Diritto e Fisco | Articoli

Proprietari e inquilini: nuova ripartizione delle spese di condominio


Proprietari e inquilini: nuova ripartizione delle spese di condominio

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 maggio 2014



Locazione: le spese che deve sostenere il locatore e quelle che, invece, ricadono sul conduttore.

È stata appena siglata, tra Confedilizia e tre sindacati dell’inquilinato, la nuova tabella di ripartizione spese tra locatore e conduttore.

La nuova tabella di fatto recepisce le novità normative e tecnologiche come il cablaggio dei condomini, i sistemi di videosorveglianza e l’installazione di antenne satellitari. Per utilizzarla basta richiamarla espressamente nel contratto di locazione, citando il numero di registrazione.

Alcune voci sono rimaste in sospeso perché ci sono realtà locali differenti e una specifica norma di chiusura rinvia, per le voci non previste, alle norme di legge e agli usi locali.

IL CONTENUTO DELLA TABELLA

L’inquilino

Gli inquilini devono, in generale, sostenere le spese di tutte le manutenzioni ordinarie e le piccole riparazioni, le spese per il consumo di energia e relative letture, e le ispezioni e collaudi degli impianti (ascensore, autoclave, impianti di illuminazione, videocitofono e videosorveglianza, ricezione televisiva e flussi informativi), la ricarica degli estintori degli impianti antincendio.

Il proprietario

Sul proprietario gravano invece le spese straordinarie, come l’installazione di nuovi impianti o il loro rifacimento, l’adeguamento alle disposizioni di legge, l’acquisto degli estintori degli impianti antincendio.

Tasse

Il proprietario paga quella del passo carrabile e l’Imu, l’inquilino quella sull’occupazione del suolo pubblico in caso di lavori condominiali e la tassa rifiuti.

Portierato

Tutte le spese sono a carico dell’inquilino al 90% e del proprietario al 10 per cento, tranne il materiale di pulizia (100% all’inquilino) e, in coerenza con le altre divisioni, la manutenzione straordinaria della «guardiola» (100% al proprietario).

Pulizia

Le pratiche per l’assunzione o per il conferimento dell’appalto a un’impresa, l’acquisto e sostituzione di macchinari per la pulizia, bidoni e contenitori spettano al proprietario, tutto il resto (stipendi e altre spese in generale, derattizzazione, sacchi, sgombero della neve) all’inquilino.

Come usare la nuova tabella

La nuova tabella di ripartizione spese può essere usata, di comune accordo, semplicemente richiamandola nel contratto di locazione con questa formula: “Gli oneri accessori alla locazione di cui al presente contratto vengono ripartiti in base alla tabella oneri accessori ripartizione fra locatore e conduttore concordata tra Confedilizia e Sunia-Sicet-Uniat registrata il 30 aprile 2014 a Roma (agenzia Entrate, ufficio territoriale Roma 2, n.8455/3)”.

note

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. io già usavo la tabella confedilizia 1994 ed indicata nei contratti 4+4 .
    questa sostituisce totalmente la precedente? è sufficiente consegnarne una copia all’inquilino e basta?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI