Diritto e Fisco | Articoli

Locazione: se i danni all’immobile sono gravi il locatore può rifiutarne la restituzione

4 Agosto 2014
Locazione: se i danni all’immobile sono gravi il locatore può rifiutarne la restituzione

Se il conduttore abbia arrecato all’immobile gravi danni per la cui riparazione sono necessarie somme rilevanti, il rifiuto del locatore di ricevere la restituzione è legittimo fino a quando quelle somme non siano state corrisposte dal conduttore.

Alla scadenza del contratto d’affitto, il problema delle riparazioni da eseguire sull’immobile locato, rese necessarie per via dell’uso – a volte non diligente –dell’inquilino, dà puntualmente vita a una serie di contestazioni tra le parti, contestazioni che non poche volte finiscono sul banco del giudice.

Cosa prevede la legge? In generale, l’inquilino è tenuto a restituire l’immobile nello stato di fatto in cui si trovava all’inizio della locazione. Tanto più che, secondo la legge, le piccole manutenzioni ricadono proprio sul conduttore.

Di recente, però, la Cassazione ha emesso una sentenza di particolare importanza, che potrebbe aggravare notevolmente il conto finale presentato dal padrone di casa al termine della locazione. Secondo la Suprema Corte, qualora il conduttore abbia arrecato all’immobile gravi danni (o effettuato innovazioni non autorizzate) di tale rilievo che, in proporzione al contratto, è necessario l’esborso di notevoli somme per ripristinare l’immobile, il locatore può rifiutarsi di ricevere la restituzione dell’immobile medesimo.

Tale rifiuto è legittimo, in via di principio, fino a quando il conduttore non verserà le somme necessarie per le opere di ripristino. Con la non indifferente conseguenza che, fino a quando persisterà la mora del conduttore (ossia finché questi non corrisponda tali importi), egli resta anche tenuto a pagare il canone di locazione [2] pur avendo abbandonato l’immobile.

Inoltre, il locatore può sempre richiedere il risarcimento del danno per il fatto che le condizioni in cui si trova l’immobile non consentono di ri-locarlo o impediscono al locatore di abitarlo personalmente. In tali casi, la perdita pecuniaria si misura proprio in base al tempo occorrente per il ripristino dell’immobile in condizioni tali da poter essere goduto direttamente o essere riaffittato.


note

[1] Cass. sent. n. 12977/13.

[2] Ex art. 1591 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube