Diritto e Fisco | Articoli

Come vedere Unilav

21 Settembre 2021 | Autore:
Come vedere Unilav

Comunicazione di assunzione: dove si può trovare il modello Unificato Lav, quali dati devono essere riportati.

All’atto dell’instaurazione del rapporto di lavoro, prima dell’inizio dell’attività lavorativa, il datore di lavoro è tenuto a consegnare al dipendente una copia della comunicazione di assunzione [1], il modulo Unificato Lav, o Unilav assunzione.

Il modulo Unilav è utilizzato non solo per comunicare l’instaurazione del rapporto di lavoro, ma anche la proroga, la trasformazione e la cessazione, nonché le ipotesi di distacco del personale o trasferimento del lavoratore. Come vedere Unilav?

Innanzitutto, in merito all’assunzione, va specificato che l’obbligo di comunicazione al dipendente si intende assolto anche nel caso in cui il datore di lavoro gli consegni, prima dell’inizio dell’attività lavorativa, una copia del contratto individuale di lavoro. Il documento deve contenere tutte le informazioni previste dalla legge [2].

Il datore di lavoro ente pubblico può assolvere all’obbligo di informazione consegnando al lavoratore, entro il 20 del mese successivo alla data di assunzione, una copia della comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro; in alternativa, può consegnare una copia del contratto individuale di lavoro [3]. Ma, nel caso in cui il datore di lavoro non lo abbia consegnato, come vedere l’Unilav?

Per conoscere i dati significativi della comunicazione di assunzione inviata dal datore di lavoro ai servizi per l’impiego, ci si può rivolgere al centro per l’impiego, oppure si può accedere alla propria scheda anagrafico – professionale tramite il sito dell’Anpal, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro.

Alcuni dati relativi all’assunzione emergono anche dall’estratto conto previdenziale, oppure dal servizio di consultazione delle informazioni previdenziali dell’Inps. Ma procediamo con ordine.

Quali sono i dati indicati nell’Unilav?

I dati che il datore di lavoro deve indicare nel modello Unilav di assunzione sono i seguenti:

  • sezione datore di lavoro:
    • codice fiscale del datore di lavoro;
    • denominazione del datore di lavoro;
    • codice Ateco dell’azienda, ente o studio;
    • Pubblica Amministrazione (sì/no);
    • indirizzo della sede legale;
    • recapito telefonico;
    • indirizzo della sede di lavoro e recapito telefonico della stessa;
  • sezione lavoratore:
    • codice fiscale;
    • cognome e nome;
    • sesso;
    • data di nascita
    • comune / stato estero di nascita;
    • cittadinanza;
    • domicilio;
    • livello di istruzione;
    • modello Q, da compilare se il lavoratore è uno straniero in possesso di regolare permesso di soggiorno:
    • numero e tipo del permesso di soggiorno;
    • scadenza;
    • ente che lo ha rilasciato;
    • esistenza di un’idonea sistemazione alloggiativa per il dipendente;
    • impegno a sostenere le spese di un eventuale rimpatrio;
  • sezione rapporto di lavoro:
    • data inizio;
    • data fine (va compilata solo se si tratta di un contratto a termine;
    • ente previdenziale;
    • codice ente previdenziale;
    • numero di Pat Inail;
    • tipologia contrattuale (contratto a tempo indeterminato, a termine…);
    • socio lavoratore (sì/no);
    • lavoratore in mobilità (sì/no);
    • lavoro stagionale(sì/no);
    • tipo orario: part time orizzontale, verticale o misto, tempo pieno;
    • ore settimanali medie;
    • qualifica professionale Ista: ad esempio, 5.1.2.2.0.5 aiuto commesso; se non si conoscono il codice Istat e la precisa denominazione della qualifica, si possono cercare i dati dall’apposito menu;
    • assunzione obbligatoria (sì/no);
    • codice contratto collettivo applicato;
    • livello di inquadramento;
    • retribuzione / compenso lordo;
    • lavoro in agricoltura (sì/no);
  • sezione dati di invio:
    • soggetto che effettua la comunicazione;
    • codice fiscale del soggetto che effettua la comunicazione;
    • e-mail del soggetto che effettua la comunicazione;
    • tipo comunicazione: es. 01 – comunicazione obbligatoria;
    • codice comunicazione;
    • assunzione per cause di forza maggiore (sì/no).

Effettuato l’invio, il sistema offre la possibilità di stampare la ricevuta col numero di protocollo.

Come vedere Unilav dal sito Anpal?

Attraverso il sito web My Anpal, al quale è possibile accedere con Spid, il lavoratore può prendere visione della propria scheda anagrafica professionale, o Sap. Nella scheda, confluiscono i dati comunicati dai datori di lavoro tramite modello Unilav.

I dati descritti nella scheda (dati generali esperienza) sono i seguenti:

  • codice fiscale del datore di lavoro;
  • denominazione del datore di lavoro;
  • indirizzo del datore di lavoro;
  • settore di appartenenza;
  • in caso di somministrazione:
    • codice fiscale dell’azienda utilizzatrice;
    • denominazione dell’azienda utilizzatrice;
    • indirizzo dell’azienda utilizzatrice;
    • settore dell’azienda utilizzatrice;
  • data d’inizio;
  • data di fine (solo se l’esperienza è cessata);
  • data di fine del periodo formativo;
  • qualifica professionale assegnata;
  • principali mansioni o attività svolte;
  • tipo di contratto (es. lavoro a tempo indeterminato);
  • categoria di inquadramento;
  • eventuale indicazione di assunzione effettuata in qualità di lavoratore appartenente alle categorie protette;
  • è inoltre indicato se si tratta di un lavoratore:
    • in mobilità;
    • stagionale;
    • in agricoltura;
  • modalità di lavoro (es. part time);
  • luogo di lavoro;
  • indirizzo;
  • sede di lavoro (Comune o Stato estero).

Come vedere Unilav dalla scheda anagrafica del centro per l’impiego?

Il lavoratore, per prendere visione dei dati indicati nel modello Unilav, può anche richiedere la scheda anagrafica al centro per l’impiego.

Nella scheda anagrafica del centro per l’impiego sono indicate, in sostanza, le stesse informazioni presenti nella scheda anagrafica che si visiona dal sito Anpal:

  • dati dell’azienda;
  • sede di lavoro;
  • data di inizio;
  • data di cessazione (a meno che il rapporto non sia in corso);
  • qualifica;
  • inquadramento;
  • tipo di contratto;
  • orario (es. part time);
  • data fine periodo formativo (per gli apprendisti).

Anche la scheda anagrafica rilasciata dal centro per l’impiego riporta dunque i dati della comunicazione Unilav.

Assenza di Unilav e contratto di lavoro

In caso di mancata consegna del contratto e dell’Unilav, il lavoratore può rivolgersi all’Ispettorato del lavoro perché intimi al datore di fornire le informazioni previste entro 15 giorni. Per approfondire, leggi: “Come verificare assunzione di lavoro“.


note

[1] Art. 9 bis, Co.2, D.lgs. 510/1996.

[2] D.lgs. 152/1997.

[3] L’obbligo non è previsto per il personale di cui all’articolo 3 del D.lgs. 165/2001.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube