Diritto e Fisco | Articoli

Carburante sbagliato o annacquato: risarcisce la pompa di benzina

8 Maggio 2014


Carburante sbagliato o annacquato: risarcisce la pompa di benzina

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 Maggio 2014



Il benzinaio tenuto a indennizzare l’automobilista per i sedimenti nella benzina: risarcimento stabilito secondo equità per il fermo tecnico.

In aumento le irregolarità da parte dei distributori di carburante: nonostante i controlli della Finanza, i benzinai non hanno perso il vizio di truffare gli automobilisti, manomettendo gli erogatori. Dalle indagini del 2012, circa il 15% degli impianti è risultato irregolare.

Il problema riguarda non solo la violazione delle norme sui prezzi o il corretto funzionamento dell’erogatore, ma anche l’annacquamento del carburante, in cui spesso sono stati rinvenuti sedimenti e acqua in misura superiore a quella consentita.

La conseguenza non è solo sul prezzo del prodotto effettivamente acquistato dall’automobilista. A farne le spese è anche il filtro del gasolio, l’impianto di iniezione e il serbatorio dell’auto. Con conseguenti danni che, a volte, raggiungono diverse centinaia di euro.

In questi casi, purtroppo, per risolvere il problema – almeno quello sul mezzo – c’è solo l’officina. Invece, per il portafoglio c’è il giudice che, secondo una recente sentenza del Tribunale di Padova [1], condannerà il gestore della pompa a risarcire:

 

sia la spesa sostenuta onde provvedere alla riparazione (cosiddetto danno emergente);

– sia il danno da fermo tecnico, ossia per il tempo che il veicolo è stato inutilizzabile.

Tale seconda voce di danno si distingue, a sua volta, in due componenti:

1. la prima, risarcibile in via equitativa (ossia, anche in difetto di prova specifica, secondo quanto al giudice appare “equo” e “giusto). Essa comprende i costi derivanti dalle conseguenze automatiche del fermo, ossia l’insieme delle “spese fisse sostenute dal proprietario del veicolo nonostante il mancato uso del mezzo e il deprezzamento dello stesso durante la sosta forzata in officina”;

2. la seconda, per la quale si deve fornire la prova, comprende “tutte le ulteriori poste di danno indirettamente e non immediatamente ricollegabili alla sosta forzata della vettura, quali le spese per il noleggio della vettura sostitutiva o l’impossibilità di eseguire una particolare attività (come, per esempio, un viaggio rinviato, un lavoro perso, ecc.).

Nel caso di specie, il giudice ha riconosciuto un importo differenziato a seconda del tipo di veicolo costretto alla sosta, liquidando 150 euro al giorno per il fermo di un camion e 50 euro per l’auto aziendale.

note

[1] Trib. Padova, sent. n. 495/2014.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. ma per poter “far causa” al gestore della pompa di benzina bisogna provare di fornirsi sempre presso di lui?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI