Diritto e Fisco | Articoli

Notifica di sabato: è valida? 

21 Giugno 2021 | Autore:
Notifica di sabato: è valida? 

Il sabato è equiparato ad un giorno festivo oppure le attività di consegna degli atti, mediante lettera raccomandata o Pec, possono essere compiute?

Uno dei dubbi più comuni riguarda la notifica fatta di sabato: è valida? L’equivoco nasce dal fatto che nei giorni festivi le attività di notifica sono sospese per legge. Ma il sabato, come tutti sappiamo, i postini lavorano e consegnano le raccomandate. Anche le caselle Pec sono sempre attive, 24 ore al giorno e 7 giorni su 7.  Perciò, il sabato è un giorno lavorativo, ma non per tutti e non a tutti gli effetti.

Per evitare fraintendimenti è essenziale porre delle regole e la legge, infatti, le prevede. In realtà, bisogna distinguere tra le notifiche eseguite e quelle ricevute: se sei tu a spedire una lettera raccomandata o ad inviare una Pec, devi sapere che il giorno di sabato non viene conteggiato nei termini in scadenza, che slittano al primo giorno seguente non festivo.

Non sei obbligato a fare una notifica di sabato e potresti attendere il prossimo lunedì. Ma nulla vieta di compiere una notifica di sabato: questa giornata è considerata lavorativa a tutti gli effetti, tant’è che in essa si possono svolgere le udienze e le altre attività giudiziarie. Quindi, la notifica di sabato è valida, ma deve essere compiuta in determinati orari. Inoltre, bisogna distinguere il caso della notifica cartacea, che avviene attraverso la posta o gli ufficiali giudiziari, dalla notifica telematica, che si realizza con l’invio e la ricezione di un messaggio Pec, inserito in una casella anche se il destinatario materialmente non la apre.

In quali orari può essere fatta una notifica? 

La legge [1] dispone che le notificazioni non possono essere fatte prime delle ore 07:00 del mattino e dopo le ore 21:00 di sera. Questa norma è stabilita per tutelare il riposo e la tranquillità delle persone, che hanno diritto a non essere disturbate oltre certi orari.

Se arriva l’ufficiale giudiziario, il messo comunale o il postino al di fuori della fascia oraria 07:00-21:00 hai diritto di rifiutare di ricevere l’atto. Se invece decidi di prenderlo, puoi chiedere che il notificatore specifichi, nella relazione di consegna, l’orario in cui te lo ha consegnato [2].

Orario delle notifiche tramite Pec 

Se in alternativa alla modalità cartacea si utilizza la Pec, cioè la posta elettronica certificata, la casella telematica è sempre attiva. In tali casi, la notifica si perfeziona nel giorno di ricezione, che è comprovato dal messaggio di conferma ricevuto dal notificante: si chiama ricevuta di avvenuta consegna e costituisce prova del corretto invio al destinatario, alla pari dell’avviso di ricevimento di una lettera raccomandata. 

Questo significa che se la Pec perviene sulla casella di destinazione dopo le ore 21:00 ed entro le ore 24:00 la notifica è considerata validamente effettuata in quel giorno, altrimenti si perfezionerà il giorno successivo. Ai fini dell’orario, si considera sempre il momento in cui viene generata la Pec di avvenuta consegna, che è l’unico documento idoneo a fornire la garanzia che il messaggio è stato recapitato. Per approfondire questo aspetto leggi “Orario delle notificazioni tramite Pec”.

Notifica nei giorni festivi 

Il Codice di procedura civile [3] stabilisce che i giorni festivi entrano nel computo dei termini per la validità della notifica, ma se l’ultimo giorno utile per eseguire la notifica è festivo la scadenza è prorogata, di diritto, al primo giorno seguente non festivo. È una regola che opera automaticamente e riguarda tutte le domeniche dell’anno più tutte le festività “comandate” – come Natale, Capodanno, l’Epifania, Pasqua, Pasquetta, Ferragosto, Ognissanti e l’Immacolata Concezione – quando cadono in un qualsiasi giorno feriale (sabato compreso).

Questa norma è indispensabile per capire entro quando deve essere notificato un atto e da quando decorre la validità della notifica eseguita. Ad esempio, se il termine finale utile per notificare un atto cade di domenica, o il giorno di Natale o di Santo Stefano, la scadenza slitta al primo giorno lavorativo successivo.  

Notifica eseguita o ricevuta di sabato: quando è valida?

Da alcuni anni, la legge [4] ha equiparato il sabato ai giorni festivi, nel senso che la proroga prevista per essi si applica anche ai termini per il compimento degli atti processuali che scadono nella giornata di sabato. Perciò, se un termine per eseguire una notifica cade di sabato, la sua scadenza non si compie né quel giorno né nella domenica, ma è sempre differita al giorno lavorativo seguente. In pratica, se devi opporti a un decreto ingiuntivo, ad un’ingiunzione fiscale, a una cartella esattoriale o a una sanzione per infrazione stradale hai due giorni di tempo in più per effettuare la notifica [5].

Attenzione: questa norma di legge riguarda esclusivamente gli atti processuali e non le notifiche in generale. Pertanto, la notifica di un qualsiasi atto non processuale – come una cartella esattoriale, un atto di citazione in giudizio o una multa stradale – potrà validamente avvenire, ed essere ricevuta dal destinatario, anche di sabato. La notifica mediante portalettere, ufficiale giudiziario o messo incaricato va compiuta dalle ore 07, 00 alle ore 21,00; quella a mezzo Pec può avvenire anche al di fuori di tali orari.


note

[1] Art. 147 Cod. proc. civ.

[2] Art 47 disp. att. Cod. proc. civ.

[3] Art. 155 Cod. proc. civ.

[4] Art. 155, co.5, Cod. proc. civ., introdotto dalla L. n.263/2005.

[5] Cass. S.U. sent. n. 1418 del 01.02.2012; Cass. ord. n. 16234 del 29.07.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube