HOME Articoli

Lo sai che? I soldi dati al figlio per la casa non entrano in comunione dei beni

Lo sai che? Pubblicato il 14 maggio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 14 maggio 2014

In caso di donazione indiretta, il bene acquistato viene escluso dalla comunione legale; non è inoltre necessario l’atto pubblico notarile e la presenza dei testimoni.

Qualora il genitore voglia donare una somma di denaro al proprio figlio (coniugato e in regime di comunione legale dei beni) per l’acquisto di una casa, l’immobile non rientrerà nella predetta comunione dei coniugi. Tale effetto è automatico e non è necessaria la cosiddetta “dichiarazione di scienza”, fatta davanti al notaio, da parte dell’altro coniuge [1].

È questa la sintesi di una recente sentenza della Cassazione [2].

La regola generale fissata dal codice civile [1] stabilisce che l’acquisto di beni immobili successivo al matrimonio non rientra nella comunione quando tale esclusione risulti dall’atto di acquisto e sempre che di esso sia stato parte anche l’altro coniuge (ossia lo abbia sottoscritto).

Secondo la sentenza in commento, però, tale regola non si applica alle donazioni indirette, ossia a quei casi in cui il donante si limiti soltanto a dare, al donatario, la somma di denaro necessaria per l’acquisto di un bene specifico, affinché sia direttamente quest’ultimo ad acquistarlo, intestandolo a sé medesimo (senza così bisogno di due passaggi di proprietà). Tipico è il caso di un genitore che voglia regalare a un figlio una casa o un’automobile.

Dunque, in caso di donazione indiretta, il bene acquistato col denaro ottenuto in donazione non rientra mai nella comunione legale dei coniugi, senza bisogno di alcun formalismo.

Nella stessa sentenza, la Cassazione ha avuto modo di precisare anche che la donazione indiretta non necessita dell’atto pubblico davanti al notaio e della presenza dei testimoni, forma che, invece, è richiesta per tutte le altre donazioni (salvo per quelle di “modico valore”).

note

[1] Art. 479, secondo co., cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 14197 del 5.06.2013.

 

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI