L’esperto | Articoli

Insegna pubblicità e imposta: Cassazione

14 Giugno 2021
Insegna pubblicità e imposta: Cassazione

Tributi locali, pubblicità e affissioni: dimensioni oltre le quali non è dovuta l’imposta. L’esenzione dall’imposta sulla pubblicità per l’insegna che contraddistingue un servizio di pubblica utilità.

Come enunciato dalla Cassazione, in tema di imposta comunale sulla pubblicità, il comma 1 bis dell’art. 17 del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507, aggiunto dall’art. 10 della legge 28 dicembre 2001 n. 448, che esenta dall’imposta le insegne di attività commerciale e di produzione di beni e servizi nei limiti di una superficie complessiva fino a 5 mq, non consente di introdurre distinzioni in relazione al concorso dello scopo pubblicitario con la funzione propria dell’insegna stessa. Pertanto, è pienamente ammessa l’esenzione dall’imposta sulla pubblicità per quell’insegna di un’attività che si limiti a indicare al pubblico il tipo di servizio e il luogo in cui essa è svolta, soprattutto allorquando la struttura rientri nei limiti dimensionali previsti dalla legge. 

Ecco le ultime sentenze della Cassazione in tema di insegna sulla pubblicità e imposta.

Non va esente dall’imposta sulla pubblicità l’insegna che contraddistingue un servizio di pubblica utilità, essendo tale carattere di “pubblica utilità” irrilevante laddove si tratti di mezzi di comunicazione al pubblico che siano oggettivamente idonei a far conoscere alla massa indeterminata di possibili acquirenti il nome e l’attività svolta nell’azienda, sebbene si tratti di cartelli che realizzano anche la funzione di agevolare il traffico, in considerazione del fatto che anche i segnali di indicazione elencati all’art. 39, lett. C) del nuovo codice della strada d.lgs. n. 285 del 1992 — i quali includono i segnali turistici e di territorio (aventi, ai sensi dell’art. 134 del d.p.r. n. 495 del 1992 -regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada- la funzione di fornire agli utenti della strada informazioni necessarie o utili per la guida e la individuazione di località, itinerari, servizi e impianti) — nonché, in particolare, i segnali di avvio a fabbriche e stabilimenti, ove racchiudano il riferimento nominativo a una determinata ditta, svolgono, per la loro sostanziale natura di insegne, anche una funzione pubblicitaria tassabile ai sensi del d.lgs. n. 507 del 1993, art. 5.

(Nella specie la Suprema Corte accoglie il ricorso, presentato dalla società concessionaria del servizio di accertamento liquidazione e riscossione dell’imposta sulla pubblicità per il Comune di Montecatini Terme, e nega l’esenzione dall’imposta riguardo alle insegne che contraddistinguono un’attività di parcheggio di autovetture svolta all’interno di un terminale bus, nonostante il riconoscimento manifestato dal Comune in ordine alla natura di segnaletica stradale delle insegne in questione, realizzate con colore blu su sfondo bianco, in ragione del loro carattere di pubblica utilità).

Cassazione civile sez. trib., 13/11/2018, n.29089

L’esenzione dall’imposta sulla pubblicità è prevista dall’art. 17, comma 1 bis, primo periodo, del d.lgs. 15 novembre 1993, n. 507, per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni e servizi, che contraddistinguono la sede ove si svolge l’attività cui si riferiscono, non trova applicazione per i pannelli esposti su distributori automatici, raffiguranti i prodotti commercializzati individuati da un proprio marchio, sia perché tali distributori non possono considerarsi “sede” di svolgimento dell’attività commerciale sia perché detti pannelli, in quanto mezzi pubblicitari raffiguranti il marchio del prodotto, non possono essere considerati “insegne di esercizio”.

Cassazione civile sez. trib., 30/12/2014, n.27497

In tema di imposta sulla pubblicità, i cartelli contenenti la descrizione degli immobili intermediati dall’agenzia immobiliare non possono ricondursi alla nozione di “avvisi al pubblico”, perché essi non sono messaggi informativi in ordine all’attività esercitata dal contribuente ma hanno una funzione promozionale, ossia la funzione di attirare verso un immobile determinato l’attenzione di chi abbia interesse ad acquistare o prendere in locazione un immobile, e sono quindi mezzi pubblicitari, perché promuovono la vendita o la locazione (vale a dire, pubblicizzano) gli immobili raffigurati e quindi promuovono (vale a dire, pubblicizzano) l’offerta di servizi dell’agenzia che di tali immobili gestisce la mediazione. Pertanto, non rientrano nella esenzione prevista dall’art. 17, comma 1 bis, d.lg. n. 507 del 1993 [1].

Cassazione civile sez. VI, 16/10/2014, n.21966

L’esposizione nella vetrina dei locali di un’agenzia immobiliare di cartelli contenenti fotografie e descrizioni degli immobili offerti in vendita o in locazione integra il presupposto impositivo dell’imposta di pubblicità, perché assolve alla funzione di pubblicizzare (anche senza l’adozione di modalità di rappresentazione di carattere reclamistico) tali immobili, ossia di promuoverne la vendita o la locazione e, quindi e contestualmente, di promuovere l’accesso del pubblico ai servizi di mediazione offerti dall’agenzia; e ciò anche a prescindere dalla presenza, su detti cartelli, del logo e dei recapiti dell’agenzia, in quanto la promozione dell’attività di mediazione svolta dall’agenzia costituisce effetto immediato e diretto della promozione dell’affare la cui mediazione sia stata affidata all’agenzia.

Cassazione civile sez. VI, 16/10/2014, n.21966

In materia di imposta sulla pubblicità, le insegne sono soggette all’imposta ai sensi dell’art. 12 del d.P.R. 507 del 1993, con le sole esenzioni di cui all’art. 17 del medesimo decreto, che riguarda — tra l’altro — le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguano la sede ove si svolge l’attività cui si riferiscono, di superficie fino a cinque metri quadri; ne deriva che le insegne ubicate in luoghi diversi dalla sede o di dimensioni superiori sono soggetti all’imposta.

(Nella specie, la Commissione tributaria regionale aveva escluso l’assoggettabilità ad imposta di uno striscione di otto metri quadri esposto in un cantiere edile, equiparandolo ad un’insegna, sebbene il cantiere appartenesse a soggetto diverso da quello pubblicizzato; la S.C., nel cassare la decisione, ha affermato il principio su esteso)

Cassazione civile sez. trib., 11/05/2012, n.7348

In tema imposta comunale sulla pubblicità, il comma 1 bis dell’art. 17 d.lg. 15 novembre 1993 n. 507, aggiunto dall’art. 10 l. 28 dicembre 2001 n. 448, che esenta dall’imposta le insegne di attività commerciali e di produzione di beni o servizi nei limiti di una superficie complessiva fino a cinque metri quadrati, non consente di introdurre distinzioni in relazione al concorso dello scopo pubblicitario con la funzione propria dell’insegna stessa, purché la stessa, oltre ad essere installata nella sede dell’attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie e ad avere la funzione di indicare al pubblico il luogo di svolgimento dell’attività, si mantenga nel predetto limite dimensionale, in tal senso deponendo anche l’art. 2 d.m. 4 aprile 2003, che, ai sensi dell’art. 10 comma 3, della legge n. 448 cit., ha dettato le modalità operative per la determinazione dei trasferimenti compensativi ai comuni a copertura delle minori entrate relative all’imposta sulla pubblicità derivanti dalla esenzione stabilita dall’art. 17, comma 1 bis cit.

(In applicazione del principio, la S.C. ha ritenuto applicabile l’esenzione in parola, nel caso di una insegna che, rispettosa dei criteri formali indicati dal comma 1 bis dell’art. 17 cit., conteneva anche la pubblicità del marchio del caffè commercializzato).

Cassazione civile sez. trib., 06/12/2011, n.26174

In tema di illeciti disciplinari riguardanti gli avvocati, mentre è da ritenere legittima la pubblicità informativa dell’attività professionale finalizzata all’acquisizione della clientela, la medesima è sanzionabile disciplinarmente – ai sensi dell’art. 38 r.d.l. 27 novembre 1933 n. 1578, e degli art. 17 e 17 bis del codice deontologico forense – ove venga svolta con modalità lesive del decoro e della dignità della professione. (Nella specie, le S.U. hanno confermato, “in parte qua”, la sentenza del C.N.F. che aveva irrogato la sanzione della censura a carico di due avvocati che avevano aperto uno studio sulla pubblica via con la suggestiva insegna “A.L.T. – assistenza legale per tutti – prima consulenza gratuita”).

Cassazione civile sez. un., 18/11/2010, n.23287

In tema imposta comunale sulla pubblicità, il comma 1 bis dell’art. 17 d.lg. 15 novembre 1993 n. 507, aggiunto dall’art. 10 l. 28 dicembre 2001 n. 448, che esenta dall’imposta le insegne di attività commerciali e di produzione di beni o servizi nei limiti di una superficie complessiva fino a cinque metri quadrati, non consente di introdurre distinzioni in relazione al concorso dello scopo pubblicitario con la funzione propria dell’insegna stessa, purché la stessa, oltre ad essere installata nella sede dell’attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie, e ad avere la funzione di indicare al pubblico il luogo di svolgimento dell’attività, si mantenga nel predetto limite dimensionale, in tal senso deponendo anche l’art. 2 del d.m. 4 aprile 2003, che, ai sensi dell’art. 10, comma 3, della legge n. 448 cit., ha dettato le modalità operative per la determinazione dei trasferimenti compensativi ai comuni a copertura delle minori entrate relative all’imposta sulla pubblicità derivanti dalla esenzione stabilita dall’art. 17, comma 1 bis, cit..

Cassazione civile sez. trib., 30/10/2009, n.23021


note

[1] La sentenza in rassegna riconosce la sussistenza del presupposto impositivo per assoggettare alla imposta di pubblicità il mezzo pubblicitario rappresentato da cartelli aventi lo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi (vendita o locazione di immobili): in questi termini è anche Cass., Sez. trib., 12 gennaio 2012, n. 252, inGiust. civ. Mass.2012, secondo cui costituisce «mezzo pubblicitario», qualsiasi forma di comunicazione avente lo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi e di migliorare l’immagine aziendale. Questo mezzo di comunicazione pubblicitaria non può rientrare nelle ipotesi di esenzione disciplinate dal d.lgs. 15 novembre 1993, n. 507, art. 17, che è norma eccezionale insuscettibile come tale di interpretazione analogica: il comma 1, lett.d), di detta norma esenta dall’imposta sulla pubblicità i messaggi relativi a giornali e periodici esposti sulle facciate esterne delle edicole, esenzione che non può essere estesa al caso interessato dalla sentenza in rassegna; infatti, come da Cass., Sez. trib., 11 maggio 2012 n. 7345,ivi, 2012, 5, 595, detta esenzione, ad esempio, non si applica alla pubblicità esposta sulle tende da sole delle edicole e dei negozi di rivendita dei giornali, atteso che questa utilizza supporti a sé stanti, che godono di maggiore evidenza rispetto alle facciate delle edicole cui si riferisce l’esenzione. Né sfuggono alla imposizione sulla pubblicità, i segnali di indicazione elencati all’art. 39, lett.c), del nuovo codice della strada, i quali includono i segnali turistici e di territorio che forniscono agli utenti informazioni necessarie o utili per la guida e la individuazione di località, itinerari, servizi e impianti, nonché, in particolare, i segnali di avvio a fabbriche e stabilimenti, ove contengano il riferimento nominativo ad una determinata ditta, che svolgono, per la loro sostanziale natura di insegne, anche una funzione pubblicitaria tassabile ai sensi dell’art. 5 del d.lgs. 15 novembre 1993 n. 507: così Cass., Sez. VI, 11 aprile 2014 n. 8616,ivi, 2014, rv 630194. Quindi, in generale, le insegne sono soggette all’imposta ai sensi dell’art. 12 del d.lgs. 507 del 1993, con le sole esenzioni di cui all’art. 17 del medesimo decreto e così per Cass., Sez. trib., 11 maggio 2012 n. 7348,ivi, 2012, 5, 596, anche uno striscione di otto metri quadri esposto in un cantiere edile è assoggettato all’imposta sulla pubblicità perché equiparabile ad una insegna.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube