Diritto e Fisco | Articoli

Mantenimento: che fare se l’obbligato non paga? 

25 Giugno 2021 | Autore:
Mantenimento: che fare se l’obbligato non paga? 

La legge offre diverse strade per ottenere l’importo dell’assegno dovuto all’ex coniuge ed ai figli dopo la separazione o il divorzio: dal pignoramento dei beni alla denuncia penale.

L’assegno di mantenimento, da versare periodicamente nell’importo stabilito dal giudice a seguito della sentenza di separazione o di divorzio, è una cosa seria. La sua finalità è assistenziale e serve a garantire un adeguato sostegno economico all’ex coniuge ed ai propri figli. Dal provvedimento del giudice scaturisce un vero e proprio obbligo a corrispondere l’assegno mensile agli aventi diritto. Ma, al di là dei principi, che fare se l’obbligato non paga il mantenimento? 

Questi casi sono, purtroppo, molto frequenti. C’è chi adduce difficoltà economiche, chi si disinteressa completamente dell’ex coniuge e della prole, chi minaccia, boicotta o ricatta, per far sentire il peso della sua superiorità finanziaria o, per motivi di rancore, paga solo il dovuto per i figli ma non dà nulla all’ex moglie, chi pensa soltanto alle esigenze della nuova compagna trascurando le esigenze della vecchia famiglia, chi semplicemente scompare e si rende irreperibile. Non si tratta solo di questioni private: la legge offre vari strumenti per reagire di fronte a tali fenomeni e ci sono diverse strade percorribili, sia a livello civile sia in ambito penale.  

Se l’obbligato non paga il mantenimento si può sporgere una querela per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare: è prevista la pena della reclusione fino a un anno, o, in alternativa, della multa fino a 1.032 euro. La norma, però, punisce chi «si sottrae» ai versamenti periodici: non basta, quindi, ritardare o saltare un paio di mesi. Se il coniuge inadempiente ha un’adeguata capacità patrimoniale, sono più efficaci gli strumenti civilistici, come il pignoramento dei beni o il prelievo diretto delle somme dovute dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico. 

Omesso versamento assegno di mantenimento: i rimedi civili 

L’assegno di mantenimento riconosciuto in favore dell’ex coniuge economicamente non autosufficiente e dei figli minori (o anche maggiorenni, se ancora privi di lavoro o inabili) nell’accordo di separazione omologato dal giudice, nel provvedimento di separazione giudiziale dei coniugi o nella sentenza di divorzio è un titolo esecutivo giudiziale. 

Questo significa che il suo inadempimento è riconosciuto in automatico, senza dover svolgere una causa per accertarlo. Se sei il beneficiario dell’assegno e non ottieni puntualmente quanto dovuto dal tuo ex coniuge, per te ed anche per i figli, la prima cosa da fare è recarti dal tuo avvocato, che predisporrà e invierà, con raccomandata o Pec, una lettera di diffida all’obbligato, intimando un breve termine – solitamente di 15 giorni – per versare tutte le somme sino a quel momento scadute.  

Se la diffida non viene riscontrata, il legale redigerà un atto di precetto, cioè un ordine di pagamento del dovuto, da saldare entro il termine perentorio di 10 giorni. Se anche il precetto rimane inadempiuto, scattano gli strumenti di esecuzione forzata sul patrimonio del debitore. In particolare, diventa possibile attuare: 

  • il pignoramento dei beni mobili e immobili dell’ex coniuge, come le case di sua proprietà, gli autoveicoli, il suo conto corrente e gli altri depositi bancari o postali; 
  • il sequestro conservativo dei medesimi beni suscettibili di pignoramento, se c’è il fondato pericolo che il debitore li disperda e si sottragga all’adempimento [1]; 
  • l’ordine di pagamento, rivolto a qualunque soggetto che deve soldi all’ex coniuge (come il suo datore di lavoro o il suo ente pensionistico) di versare direttamente al beneficiario le somme dovute [2]

Anna non riceve da un anno l’assegno di mantenimento di 500 euro mensili per sé e per i figli. L’ex marito, Marco, è un lavoratore dipendente e riceve tutti i mesi lo stipendio di 1.500 euro. Anna si rivolge al giudice civile, che ordina al datore di lavoro di Marco di versare direttamente ad Anna i 500 euro al mese, detraendoli dalla retribuzione di Marco.

Tieni presente che anche il Tfr dell’obbligato al mantenimento può essere pignorato e sequestrato, quindi il trucco di dare le dimissioni per evitare il prelievo di parte dello stipendio non funziona; anzi, è un’ottima occasione per gli aventi diritto di ricevere tutti gli arretrati non corrisposti, soddisfacendosi sul trattamento di fine rapporto dell’ex coniuge. 

Sempre a livello civile, ci sono altri strumenti idonei a rendere difficile la vita all’obbligato inadempiente, come la richiesta di affidamento esclusivo dei figli minori, basata sul disinteresse affettivo e materiale dimostrato dal genitore che non provvede al loro mantenimento e, dunque, li trascura. 

Mantenimento omesso: la tutela penale 

Ti abbiamo anticipato all’inizio che l’omesso mantenimento è reato. Precisamente, si tratta del delitto di violazione degli obblighi di assistenza familiare, che è perseguibile a querela di parte quando si tratta dell’ex coniuge, mentre è procedibile d’ufficio se riguarda soltanto i figli minori. La condotta punita penalmente è quella di chi «si sottrae all’obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno dovuto in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio», o di chi in qualsiasi altro modo «vìola gli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli» [3].

Di recente, la Corte di Cassazione [2] ha precisato che la querela della madre copre i figli minorenni rimasti anch’essi privi di assegno di mantenimento, ma non i figli maggiorenni che ancora ne beneficiano, non avendo raggiunto l’autosufficienza economica: dunque, se i figli hanno raggiunto l’età di 18 anni dovranno sporgere una querela autonoma. 

Tieni presente che il reato è punibile a titolo di dolo, dunque rilevano anche le cause e i motivi oggettivi dell’inadempimento. Ad esempio, c’è chi potrebbe difendersi di non poter pagare perché è stato licenziato ed è rimasto disoccupato senza sua colpa, non riuscendo a trovare un altro lavoro. Non c’è solo chi non vuole pagare: c’è anche chi proprio non può; i giudici penali ne tengono conto e, in tali casi, non pronunciano una sentenza di condanna, ma assolvono l’imputato quando riscontrano che egli risulta assolutamente impossibilitato all’adempimento.

È importante sapere che la violazione penale non scatta semplicemente quando si verifica un’omissione di pagamento dell’assegno di mantenimento nell’importo fissato ed entro le rispettive scadenze, ma soltanto se è connotata da dolo. Quindi, la querela non è un’arma per ottenere il pagamento del dovuto, ma, al più, uno strumento di pressione (non particolarmente efficace, perché il procedimento penale dura anni) e un modo per ottenere la punizione del colpevole. L’illecito civile, invece, sussiste in presenza di qualsiasi inadempimento, a prescindere dalle ragioni, e i rimedi che ti abbiamo indicato sono percorribili in tutti i casi di omesso versamento dell’assegno di mantenimento. 

Approfondimenti

Per ulteriori informazioni leggi i seguenti articoli:


note

[1] Art. 671 Cod. proc. civ.

[2] Art. 156, co. 6, Cod. civ.

[3] Art. 570 bis Cod. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube