Diritto e Fisco | Articoli

Affitto: riparazioni e manutenzioni fatte dall’inquilino vanno rimborsate

5 Maggio 2014
Affitto: riparazioni e manutenzioni fatte dall’inquilino vanno rimborsate

In tema di locazione, il conduttore ha diritto al rimborso delle spese per le riparazioni eccedenti la normale manutenzione se, avendo il carattere dell’urgenza, il conduttore medesimo ha avvisato il locatore e, nell’inerzia di questi, ha provveduto direttamente ai lavori.

L’inquilino che abbia più volte richiesto al padrone di casa di provvedere a riparazioni di straordinaria manutenzione, qualora questi rimanga inerte e indifferente, può, in caso di urgenza, provvedere egli stesso e, in tal caso, rivendicare poi il diritto al rimborso delle spese anticipate. Lo ha ricordato la Cassazione in una recente sentenza [1].

Se, invece, le opere di straordinaria manutenzione non hanno il carattere dell’urgenza, l’inquilino può pretendere il risarcimento del danno.

Come, infatti, precisato in un’altra sentenza, il conduttore ha diritto al risarcimento del danno nel caso di mancata riparazione dell’appartamento da parte del locatore. Quest’ultimo è infatti obbligato a provvedere alle riparazioni eccedenti la normale manutenzione (al contrario, spettano all’inquilino tutte le spese di piccola manutenzione).

Quando, poi, dette riparazioni hanno il carattere dell’urgenza, lo stesso conduttore, una volta avvisato il locatore e nell’inerzia di questi, ha facoltà di provvedere direttamente ai lavori. Per tale tipo di interventi, infatti, non è richiesta la preventiva autorizzazione. Non è di ostacolo neanche l’eventuale divieto del locatore [2].

È bene però ricordare che il conduttore dell’appartamento non può, qualora vanti dei crediti nei confronti del locatore, autoridursi il canone dell’affitto. In altre parole egli non può, di sua spontanea iniziativa – e salvo che vi sia il consenso dell’altra parte – compensare il proprio credito derivante dalle spese anticipate a titolo di lavori urgenti con il debito mensile relativo al canone. Infatti, come più volte ribadito dalla Suprema Corte [3], si tratta di due prestazioni distinte, che viaggiano su due binari diversi.

Questo significa che l’inquilino resta comunque tenuto a pagare l’affitto pur avendo anticipato delle sostanziose spese che il padrone di casa non intende rimborsargli. In tali ipotesi, non gli resta che agire in giudizio per il recupero del credito.

Per sapere quali sono i lavori di manutenzione a carico dell’inquilino, rinviamo all’apposita guida presente sulle pagine di questo portale: “Affitto: quali sono i lavori di manutenzione a carico dell’inquilino?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube