del creditore, il cui principale rimedio consiste nella facoltà di esercitare l’azione revocatoria.

Infatti, il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione compiuti dal debitore con riguardo al suo patrimonio e che rechino pregiudizio alle ragioni del creditore stesso, qualora il debitore conoscesse il pregiudizio che l’atto da lui compiuto avrebbe comportato alle ragioni del creditore.

Ma menzionare la sola revocatoria non è sufficiente, in quanto istituendo senza la necessaria avvedutezza il fondo patrimoniale può capitare di dar corso, invece, a una situazione peggiore di quella cui si voleva rimediare. Ci si riferisce al caso che il fondo patrimoniale sia istituito da un soggetto per sottrarsi all’adempimento degli obblighi nascenti da un provvedimento del giudice, o dei quali è in corso l’accertamento dinanzi all’autorità giudiziaria stessa. In questo caso può scattare la reclusione fino a tre anni e la multa da 103 euro a 1.032 euro [1].

L’evasione fiscale

Chi poi pensasse di poter aggirare il Fisco, deve confrontarsi con la legge [2] che punisce con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a imposte di ammontare complessivo superiore a 50mila euro, aliena simulatamente o compie altri atti fraudolenti sui propri o su altrui beni idonei a rendere in tutto o in parte inefficace la procedura di riscossione coattiva. Se l’ammontare delle imposte, sanzioni e interessi è superiore a 200mila euro si applica la reclusione da un anno a sei anni.

note

[1] Art. 388 cod. pen.

[2] Art. 11 del Dlgs 74/2000.

Autore Immagine: 123rf.com

Fonte: Sole24Ore

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI