Diritto e Fisco | Articoli

Cos’è il danno biologico?

12 maggio 2014


Cos’è il danno biologico?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 maggio 2014



Tutto ciò che c’è da sapere sul risarcimento in caso di danno alla salute e alla integrità psico-fisica; il caso del colpo di frusta per l’incidente stradale.

Questa voce ha assunto sempre più rilievo nel tempo. Nel diritto italiano il cosiddetto danno biologico consiste nella lesione dell’interesse – garantito dalla Costituzione – all’integrità fisica della persona. Questo sussiste, dunque, in presenza di una lesione fisica (per esempio: un incidente stradale, un infortunio sul lavoro) o psichica del soggetto.

Tale categoria di danno è stata elaborata nel tempo dalla giurisprudenza.

Inizialmente, l’ordinamento prevedeva un risarcimento del cosiddetto danno patrimoniale, quello cioè composto dal danno emergente (ossia le spese sopportate dal punto di vista economico) e il lucro cessante (ossia la perdita di possibilità di guadagno e di affari).

Successivamente, sono venute alla luce varie situazioni in cui non era possibile applicare detta regola: si pensi a tutti i casi in cui il soggetto non era lavoratore.

Si iniziò allora a valutare il danno come riverberato sull’integrità fisica del soggetto, prescindendo, quindi, da ogni valutazione sulla sua capacità lavorativa.

Si tratta in sostanza del danno conseguente alla violazione del diritto assoluto di ogni persona alla salute e alla propria integrità psico-fisica. Si riferisce, in sintesi, alla lesione del valore-uomo indipendentemente dall’incidenza sulla capacità di guadagno.

Nonostante il danno biologico sia oramai una categoria di danno riconosciuta dalla dottrina e dalla giurisprudenza, ancora qualche problema risiede nella sua effettiva liquidazione, in particolare nel settore dei sinistri stradali, dove esistono apposite tabelle. Altrettanto in tema di infortunio sul lavoro.

In tutti gli altri casi, bisogna fare affidamento su altri tipi di tabelle. Al momento il sistema tabellare maggiormente usato nelle Corti d’Appello italiane appare essere quello del Tribunale di Milano.

In caso di colpo di frusta per incidente stradale

Il decreto liberalizzazioni 2012, oltre ad una banca dati dei testimoni e dei sinistri, ha stabilito che, da ora in poi, non verrà più riconosciuto il danno biologico, e dunque il relativo risarcimento, per le lesioni di lieve entità non suscettibili di un accertamento clinico, come il colpo di frusta.

In caso di incidente stradale, le lesioni di lieve entità che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente. Esso viene invece ora risarcito solo quando la lesione, riscontrata dal rapporto medico legale, verrà accertata con strumenti clinici obiettivi.

Invece, il danno biologico temporaneo (cioè i giorni di degenza conseguenti alla lesione) verrà risarcito se il medico legale accerta la lesione sia visivamente sia strumentalmente.

Per un approfondimento, leggi: “Incidenti: colpo di frusta, come si determina il risarcimento”, “Colpo di frusta e ferite lievi da incidente stradale: iter più facile” e “Colpo di frusta: risarcimento per il sinistro auto solo se accertato dagli esami”.

Tale intervento, come auspicato dall’associazione delle compagnie assicurative ha reso vita difficile agli speculatori delle microlesioni, eliminando l’automatismo tra autodichiarazione e liquidazione del danno di piccola entità e riformulando la tempistica di liquidazione, oggi ancora troppo breve, per evitare liquidazioni frettolose e non controllabili da parte delle compagnie.

In Italia – come denunciava prima dell’intervento leglislativo l’Ania – nulla o quasi era stato fatto a fronte di 500mila colpi di frusta denunciati ogni anno, più di 1.300 al giorno. Nel nostro Paese 23 incidenti su 100 registravano danni alla persona contro la media europea del 10%, Regno Unito escluso. Una situazione d’emergenza che, in alcune zone della penisola, assumeva proporzioni ancor più preoccupanti con richieste di risarcimento per danni alla persona ogni due incidenti, come avveniva in alcune province della Puglia.

note

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI