Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono i diritti di una madre non sposata?

29 Settembre 2021 | Autore:
Quali sono i diritti di una madre non sposata?

Quali sono i diritti dei figli nati fuori dal matrimonio? Quale tutela offre la legge alla donna e madre non coniugata? Convivenze e coppie di fatto.

L’ordinamento giuridico italiano non tutela soltanto le coppie sposate, ma anche le persone che convivono stabilmente e che sono legate da sentimento affettivo. Per vantare dei diritti, dunque, non occorre necessariamente sposarsi. Questo vale ancor di più nel caso di presenza della prole: per legge, tutti i figli hanno gli stessi diritti, tanto che oggi non esiste più la differenza tra figli naturali e legittimi. Da tanto deriva che tutti i figli hanno il diritto di stare con i genitori, e questi ultimi di prendersi cura di loro. Con questo articolo ci soffermeremo su un particolare aspetto: vedremo cioè quali sono i diritti di una madre non sposata.

Sin da subito, possiamo fare un’importante anticipazione: tutti i genitori hanno uguali diritti e doveri nei confronti della prole, al fine di evitare distinzioni tra figli nati in costanza di matrimonio e figli nati al di fuori del vincolo coniugale. Diverso è invece il discorso per quanto concerne i reciproci diritti e doveri tra i partner: solo con il matrimonio si ottiene una tutela completa, tutela che man mano si fa più sfumata nel caso di convivenze di fatto regolarmente registrate in Comune e, infine, di mere coppie di fatto. Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più, prosegui nella lettura: vedremo insieme quali sono i diritti di una donna e madre non sposata.

Quali sono i doveri dei coniugi verso i figli?

Secondo il Codice civile [1], il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obbligo di mantenere, istruire, educare e assistere moralmente i figli, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni.

Come diremo di qui a un istante, questi obblighi non appartengono solo alla coppia sposata, ma a ogni genitore, a prescindere dal matrimonio.

Quali sono i doveri dei genitori verso i figli?

Sempre secondo il Codice civile [2], il figlio ha diritto ad essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha inoltre diritto a crescere in famiglia e a mantenere rapporti significativi con i parenti.

In pratica, per la legge, non c’è differenza tra doveri dei genitori sposati e i doveri dei genitori non sposati nei riguardi della loro prole: per eliminare ogni discriminazione tra figli nati in costanza di matrimonio e figli nati al di fuori del vincolo di coniugio, il Codice civile impone ai genitori, per il solo fatto di aver messo al mondo la prole, il dovere inderogabile di occuparsi di essa.

Ciò significa che il padre e la madre, anche se non sposati oppure non conviventi, dovranno sempre educare, istruire e sostenere, materialmente e moralmente, i propri figli, almeno fino a quando non saranno abbastanza grandi per poter essere indipendenti.

Quali sono i diritti di una madre non sposata?

Da quanto detto nel precedente paragrafo si evincono anche quali sono i diritti di una madre non sposata:

  • crescere ed educare la prole;
  • rappresentare il figlio minorenne e gestire i suoi beni;
  • avere l’affidamento e far visita al minore, nel caso in cui i genitori siano separati;
  • ricevere il mantenimento nell’interesse del figlio, nel caso di affidamento esclusivo;
  • godere dei permessi sul lavoro.

Insomma: i diritti di una madre non sposata nei confronti dei propri figli sono identici a quelli che spettano a una madre coniugata. I diritti, infatti, non sono altro che il corrispettivo dei doveri vero la prole.

Quali sono i diritti di una donna non sposata?

Diverso è invece il discorso dei diritti che una donna non sposata può vantare nei confronti del partner. In questo caso, bisogna distinguere a seconda del tipo di rapporto instaurato:

  • se la convivenza è stata formalizzata in Comune, allora si dà luogo a una convivenza di fatto, tutelata dalla legge Cirinnà [3];
  • se la coppia convive ma preferisce non formalizzare l’unione, allora si avrà una mera coppia di fatto, per la quale la legge non prevede particolari tutele, se non quelle elaborate dalla giurisprudenza.

Vediamo dunque quali sono i diritti di una donna non sposata a seconda che si tratti di una convivenza di fatto o di una semplice coppia di fatto.

Convivenza di fatto: i diritti della donna non sposata

Di seguito, sono elencati alcuni dei principali diritti che spettano a una donna non sposata all’interno di una convivenza di fatto:

  • può far visita al partner detenuto;
  • in caso di malattia o di ricovero, è possibile visitare il convivente, assisterlo e accedere alla sua cartella clinica;
  • può designare il compagno quale suo rappresentante con poteri pieni o limitati in caso di malattia che comporta incapacità di intendere e di volere, per le decisioni in materia di salute, ovvero in caso di morte, per quanto riguarda la donazione di organi, le modalità di trattamento del corpo e le celebrazioni funerarie;
  • il convivente superstite ha diritto di continuare ad abitare nella stessa casa dove conviveva per un periodo di tempo;
  • nei casi di morte del conduttore o di suo recesso dal contratto di locazione della casa di comune residenza, il convivente ha facoltà di succedergli nel contratto;
  • in caso di decesso del convivente, derivante da fatto illecito di un terzo (incidente stradale, ad esempio), alla donna non sposata spetta lo stesso risarcimento che toccherebbe alla moglie.

Alla donna non sposata, pur se convivente di fatto, non spetta l’eredità né l’assegno di mantenimento nel caso di fine della relazione, salvo che non sia stato sottoscritto apposito contratto di convivenza per disciplinare i rapporti patrimoniali della coppia.

Coppia di fatto: i diritti della donna non sposata

Nel caso di coppia di fatto non registrata in Comune, alla donna non sposata è riconosciuta una serie davvero limitata di diritti:

  • al termine della relazione, la donna ha diritto di rimanere nella casa in cui conviveva, per il tempo strettamente necessario a trovare una nuova sistemazione;
  • se l’abitazione in cui vive la coppia di fatto è presa in affitto, alla morte del partner la donna ha diritto di subentrare nel contratto fino alla sua naturale scadenza;
  • se il convivente muore per illecito altrui, alla donna non sposata spetta il risarcimento dei danni, così come visto nel paragrafo superiore;
  • al termine della relazione, la donna non deve restituire quanto ricevuto in costanza di convivenza, salvo che si tratti di doni dal valore sproporzionato rispetto all’importanza della relazione;
  • ai fini del rilascio del titolo di soggiorno rileva anche la convivenza stabile dello straniero che dimostri di trarre da tale tipo di rapporto mezzi leciti di sostentamento.

note

[1] Art. 147 cod. civ.

[2] Art. 315-bis cod. civ.

[3] Legge n. 76/2016.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube