Diritto e Fisco | Articoli

Bonus acqua 2021

21 Giugno 2021 | Autore:
Bonus acqua 2021

Agevolazione per acquisto e installazione di sistemi di filtraggio dell’acqua per renderla potabile: credito d’imposta del 50%. I fondi non bastano per tutti.

Se hai intenzione di comprare filtri o depuratori per rendere potabile l’acqua, puoi avere uno sconto del 50% sul prezzo: lo prevede il nuovo bonus acqua 2021, introdotto dall’ultima legge di Bilancio. L’Agenzia delle Entrate ha comunicato le regole per fruire dell’agevolazione: bisogna pagare con sistemi tracciabili, non in contanti, e inserire la domanda sul sito.

Il bonus sarà riconosciuto a marzo 2022 in forma di credito d’imposta e, quindi, in diminuzione delle tasse da pagare. Il Governo ha stanziato, finora, solo 5 milioni di euro: se non arriveranno fondi integrativi, il bonus sarà ridotto in proporzione. Vediamo in dettaglio cos’è e come funziona il bonus acqua 2021, chi può richiederlo e come.

Bonus acqua 2021: cos’è?

Il bonus acqua 2021 è stato introdotto dalla legge di Bilancio [1] per favorire l’uso di acqua potabile naturale, proveniente dagli acquedotti, e ridurre il consumo di bottiglie di plastica. Consiste in un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per chi acquista ed installa, nel periodo dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022, sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica.

Bonus acqua 2021: a chi spetta?

L’agevolazione del bonus acqua 2021 spetta sia alle persone fisiche sia agli esercenti attività d’impresa, artigianali o professionali, a condizione che gli impianti siano installati all’interno di immobili posseduti o detenuti in base a un titolo idoneo: proprietà, contratto di affitto o comodato d’uso. In caso di comproprietà, il credito d’imposta spettante viene ripartito tra gli aventi diritto in proporzione alle spese sostenute da ciascuno.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito [2] che imprenditori e professionisti devono fare riferimento al criterio di cassa – dunque, alla data in cui le spese sono state sostenute – se operano in regime di contabilità semplificata.

Bonus acqua 2021: a quanto ammonta?

Il credito d’imposta spettante a ciascun beneficiario del bonus acqua 2021 è pari al 50% delle spese sostenute e riconosciute, con il limite massimo di:

  • 1.000 euro per le persone fisiche non esercenti attività imprenditoriali e per ciascuna unità immobiliare posseduta;
  • 5.000 euro per i titolari di partite Iva e ciascun immobile destinato ad attività imprenditoriale, commerciale o professionale.

Il bonus acqua 2021 è stato finanziato con 5 milioni di euro per il 2021 e altrettanti per il 2022. Perciò, se l’ammontare dei crediti d’imposta richiesti da tutti i contribuenti supererà tale dotazione, la percentuale di detrazione ammessa per ciascun richiedente sarà proporzionalmente ridotta. L’Agenzia delle Entrate comunicherà, entro il 31 marzo 2022, questo eventuale abbattimento.

Bonus acqua 2021: come chiederlo?

La richiesta del bonus acqua 2021 deve essere presentata in via telematica, nell’area riservata del sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, direttamente dal contribuente o avvalendosi di un intermediario qualificato (commercialista, Caf).

Nella domanda, occorre indicare i dati di dettaglio relativi alle spese sostenute e alle modalità di pagamento. In particolare, bisogna riportare:

  • gli estremi della fattura o del documento commerciale con il codice fiscale di chi ha sostenuto la spesa e richiede il credito d’imposta;
  • i dati catastali dell’immobile dove è stato installato l’impianto di potabilizzazione dell’acqua.

Tutti i pagamenti, per essere ammessi all’agevolazione, devono essere effettuati in modalità tracciabile (bonifico bancario, carte di credito o di debito o prepagate, assegni bancari o circolari) e non in contanti.

Il bonus acqua 2021 è concesso in forma di credito d’imposta e potrà essere utilizzato in compensazione, tramite modello F24, oppure portando l’importo in detrazione nella dichiarazione dei redditi.


note

[1] Art. 1, co. 1087-1089, L. n. 178/2020.

[2] Agenzia Entrate, provv. n. 153000 del 16.06.2021.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube