HOME Articoli

Lo sai che? Vietato il parcheggio nello spiazzo condominiale se rende difficile accedere ai garage

Lo sai che? Pubblicato il 1 maggio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 maggio 2014

Si può vietare l’uso del cortile condominiale per il parcheggio delle auto dei condomini se ciò rende più difficile l’accesso o l’uscita dai singoli box auto.

Tutti hanno diritto di usufruire delle parti comuni dell’edificio, a condizione però che ciò non impedisca o limiti, agli altri proprietari, il godimento dei loro diritti. Così, in applicazione di tale principio, è possibile lasciare l’auto nel cortile condominiale purché l’accesso ai singoli garage non venga reso più difficoltoso.

A dirlo è una recentissima sentenza della Cassazione [1].

Come noto, il codice civile [2] stabilisce che ciascun condomino può servirsi della cosa comune (che in questo caso è lo spiazzo antistante l’edificio) a condizione di non alterarne la destinazione d’uso e di non impedire agli altri partecipanti di farne lo stesso uso secondo i loro diritti. Il che avviene quando le manovre delle auto per l’accesso ai box auto diventino più difficili.

E dunque, se la sosta dei veicoli, nei pressi delle rimesse, ostacola l’accesso e l’uscita delle vetture, utilizzare il cortile come luogo per lasciare le auto significherebbe impedire agli altri condomini di fare parimenti uso dello spiazzo “secondo i loro diritti”.

In generale, l’uso del cortile per l’accesso e la sosta dei veicoli non è incompatibile con la funzione primaria e tipica di tale bene, ma ad una condizione: che le caratteristiche e le dimensioni del cortile stesso lo consentano e il regolamento di condominio non lo vieti.

In tali casi, dunque, il giudice deve innanzitutto verificare se il parcheggio abituale di auto all’interno di area destinata al solo transito di veicoli per l’accesso alle singole autorimesse privi gli altri condomini della possibilità di utilizzare lo spazio comune, rendendo meno agevole le manovre di entrata e di uscita dai garage. Se così dovesse essere, potrebbe impedirvi la sosta.

note

[1] Cass. sent. n. 9522/14 del 30.04.14.

[2] Art. 1102 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI